Resta in contatto

News

Serie C Girone A, Olbia attacca ma non segna: con la Giana Erminio finisce 0-0

I bianchi mancano la quarta vittoria di fila ma la salvezza è sempre più una certezza con due gare da recuperare

Un pareggio che sta stretto. L’Olbia crea ma non segna e, con la Giana Erminio al Nespoli, finisce 0-0.

IL MATCH. I bianchi creano di più degli avversari ma nessun intervento degno di nota del portiere ospite Acerbis per oltre mezz’ora di partita. Va scritto però che al 14’ Udoh sfiora la deviazione vincente, mentre alla mezz’ora Altare prova il bis del gol contro la Carrarese, stavolta il colpo di testa non è dei migliori. Biancu ad un passo dalla rete al 36’. Prima dell’intervallo (43’) salvataggio di Altare su Conti e dall’altra parte (45’) Acerbis non si fa saltare dalla conclusione di Pennington.

5’ del secondo tempo: altra spizzata di Altare ma ancora il gol non arriva. Sette minuti dopo Udoh suggerisce il pallone all’indirizzo di La Rosa, la cui conclusione angolata termina di poco al lato. 17’: cross di Biancu per Lella, botta di testa ma palla sul fondo. Al 24’ De Maria con un sinistro secco, ma Tornaghi respinge alla grande e fa lo stesso su Madonna. 31’: scarico di Lella per Ragatzu, il quale a colpo sicuro non trova la rete con palo sfiorato. Attaccano i bianchi che la vogliono vincere la quarta gara di fila. Al 38’ dentro Cocco e Gagliano, fuori Udoh e Ragatzu. Infine (46’) Marigosu non profitta di una dormita di Montesano, per segnare il gol della vittoria. Al Nespoli finisce 0-0. L’Olbia, che deve recuperare ancora due partite, sale a quota 41 punti con un vantaggio notevole su Livorno e Lucchese.

LE PAROLE DI CANZI. “Sono soddisfatto della prestazione dei ragazzi anche se non siamo stati impeccabili e per questo resta un po’ di amaro in bocca nel commentare questo pareggio – dice il tecnici nelle parole riportate dal sito ufficiale – Sapevamo che affrontare questa Giana sarebbe stato complicato. È una squadra che non ti permette di giocare e che ha una precisa strategia quando scende in campo. Non è il calcio che piace a me, ma in questo sport il concetto di bello è sempre relativo e soprattutto si lega ai punti conquistati. Ci abbiamo provato fino alla fine a prenderci la vittoria, non ci siamo riusciti. Avevo detto ai ragazzi che questa sarebbe stata la partita della pazienza. Nel primo tempo abbiamo peccato di lucidità e frenesia nella gestione della palla cercando giocate lunghe che, contro una squadra così bassa e compatta, non potevamo funzionare. Nella ripresa siamo andati meglio, loro hanno perso un po’ le distanze e abbiamo creato diverse occasioni da gol. Peccato per non essere riusciti a capitalizzare le tante opportunità su palla inattiva”.

CARRARESE. Dopo l’ennesima sconfitta, sono arrivate le dimissioni di Silvio Baldini. La società ha annunciato stasera il nuovo allenatore: si tratta di Antonio Di Natale.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Difesa ballerina, serve tempo a Liverani o è necessario andare sul mercato?

Ultimo commento: "È da anni che la difesa è imbarazzante ma pare che nessuno della dirigenza se ne sia mai accorto"

(SONDAGGIO) Quale modulo per il nuovo Cagliari?

Ultimo commento: "Chi sceglie 'è' Liverani. Questo nostro è un gioco."

Fascia da capitano, Deiola non convince i lettori di CalcioCasteddu

Ultimo commento: "per me Deiola è prezioso non sarà un fuoriclasse ma dà l'anima per la squadra e tiri da lontano che sono belli da vedere"

Il modulo del nuovo Cagliari, i lettori di CalcioCasteddu promuovono il 4-3-3

Ultimo commento: "GIULINI DAI UNA SPERANZA ALLA SQUADRA ED AI TIFOSI, LASCIA LA PROPRIETA'"

(SONDAGGIO) Lapadula la spalla giusta per Pavoletti?

Ultimo commento: "Se avevi Caceres e Godin non saresti retrocesso."
Advertisement

I Miti rossoblu

16 campionati in rossoblu per la bandiera del Cagliari

Daniele Conti

Il portiere del leggendario scudetto del 1969-70

Enrico Albertosi

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

"BONIMBA", UNO DEI PIÙ FORTI ATTACCANTI ROSSOBLU

Roberto Boninsegna

Altro da News