Resta in contatto

News

Nastasio rievoca il tricolore: “Fama eterna, proprio per l’anno in cui non giocai!”

L’ex attaccante del Cagliari campione d’Italia nel 1970 ha rievocato a Il Fatto Quotidiano un altro calcio, quello ancora genuino del tricolore rossoblù

LIVORNO. Corrado Nastasio è oggi un distinto signore baffuto. Si gode la “sua” Livorno, città che gli ha dato i natali 74 anni fa. Segue ancora il calcio, con la squadra amaranto nel cuore di cui difese i colori tra il 1965 e il 1968. Nastasio, attaccante alto 175 centimetri non molto prolifico, arrivò in Serie A nel 1968 con l’Atalanta. 5 reti al debutto lo misero in buona luce, tanto che visse il trasferimento a Cagliari l’anno dopo con la convinzione che rappresentasse per lui “quello della svolta nella carriera“.

PARADOSSO. Come sono andate le cose è storia nota. Prima riserva offensiva della rosa di Scopigno che conquistò uno storico tricolore, Nastasio dovette accontentarsi delle briciole dietro Gigi Riva e Bobo Gori. Appena due presenze, ad ogni modo sufficienti per iscrivere il suo nome nella storia del calcio italiano. L’ex rossoblù l’ha sempre presa con filosofia: “Devo la mia fama proprio al campionato dove non giocai!“, sottolinea Nastasio, sicuramente in un mix fatto da un pizzico di rammarico e dalla smisurata soddisfazione di aver participato a una grande impresa. Altro calcio, altri tempi. In cui chi “scaldava la panchina”, al fianco di Manlio Scopigno, doveva restare “seduto su ferro e legno. Mica esistevano le poltrone imbottite dei calciatori di oggi!“.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest
1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

SONDAGGIO – Cagliari in B: Giulini deve restare o sarebbe meglio un’altra proprietà?

Ultimo commento: "A C A S I N U G I U L I N I VA T T E N E"

Salvezza o meno i lettori di CalcioCasteddu vogliono una nuova guida tecnica

Ultimo commento: "Qui permettimi di rispondere; ma non ti sembra un po da miserabili disperati mettere 3 attaccanti contro una squadra di poveracci che meritano di..."

(SONDAGGIO) Ripartire da Agostini o cambiare ancora?

Ultimo commento: "Agostini ha preso una squadra praticamente condannata alla retrocessione. Ci voleva coraggio. Occorre un drastico cambiamento a partire dal presidente..."

(SONDAGGIO) Pereiro, fuoco di paglia o serve fiducia?

Ultimo commento: "È un giocatore che ogni tanto si sveglia del letargo e regala qualche prodezza, ma sono sicuro che un giocatore come Ragatzu avrebbe dato di più al..."

(SONDAGGIO) Cagliari-Sassuolo, ultima spiaggia per Mazzarri?

Ultimo commento: "Non credo che Mazzarri abbia molte colpe, visto che ha trovato una squadra inadeguata e anche impreparata, gli innesti di dicembre hanno portato..."
Advertisement

I Miti rossoblu

16 campionati in rossoblu per la bandiera del Cagliari

Daniele Conti

Il portiere del leggendario scudetto del 1969-70

Enrico Albertosi

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

"BONIMBA", UNO DEI PIÙ FORTI ATTACCANTI ROSSOBLU

Roberto Boninsegna

Altro da News