Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Il dribbling di... Mario Frongia

IL DRIBBLING DI… Mario Frongia. Cagliari, Nereo Bonato e poi?

Sarebbe assurdo dare all’esperto dirigente il ruolo di farmaco salvavita. Respiro lungo su progetto e idea Nainggolan: “Prematuro parlarne”. Club e squadra sono attesi da due mesi decisivi, su tutti i fronti

Mettiamola così, in modo forse ruvido ma pratico: tra i professionisti non si può giocare senza un direttore sportivo in carica. Più o meno bravo, capace, con le idee e gli agganci giusti. Più o meno autonomo o asservito ai voleri del patron e del sistema. Ma questa non è una notizia. A 26 giorni dalla cacciata di Stefano Capozucca – se parla, ne vedremo delle belle – ecco Nereo Bonato. Il DS merita un sincero in bocca al lupo. Da queste parti lo trova affamato, feroce, incapace di darsi pace. Glielo ha fatto anche Stefano Melis: conoscendolo, per esperienza e sensibilità, è stato sincero.

Il responsabile, anche, della Comunicazione ha lanciato l’ostacolo oltre il cuore: sì, si dice il contrario ma rende meglio e aiuta a intuire quanto sia complesso rianimare il club dopo anni di infelicità collettiva. E siamo al dunque: la tifoseria si chiede, legittimamente, quali siano i margini d’azione che potrà avere il ds, magari slegati dalle volontà del presidentissimo. Quali siano i denari che avrà a disposizione per agire alla riapertura di gennaio, qual è la prospettiva sui contratti e la permanenza dei big, cosa fare con i giovani.

Le risposte sono state parziali. L’ex di Sassuolo, Udinese e Cremonese ha un contratto fino al 2024. In conferenza ha parlato di programmazione, scouting, piazza ambiziosa. Bene. Intanto, saltiamo a piè pari il punto uno: il grande burattinaio fa e disfa su tutto e tutti e non è una notizia. L’ultima sua apparizione sul tema risale agli sfarzi del Teatro Doglio e alla presentazione di Eusebio Di Francesco e Pierluigi Carta. Sappiamo come è andata. Anche perché è più interessante il punto due. La questione del budget, che si lega alle potenzialità di cassa e quindi anche alla domanda clou: la società, che ha dichiarato nell’ultimo bilancio un buco di sedici milioni di euro – sempre meglio a debito che a credito, altrimenti chissà quali domande, dicono gli esperti maliziosi, locali e d’oltre Tirreno – ha ancora al collo la tagliola dell’indice di liquidità? Lo scopriremo a breve.

Ancora più interessante, oggi su domani, qual è il Cagliari che Bonato e il presidente hanno in mente? In quale categoria e per quanto? E gli sforzi sono tartai per i possibili e auspicabili risultati? Ed è proprio questo il capitolo chiave per i tifosi. Che hanno tutto il diritto di difendere i propri colori, amati dentro l’isola e a migliaia di chilometri di distanza dal capoluogo, da decenni e non dagli otto anni di disastri societari. Orgogliosi nel dichiarare l’amore, sempre e comunque, per una squadra che pare incapace di rimettersi in piedi, e di manifestare la loro amarezza, con sms, mail, commenti, coretti, fischi e amara disapprovazione.

L’allenatore, mezzo dentro e mezzo fuori. Il popolo rossoblù avrebbe voluto – si è visto e letto, a pelle, dai sondaggi e dai commenti su siti e testate giornalistiche – che Fabio Liverani prendesse la strada per Elmas. Il patron ha scelto diversamente. E chissà se almeno stavolta avrà ragione: uno dice, ce l’hai con lui. Ma i fatti sono scolpiti sul granito: chi ha mandato via Semplici dopo tre giornate, preso Mazzarri, cacciato a tre dalla fine, messo Agostini, con orribile retrocessione a chiudere l’incubo? La risposta è facile. Comunque sia, esonerati Capozucca e Passetti, il presidentissimo ha stretto, e dato altra fiducia, l’asse Muzzi-Liverani. Da qui i numeri di un cammino opaco, a 13 lunghezze dalla vetta, a -3 dalla zona play off e +3 da quella che decreterà chi scende in C. E ancora.

