Resta in contatto

Russia 2018

Mondiale, Delusione Inghilterra: il Belgio vince 2-0 e chiude terzo

Un gol per tempo per la nazionale di Martinez realizzati da Meunier e Hazard che migliorano la quarta piazza conseguita 32 anni fa a Messico ‘86

Festa Belgio alla Zenit Arena di San Pietroburgo. Rispetto al successo di 16 giorni fa (1-0 nella fase a gironi) ai danni dell’Inghilterra, questo odierno è di gran lunga importante e prestigioso per i ragazzi di Martinez, che chiudono il mondiale di Russia 2018 vincendo 2-0 che significa terzo posto, e domani verranno giustamente accolti da eroi al rientro in patria a Bruxelles, con la medaglia di bronzo iridata al collo.

Alla soddisfazione dei belgi si contrappone la delusione dell’Inghilterra. Che sperava, 52 anni dopo il trionfo in casa, di ritornare sul tetto del mondo, ma che chiude quarta come a Italia ’90 quando perse 2-1 dagli azzurri. Ma Southgate e il suo popolo possono stare tranquilli. Questa squadra (con il capocannoniere di Russia 2018 Kane in testa) è molto giovane e può dominare in futuro in Europa e nel mondo.

IL BELGIO COLPISCE SUBITO. Gol a freddo della squadra di Martinez. Infatti al 3’Chadli innesca Meunier , il quale fa esplodere un destro di prima intenzione, che supera Pickford che cerca invano di intervenire col piede destro per evitare il gol. Gli inglesi accusano il colpo e reagiscono solo 7’ dopo favoriti  dal rischio di Vertonghen (subentro all’infortunato 3’Chadli) che devia il pallone verso la propria porta, Courtois fa sua la sfera, sul traversone di Trippier.  Al 13’ strepitosa parata a mano aperta del portiere britannico su De Bruyne che ci ha provato con un destro destinato sul secondo palo.  e piazza col destro sul secondo palo, con tocco a liberare non riuscito dall’appena citato Tippier.

Grande battaglia in campo. L’Inghilterra cerca il pareggio ma trova una difesa avversaria molto ben organizzata, ma ci va vicina al 23’ con l’assist di Sterling per il destro di prima intenzione di Kane dentro l’area, sfera che termina d’un soffio graziando Courtois.  Gioca meglio la squadra in vantaggio di quella che deve recuperare, che non aumenta il ritmo. Al 36’ è il Belgio a non trovare la rete che sarebbe stata quella dell’allungo con sul destro a giro di Alderweireld, palla di poco alta sopra la traversa sul suggerimento di Tielemans. Squadre al riposo dopo 2’ di recupero.

La ripresa vede al 6’ il tentativo su punizione Trippier, con Vertonghen che anticipa Stones e manda in angolo con il brivido. Ma le occasioni migliore sono di marca belga, come accade al minuto 11, quando De Bruyne lancia in verticale Lukaku, il quale controlla male e permette al portiere avversario di agguantare la sfera e liberare, oppure al 17’  sulla triangolazione Meunier-Hazard-Meunier, che trova però Delph a liberare in ripiegamento.

ASSALTO INGLESE A COURTOIS. Negli ultimi 25’ pressing importante dell’Inghilterra, che al 26’ si trova la strada sbagliata dal salvataggio sulla linea di porta di Alderweireld, sulla conclusione a botta sicura di Dier che aveva superato Courtois con uno scavetto, ma non fatto i conti con l’avversario.  Fallite dai ragazzi di Southgate altre due ghiotte occasioni. La prima (27’) con Vertonghen che anticipa Maguire ottimamente appostato e si salva in angolo, quindi al 29’  Dier di testa manda al lato di pochissimo.

IL BELGIO CHIUDE I GIOCHI. Abbastanza stanca la squadra di Martinez, il che favorisce le incursioni dell’undici inglese, che però si salva a 10’ dalla fine con la parata amano aperta di Pickford sull’azione più bella della contesa, fatta di colpi di tacco e passaggi perfetti di Hazard, Mertens e Meunier autore della battuta, che poteva essere il 2-0 che chiudeva la gara. Cosa che si verifica al 37’ proprio con Hazard (terzo sigillo a Russia 2018) che infila Pickford con un destro rasoterra favorito dall’errore di Jones, con un destro sul primo palo. Gara di fatto chiusa dopo 3’ di recupero. Festeggia il Belgio, mentre l’Inghilterra si interroga su una brutta finalina giocata stasera a San Pietroburgo.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest
1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

(SONDAGGIO) Quale modulo per il nuovo Cagliari?

Ultimo commento: "Il tridente con luvumbu a destra lapadula al centro e desogus o contini a sinistra ..... contini è un ragazzo che ha corsa e molto generoso ci..."

Il modulo del nuovo Cagliari, i lettori di CalcioCasteddu promuovono il 4-3-3

Ultimo commento: "GIULINI DAI UNA SPERANZA ALLA SQUADRA ED AI TIFOSI, LASCIA LA PROPRIETA'"

Fascia da capitano, Deiola non convince i lettori di CalcioCasteddu

Ultimo commento: "I rigori li sbaglia chi li tira. Di sicuro non li tira un cacasotto che ha trascorso il suo tempo in campo nascosto dietro l'avversario, sbagliando un..."

(SONDAGGIO) Lapadula la spalla giusta per Pavoletti?

Ultimo commento: "Se avevi Caceres e Godin non saresti retrocesso."
Advertisement

I Miti rossoblu

16 campionati in rossoblu per la bandiera del Cagliari

Daniele Conti

Il portiere del leggendario scudetto del 1969-70

Enrico Albertosi

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

"BONIMBA", UNO DEI PIÙ FORTI ATTACCANTI ROSSOBLU

Roberto Boninsegna

Altro da Russia 2018