Resta in contatto

Approfondimenti

Quando il problema sta pure nel mezzo

Una delle problematiche che hanno portato il Cagliari a “lottare” per non retrocedere in serie B, è stata proprio la mancanza di un regista

Nel noto dizionario della lingua italiana Treccani troviamo questa definizione sotto la parola REGISTA: “fig. Persona abile nella direzione o nel coordinamento di una manifestazione, di un dibattito, di un’azione collettiva: è stato lui il r. delle trattative; nel linguaggio sportivo, il giocatore che imposta e coordina le azioni della squadra in cui gioca”.

Da questa definizione possiamo trovare qualcosa da applicare all’attuale situazione del Cagliari, ovvero che la squadra rossoblù NON ha un regista.

Un problema mica da poco, considerata la confusione che regna sovrana nella zona nevralgica del campo praticamente dall’inizio della stagione.

Già dal mini ritiro di Aritzo si erano evinte le prime defezioni: il giovane Riccardo Ladinetti, nonostante alcuni gettoni collezionati nella massima serie durante la stagione precedente, è stato spedito a Olbia (un doppio salto all’indietro) per “maturare“. Invece di lavorare sulle sue peculiarità, farlo crescere con la rosa di serie A, si è preferito spendere 10 milioni sonanti per Razvan Marin.

Sia chiaro! Il centrocampista romeno è un buon giocatore, di gamba, in possesso della classica garra degli europei dell’est. Ma la dura legge del campo ha dimostrato ampiamente che la regia non è roba per lui.

Di Francesco ha commesso uno dei suoi principali errori, intestardendosi con questa soluzione, senza apprezzabili risultati. Non a caso con l’arrivo di Semplici, Marin ha potuto ritrovare il suo naturale ruolo di mezz’ala.

Tutto ciò senza considerare lo strano caso di Christian Oliva Gimenez, l’unico dopo la partenza di Ladinetti a poter  giostrare in mezzo al campo. Trascurato dal tecnico abruzzese, è stato chiamato in causa pochissime volte, ed anche qui i risultati sono stati scadenti.

Nel mercato di gennaio l’uruguaiano è stato ceduto in Spagna, senza che la società rossoblù provvedesse ad un adeguato rimpiazzo. E così che la squadra si è definitivamente ritrovata con una lacuna incolmabile.

Semplici ha provato prima con Duncan e proprio sabato con Nainggolan a porre una pezza, ma la verità nuda e cruda è sotto gli occhi di tutti.

E se oggi il Cagliari si trova con l’acqua alla gola, con la serie B a pochissimi passi, una delle cause è proprio l’assenza di un regista di ruolo. Di questo, e tanto, tanto altro, la società dovrà risponderne,

114 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
114 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement
Advertisement

I Miti rossoblu

16 campionati in rossoblu per la bandiera del Cagliari

Daniele Conti

Il portiere del leggendario scudetto del 1969-70

Enrico Albertosi

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

"BONIMBA", UNO DEI PIÙ FORTI ATTACCANTI ROSSOBLU

Roberto Boninsegna

Altro da Approfondimenti