Resta in contatto

Esclusive

ESCLUSIVA – Ancora Abe: “Quando Sonetti mi chiamò in camera sua…”

Ancora qualche aneddoto raccontato in esclusiva ai nostri microfoni dal guerriero rossoblù

SONETTI, IL GIGANTE BUONO. “Ricordo che eravamo ad Empoli. Perdemmo 2-1 e lui era in tribuna perché ancora non poteva sedersi sulla nostra panchina (in attesa dello svincolo da parte della Salernitana,ndr). Tornammo in albergo ed io ricevetti una chiamata al cellulare. Era lui, e mi disse ‘Abeigion! Raggiungimi nella mia camera!’. Per un attimo ebbi paura, era un uomo enorme e mentre raggiungevo la sua stanza pensai di tutto. Una volta lì mi disse ‘Abeigion, spiegami come può un componente della nazionale uruguaiana stare in panchina nella sua squadra di club? Facciamo così: in questi tre giorni fammi vedere di cosa sei capace e ti farò giocare da subito’. Non me lo feci ripetere due volte e la domenica successiva giocai titolare contro il Genoa e feci pure il goal decisivo”.

IL PRIMO ADDIO. “Mi chiama il presidente Cellino e mi dice che non può rinnovarmi il contratto. Chiesi il motivo e mi rispose che il tecnico Ventura non mi voleva più. Da una parte non lo sopportai, ma oggi che sono allenatore capisco che se non gradisci un giocatore tanto vale che glielo dici e stop! Ventura era un tecnico molto preparato a livello tattico, ma come persona lasciava molto a desiderare”.

NOSTALGIA. “Trovai l’accordo con il Como, ma non riuscivo a vivere senza pensare la Cagliari. Vidi la grande squadra che volevo fare di tutto per tornare. Chiamai Diego (Lopez, ndr) e gli dissi ‘Amico mio voglio tornare, sono disposto a tutto pur di tornare’, ma lui scherzosamente rispose ‘Purtroppo Mister Ventura non ti vuole'”.

IL GRANDE RITORNO. “Ero appena andato via da Como. Bellissima città, ma il clima invernale non andava bene per i problemi di salute di mia figlia. Tornai in Uruguay quando ricevetti una telefonata da un numero italiano. Era Mauro Pederzoli, il ds del Cagliari e mi disse che il presidente Cellino voleva che tornassi, ma che poteva assicurarmi solo lo stipendio minimo sindacale da 1500 euro. Presi il primo volo senza pensarci due volte”

IL GOAL PIU’ BELLO. “Quello di testa contro il Palermo. Avevamo sentito molto quella partita. Era una grandissima squadra e sgomitavamo per il primo posto in classifica. Fu una partita bellissima, passammo in vantaggio, poi il Palermo ribaltò la situazione. A pochi minuti dalla fine Langella fece venire giù lo stadio con il 3-2”.

7 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
7 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Fabio
Fabio
1 mese fa

“Tutta la vita”..”anche no”…abbiamo da aggiungere altri modi per usare l’italiano a sproposito?!
Modi di dire insopportabili 😡😡😡
Forza Cagliari!!!

Asorosa
Asorosa
1 mese fa
Reply to  Fabio
Fabio
Fabio
1 mese fa
Reply to  Asorosa

Asorosa ti devo dire che,”ACCADEMIA DELLA CRUSCA”o meno,non mi rassegnero’ mai all’uso di questi stupidi e fastidiosi modi di parlare e ,soprattutto,molto fieramente,EVITERÒ VOLENTIERI DI UNIFORMARMI AL MODO DI PARLARE ORMAI ABUSATO PER NON TRASFORMARMI NEL CLASSICO PECORONE DI TURNO CHE SEGUE IL GREGGE “PER MODA”😉
❤💙

Pepe Mujica
Pepe Mujica
1 mese fa
Reply to  Fabio

Quando si fanno citazioni e rimandi bisognerebbe prima accertarsi della congruenza, capire. La Crusca analizza e segnala le minime variazioni linguistiche e filologiche ma se ne guarda bene dall’omologarle. Il suo compito è di protezione e conservazione dell’italiano. I nostri figli forse parleranno l’italianisch che come lo spanisch sarà ricco di inglesismi e di espressioni gergali come ‘anche no’, un esperanto cannibale di lingue romanze. Ciao

Giovanni Decortes
Giovanni Decortes
1 mese fa

Cellino una vergogna!!!1500 euro. E vi lamentate di giulini….Giulini tutta la vita

Marco
Marco
1 mese fa

E perché tuttavia vita? Anche no…

Gió1
Gió1
1 mese fa
Reply to  Marco

Concordo…..:anzi aggiungo che prima se ne và e meglio è per il Cagliari…..::poi capirete

I Miti rossoblu

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

Advertisement
Advertisement

Josè Oscar Herrera

Ultimo commento: "Un grandissimo ed indimenticabile giocatore utilissimo in ogni momento e mai domo. Grande Pepe"

Gigi Riva

Ultimo commento: "Oggi che ho una certa età, la figura di Riva per me rappresenta il ricordo di un'infanzia vissuta di pari passo con una squadra di calcio che ti..."

Giampietro Piovani

Ultimo commento: "Cosa de maccusu, anche io volevo parlare di Piovani."

Mario Brugnera

Ultimo commento: "

Ops dal Carbonia😉

"

Carmine Longo

Ultimo commento: "Fu un grande Ds. Onore a Carmine Longo."

Cerca con Pagine Sì!

Powered by Pagine Sì!

Altro da Esclusive