Resta in contatto

Cagliari 1920 - 2020

‘75/’76: la discesa in Serie B, il pesante infortunio di Riva e Nenè che si ritira

Una stagione da dimenticare per vari motivi. Arrica lascia la presidenza e Delogu ne prende ad interim le redini. La scelta sbagliata di Suarez in panchina

Dopo dodici stagioni in Serie A, iniziate con la promozione nel 1964 e culminate con lo scudetto del 1970 (LEGGI QUI) l’esordio in Coppa delle Fiere, Coppa dei Campioni e Coppa Uefa, il Cagliari conosce l’amarezza della retrocessione.

PESSIMO AVVIO. L’inizio stagionale è disastroso, con il grave infortunio di Vecchi tra i pali e con due pareggi (1-1 in casa della Roma con gol di Viola all’esordio e 0-0 al Sant’Elia con l’Ascoli) e tre ko: 1-0 sul campo dell’Inter, con la Juventus 0-1, a Napoli 3-1, con marcatura di Riva. La classifica già piange: ultimo posto con 2 punti assieme a Como e Verona. Le cose vanno peggio dal sesto al decimo turno, dove si registrano un solo pareggio (0-0 col Perugia) e altre quattro battute d’arresto contro il Bologna in casa (sigla ancora Riva) per 2-1, stesso risultato a Genova con la Sampdoria (marcatore sempre l’attaccante numero 11) ko che costa la panchina a Luis Suarez (scommessa che si rivela un fallimento) e il conseguente arrivo di Mario Tiddia. Anche perché il sostituto designato Gustavo Giagnoni, che si rende disponibile, non può andare a dama per una complicazione con un contratto in atto con altro club. Anche per Tiddia le cose vanno male: 1-2 casalingo col Cesena con a segno il solito Rombo di Tuono, e 3-0 a Roma con la Lazio. Tre punti in dieci partite e un distacco dalla zona salvezza di 5 punti e viatico per la B.

INFORTUNIO RIVA. La terza sconfitta di fila dell’era Tiddia arriva all’undicesima giornata e al Bentegodi contro il Verona per 2-1, ko maturato dopo l’illusorio gol siglato da Riva al 27’. L’11 gennaio 1976, contro il Como di Valcareggi, il primo successo stagionale dopo 12 giornate. A regalare i 3 punti Riva, il quale va a rete dopo 11’ della ripresa battendo Rigamonti. Lo 0-0 in casa con il Torino regala un altro punto: il 3-0 a Firenze e l’1-3 con il Milan chiudono il girone d’andata. Gli isolani sono sempre ultimi con 6 punti, uno in meno del Como e soprattutto quattro in meno di Sampdoria e Bologna. Ma la vera brutta notizia è l’infortunio occorso a Gigi Riva, che durante il match col Milan (1° febbraio), ad inizio secondo tempo, si infortuna. La diagnosi parla di distacco degli adduttori, ma soprattutto di stagione finita.

Come riportano le cronache dell’epoca, la prima partita senza Riva è emblematica: il Cagliari crolla letteralmente al Sant’Elia 5-1 contro la Roma nella peggiore sconfitta interna della storia in A in oltre 40 anni. Non è tutto: con i problemi che abbondano e l’ultimo posto in classifica, arrivano le dimissioni del presidente Andrea Arrica e con Mariano Delogu che gli subentra, in attesa di nuove elezioni per la carica. Eppure i rossoblù, con un tentativo di rimonta, infilano una serie positiva dalla diciassettesima alla venticinquesima giornata. Spettacolare il 5-3 alla Sampdoria (LEGGI QUI) e importante quello contro la Lazio con reti di Piras e Virdis. La retrocessione però non viene evitata. Infatti il 2-0 subito dal Verona, il 3-0 dal Como e il pesante 5-1 dal Torino dell’ex Radice, rendono inutili le vittorie per 2-1 sulla Fiorentina e il 3-2 a San Siro sul Milan terzo. Il Cagliari a 19 punti, con Como a 21 e Ascoli a 23, retrocede in Serie B.

L’ADDIO. Dopo la gara con il Milan, Nenè (vero nome Claudio Olinto de Carvalho) presente in tutti questi dodici campionati di Serie A fino ad allora giocati, si ritira dal calcio dopo aver segnato 23 reti in 311 gare giocate in rossoblù.

11 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
11 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Larghissima maggioranza tra i lettori di CalcioCasteddu: Giulini dovrebbe passare la mano

Ultimo commento: "non faccia il testardo Giulini, il fluoro si, ma il calcio proprio no."

(SONDAGGIO) Capozucca confermato, pro o contro?

Ultimo commento: "Giulini vattene insieme a capozucca siete la rovina del Cagliari"

SONDAGGIO – Cagliari in B: Giulini deve restare o sarebbe meglio un’altra proprietà?

Ultimo commento: "e allora se voleva retrocedere continuiamo a difendere questo incapace e vediamo dove andiamo a finire!"

Salvezza o meno i lettori di CalcioCasteddu vogliono una nuova guida tecnica

Ultimo commento: "Qui permettimi di rispondere; ma non ti sembra un po da miserabili disperati mettere 3 attaccanti contro una squadra di poveracci che meritano di..."

(SONDAGGIO) Ripartire da Agostini o cambiare ancora?

Ultimo commento: "Agostini ha preso una squadra praticamente condannata alla retrocessione. Ci voleva coraggio. Occorre un drastico cambiamento a partire dal presidente..."
Advertisement

I Miti rossoblu

16 campionati in rossoblu per la bandiera del Cagliari

Daniele Conti

Il portiere del leggendario scudetto del 1969-70

Enrico Albertosi

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

"BONIMBA", UNO DEI PIÙ FORTI ATTACCANTI ROSSOBLU

Roberto Boninsegna

Altro da Cagliari 1920 - 2020