Resta in contatto

Rubriche

Meteore rossoblù – La breve e triste parentesi di Christian Bucchi

In questa puntata della nostra rubrica ripercorriamo la breve permanenza di un attaccante che viene, purtroppo, ricordato per un tragico avvenimento

Mercato invernale del 2003. Massimo Cellino è alla ricerca di un forte attaccante da affiancare alla batteria composta da Suazo, Cammarata, Esposito e Langella.

Sono quattro i nomi sul suo taccuino: Roberto Carlos Sosa, Francesco Flachi, Stefan Schwoch, Christian Bucchi.

La scelta del presidente di Sanluri ricade proprio su quest’ultimo: venticinque anni, tanta voglia di riscatto e di fare goal dopo una parentesi non proprio felice a causa del doping.

Christian sa di essere giunto in una squadra con precise gerarchie davanti, ma la grinta non gli manca ed attende fiducioso il suo turno. Il tecnico Giampiero Ventura lo chiama titolare in due occasioni, a Venezia e contro il Livorno, senza tuttavia riuscire ad incidere.

Ad onor del vero quella squadra è molto molle, non costruisce un gioco degno di questo nome, ed a risentirne sono proprio gli attaccanti. Christian non si scompone: sa che il suo momento arriverà.

Purtroppo a troncare la sua felicità arriva il momento più triste della sua vita: è il 2 marzo ed il Cagliari rientra dalla vittoriosa trasferta di Genova contro i grifoni.

Christian ha provato a contattare la sua compagna, Valentina, senza ottenere risposta. E’ preoccupato, anche perchè assieme a lei c’è Emily, la loro bimba di un anno e mezzo.

Arriva a Cagliari ed assieme a due suoi compagni, Mirko Cudini e Simone Loria, giunge nella sua abitazione di Viale Poetto.

Aperta la porta, il dramma. Valentina giace sul divano ed il telefono sul palmo della mano. Accanto a lei la piccola Emily addormentata.

Christian urla tanto da attirare l’attenzione dei suoi due compagni che accorrono subito in soccorso. Partono le chiamate al servizio sanitario.

Purtroppo Valentina, 24 anni, promessa sposa di Christian da li a qualche mese, non si risveglierà più. Una cardiomiopatia aritmogena, come stabilirà qualche giorno dopo l’autopsia, l’aveva strappata via al suo futuro marito ed alla sua bimba.

Nei giorni a seguire fu un groppo al cuore per l’intera piazza. Christian si “ritirò” giustamente a vita privata per qualche settimana per poi tornare in campo nella partita contro il Palermo dove raccolse il grandissimo affetto di tutto il Sant’Elia.

La stagione successiva Christian parte ancora dalle retrovie, ma nella partita interna contro l’Ascoli, giocata a Tempio Pausania, trova il goal nei minuti finali della gara venendo letteralmente seppellito dai compagni impazziti anche loro di gioia. Il suo dito puntato verso il cielo ed il bacio verso l’anello, l’anello di Valentina.

 

 

12 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
12 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Salvezza o meno i lettori di CalcioCasteddu vogliono una nuova guida tecnica

Ultimo commento: "Qui permettimi di rispondere; ma non ti sembra un po da miserabili disperati mettere 3 attaccanti contro una squadra di poveracci che meritano di..."

(SONDAGGIO) Ripartire da Agostini o cambiare ancora?

Ultimo commento: "Agostini ha preso una squadra praticamente condannata alla retrocessione. Ci voleva coraggio. Occorre un drastico cambiamento a partire dal presidente..."

(SONDAGGIO) Pereiro, fuoco di paglia o serve fiducia?

Ultimo commento: "È un giocatore che ogni tanto si sveglia del letargo e regala qualche prodezza, ma sono sicuro che un giocatore come Ragatzu avrebbe dato di più al..."

(SONDAGGIO) Cagliari-Sassuolo, ultima spiaggia per Mazzarri?

Ultimo commento: "Non credo che Mazzarri abbia molte colpe, visto che ha trovato una squadra inadeguata e anche impreparata, gli innesti di dicembre hanno portato..."
Advertisement

I Miti rossoblu

16 campionati in rossoblu per la bandiera del Cagliari

Daniele Conti

Il portiere del leggendario scudetto del 1969-70

Enrico Albertosi

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

"BONIMBA", UNO DEI PIÙ FORTI ATTACCANTI ROSSOBLU

Roberto Boninsegna

Altro da Rubriche