Resta in contatto

Esclusive

ESCLUSIVA – Ventura: “Se il Cagliari soffre da così tanto tempo, occorre farsi delle domande”

Le parole dell’ex tecnico del Cagliari, ospite nel secondo appuntamento della nostra WebTv. “Il tempo per rimediare c’è, ma serve una riflessione molto ampia”

È genovese, ma non lesina mai una parola quando si tratta di parlare del “suo” Cagliari. Gian Piero Ventura è stato nostro graditissimo ospite durante il secondo appuntamento della WebTv di CalcioCasteddu. Affrontati tutti i temi che riguardano la squadra rossoblù, anche in vista della gara contro la Salernitana.

C’è tutto il tempo per uscire da questa situazione“, spiega Ventura, “sia per il Cagliari che per la Salernitana. I campani hanno una rosa decisamente diversa rispetto ai sardi, ed è per questo che Mazzarri ha tutto per risalire. Quella con la Salernitana è una gara da vincere, ma poi è il campo che decide. L’ansia e la tensione non pagano, ma i presupposti per fare bene ci sono. Ho visto il Cagliari di Mazzarri nella sua prima contro la Lazio, lì ha dato un bel segnale anche se poi sono subentrate altre difficoltà”.

RIFLESSIONI DA FARE. “Il tempo per rimettersi in carreggiata c’è tutto, ma la riflessione deve essere più ampia. Anche l’anno scorso è stato fatto un miracolo per agguantare la salvezza, e se anche questo campionato è partito all’insegna della sofferenza allora bisogna farsi delle domande, capire cosa non va. Non può essere un problema solo tecnico e di allenatore, ma va tutto analizzato a 360 gradi. Mazzarri è arrivato da poco, bisogna dargli il tempo. Mi auguro che presto ci sia la svolta. Bellanova? Una piacevole sorpresa, sia col centrocampo a cinque che con quello a quattro ha messo in campo sempre delle prestazioni di alto livello”.

I RICORDI. “Quando sono arrivato a Cagliari c’era molta depressione, la squadra era appena retrocessa in B. Poi siamo rinati, e una volta in A abbiamo lanciato tanti giocatori, come Zebina comprato a 1 e rivenduto a 20, O’Neill idem, abbiamo rigenerato Muzzi e tanti altri. A Cellino dicevo sempre che una parte di Asseminello era mia, con tutto quello che avevamo prodotto. Ma aldilà dei risultati sportivi ha contato molto il lato umano del mio percorso. Ho lasciato lì tanti amici, quanto torno è sempre una grande festa. Noi non allenavamo una squadra, allenavamo una regione. Cercavamo di dare qualcosa a quel popolo. Ricordi straordinari”.

POSSIBILE RITORNO. “Ho avuto dei colloqui con Giulini, ma alla fine non ci sono stati i presupposti per tornare. Gli anni passati in rossoblù sono stati intensi. Giulini tiene molto alla sua squadra, mi auguro che al più presto possa risalire la china”.

32 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
32 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

(SONDAGGIO) Lapadula e Pavoletti, staffetta o devono giocare insieme?

Ultimo commento: "Ne uno ne l' altro. Secondo me non deve giocare dall' inizio ne uno ne l' altro. farei giocare Pereiro come falso nove, Desogus e Luvumbo larghi. Poi..."

Poca affidabilità dietro, per i lettori di CalcioCasteddu servono rinforzi

Ultimo commento: "Se Briatore prendesse il Cagliari non sarebbe male… ci pensasse seriamente."

(SONDAGGIO) Quale modulo per il nuovo Cagliari?

Ultimo commento: "Allenatore non all'altezza ... come capita sempre del resto nelle scelte di Giulini"

Il modulo del nuovo Cagliari, i lettori di CalcioCasteddu promuovono il 4-3-3

Ultimo commento: "Giulini drogato, Capozucca il suo pusher"

Difesa ballerina, serve tempo a Liverani o è necessario andare sul mercato?

Ultimo commento: "Tu ti sei già abituato al mestolo di Giulio, continua a lucidarglielo per bene, mi raccomando."
Advertisement

I Miti rossoblu

16 campionati in rossoblu per la bandiera del Cagliari

Daniele Conti

Il portiere del leggendario scudetto del 1969-70

Enrico Albertosi

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

"BONIMBA", UNO DEI PIÙ FORTI ATTACCANTI ROSSOBLU

Roberto Boninsegna

Altro da Esclusive