Resta in contatto

News

Guffanti: “Seguiamo tutti i nostri giocatori in prestito. Avrei voluto scoprire Pavoletti”

Il capo area scouting del Cagliari parla a 360 gradi della sua nuova esperienza in Sardegna e delle possibilità di scovare nuovi talenti

PARLA GUFFANTI. Sardegna prima di tutto, ma poi tutto il resto del mondo. I prossimi protagonisti del Cagliari vanno cercati in ogni angolo: è questa la filosofia di Riccardo Guffanti, capo area scouting del Cagliari, che sulle pagine de L’Unione Sarda parla della sua nuova esperienza con la società rossoblù, ma anche del suo passato.

TALENT SCOUT. “In un giocatore occorre guardare tanti aspetti”, spiega Guffanti, “tecnica, fisico, tattica e carattere: almeno uno di questi deve esserci. L’età ideale per scoprire un talento è intorno ai 15-16 anni, prima no, anche perché è giusto che i ragazzi crescano nel loro territorio e prendano tutto come un gioco. I ruoli più difficili da scoprire sono il portiere e l’attaccante, li metto sullo stesso piano. I giocatori in prestito? Li seguiamo tutti, anche quelli impegnati nei campionati interregionali.

SCOPERTE. “Uno del Cagliari che avrei voluto scoprire? Pavoletti: sarebbe dovuto essere in Nazionale in pianta stabile da tanto tempo. Se lo avessi scoperto io non avrei permesso che girasse in prestito senza certezze, su questo ragazzo bisognava crederci da subito. Il nostro bacino di utenza? Guardiamo in Bulgaria, Slovenia, Grecia ma anche fuori dall’Europa, come per esempio in Africa. Colombatto e Deiola? Hanno grandi potenzialità, ma hanno anche bisogno di continuità. Non solo loro, anche Han, Capello e tutti gli altri rossoblù in prestito. Handanovic la soddisfazione più grande, Muriel invece la delusione. Un nuovo Barella? Magari più di uno, lo dirà il campo, ma lui è il top. Il Presidente sta investendo molto. Cossu? Anche lui è stata una scoperta, non ha avuto bisogno di tempo per calarsi nel nuovo ruolo dopo il ritiro. Si impegna e ha capacità di valutazione. Andrà lui al Mondiale Sub 20 in Cile”.

 

 

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest
1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement
Advertisement

I Miti rossoblu

16 campionati in rossoblu per la bandiera del Cagliari

Daniele Conti

Il portiere del leggendario scudetto del 1969-70

Enrico Albertosi

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

"BONIMBA", UNO DEI PIÙ FORTI ATTACCANTI ROSSOBLU

Roberto Boninsegna

Altro da News