Resta in contatto

Russia 2018

Mondiale. L’Uruguay soffre ma alla fine batte l’Egitto: 1-0 al 90’!

Al Tsentralnyi di Yekaterinburg  decisiva la rete quasi nel finale di Gimenez che batte l’ottimo portiere avversario El Shenawi, autore di grandi parate.

SPINGE LA SQUADRA DI TABAREZ.Come previsto sudamericani più propositivi, mentre gli uomini di Cuper puntano sulla fase difensiva con una difesa a 4 ermetica e un centrocampo a 5, cercando di mettere in difficoltà gli avversari con le ripartenze di personalità. Al 22’ gran girata di Cavani al termine di una splendida giocata col sinistro, ma palla deviata in angolo. Un minuto dopo clamorosa chance fallita da Suarez, il quale si ritrova la palla sul destro al limite dell’area piccola ma manda la sfera incredibilmente sull’esterno della rete. Di fatto sono queste le uniche azioni degne di nota del primo tempo, chiuso con i nordafricani in avanti. Soddisfatto dei suoi Cuper, non certo Tabarez dall’altra parte.

RIPRESA. Al rientro in campo subito una ghiotta opportunità per l’1-0 sui piedi di Suarez. Servito alla perfezione da Cavani, il centravanti del Barcellona non calcia di piatto ma di collo pieno, trovando una super parata del portiere egiziano El Shenawi. Col passare dei minuti Egitto prende coraggio e si riversa verso la porta uruguiana. Gara comunque intensa e altra strepitosa parata di El Shenawi, che senza paura interviene su un altro tentativo di Suarez, ancora perfettamente imbeccato da Cavani. L’estremo difensore nordafricano, resta leggermente contuso dopo la parata, ma si rialza dopo qualche minuto. Occasione gol anche per l’Egitto al 36’, che giunge dopo una serie di timidi tentativi verso Muslera, di fatto mai impegnato. Azione che nasce da una palla persa da Caceres, che favorisce Said che in qualche modo fa giungere il pallone a Elneny, che però vanifica.

BEFFA EGITTO AL 90. Ma l’uomo del giorno è assolutamente El Shenawi. Il portiere egiziano è ancora una volta superlativo sul destro potente di Cavani al 38’su assist di  Suarez. Poco dopo ecco il gol. Che arriva al 90’, meritato per le azioni effettuate, ma beffardo perché la squadra di Cuper ha dato il massimo. Gol che arriva per la qualità differente espressa in campo: decisivo il colpo di testa di Gimenez, che anticipa tutti, compreso il compagno Godin su punizione di Sanchez e trafigge l’eccellente estremo difensore egiziano. È la rete che decide la seconda partita del Gruppo B, che consente all’Uruguay di agganciare a quota 3 punti la Russia padrona di casa, prima per differenza reti dopo il 5-0 di ieri all’Arabia Saudita. Nella seconda giornata Russia-Egitto (il 19 giugno alle 20) e Uruguay-Arabia Saudita (il 20 alle ore 20).

 

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest
1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement
Advertisement

I Miti rossoblu

16 campionati in rossoblu per la bandiera del Cagliari

Daniele Conti

Il portiere del leggendario scudetto del 1969-70

Enrico Albertosi

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

"BONIMBA", UNO DEI PIÙ FORTI ATTACCANTI ROSSOBLU

Roberto Boninsegna

Altro da Russia 2018