Un bottino di punti deficitario, 17, 14 gol fatti, peggio hanno fatto solo Cittadella, Venezia, Perugia, Como e Benevento, mentre va meglio sulle reti incassate (15, con dieci squadre più battute). Su questo scenario, a pochi giorni dalla trasferta in casa della capolista Frosinone, arriva il DS: sarebbe idiota dare a Bonato il compito e la bacchetta del Mago Silvan. Mentre, sarebbe opportuno, oltreché corretto se non per gli altri per i circa settemila abbonati, sentire la voce della proprietà sui temi del dove si va a parare e quando, ad esempio. O magari, sulla visione e sugli obiettivi. Con i rossoblù che paiono l’eterna incompiuta, in A e in B, senza identità, sicuramente al di sotto delle aspettative e dai pronostici della vigilia. Infine, ma è l’aspetto più complicato da sciogliere, il ruolo del tecnico. Liverani mostra fiducia.

Ma sono apparse difficoltà, o decisioni, tattiche, nella manovra, nel continuo turn over, nei cambi, nella carica agonistica e motivazionale tradotta poi in gara con risultati deludenti. Comunque la si veda, il bicchiere è mezzo vuoto. Ma il presidentissimo, forse per non voler investire su un altro staff tecnico che, visto il clima e il modus operandi societario, chiederebbe la luna. E gli ingaggi garantiti a Liverani e al suo team sarebbero un altro freno. Poi, un pensiero va al gruppo di senatori ex Lecce che sono stati messi in rosa. In breve, pare arduo che qualcosa cambi. A meno che il campo non dia, e si deve sperare il contrario con forza, un ceffone irrimediabile.

Visione, tempo e valori. I prossimi due mesi saranno decisivi. Anche per la questione stadio, che esamineremo in un altro momento. Per ora, ci si chiede se si vorrà puntare a risalire. Partendo dal rimodellare il gruppo con acquisti mirati. Partendo dalla difesa: un altro centrale esperto sarebbe utile se Dossena non ha chance e di Goldaniga si deve aspettare la ripresa. Forse, va dato anche uno sguardo agli esterni: Di Pardo e Obert meglio, ma Barreca non ha inciso. Mentre in mezzo, nonostante i jolly Rog e Nandez, adattato, si deve sciogliere il nodo regia Viola-Makoumbou.

In attacco, e siamo ancora di più nelle scelte tecniche, si spera nel recupero di Pavoletti e nella pronta ripresa di Mancosu: quest’ultimo potrà essere, per qualità e animo, la vera chiave di volta. Pensare agli altri, bene Lapadula che ha ripreso a segnare, come Luvumbo, non conduce da nessuna parte.  Viceversa, se tutto rimane com’è la domanda obbligata porta al senso che vorrà imprimere il club alla stagione: stesso allenatore, nessuna sostanziosa manovra di mercato, chiusura del campionato dignitosa. Sarà così? Lo scopriremo nei prossimi sessanta giorni.

41 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
41 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I lettori di CalcioCasteddu si fidano di Liverani, ma servono rinforzi

Ultimo commento: "è un sondaggio falsato!!!!!!!!! nessun tifoso vuole questo allenatore potete anche bannarmi ma leggete bene i commenti liverani fuori!!!!!!!!!!"

Fascia da capitano, Deiola non convince i lettori di CalcioCasteddu

Ultimo commento: "Bravo a portare sacchi di cemento, forse."

(SONDAGGIO) Qual è il vero valore della rosa del Cagliari?

Ultimo commento: "Una colpa è anche dei tifosi che vanno allo stadio che finanziano giulini e pagano gli stipendi ai giocatori se nessuno andrebbe allo stadio, il..."

Il vero valore della rosa? Per i lettori di CalcioCasteddu mister Liverani sta facendo il massimo

Ultimo commento: "Ho incontrato il mister a Benevento in un ascensore di un albergo. L'ho guardato con un sorriso, gli ho puntato il dito all'altezza del cuore (senza..."

(SONDAGGIO) Radunovic, giornata storta o serve più concorrenza in porta?

Ultimo commento: "Con Sirigu avremmo avuto almeno 5/6 punti in più"
Advertisement

I Miti rossoblu

16 campionati in rossoblu per la bandiera del Cagliari

Daniele Conti

Il portiere del leggendario scudetto del 1969-70

Enrico Albertosi

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

"BONIMBA", UNO DEI PIÙ FORTI ATTACCANTI ROSSOBLU

Roberto Boninsegna

Altro da Il dribbling di... Mario Frongia