Resta in contatto

Miti

Comunardo Niccolai

Ricordato ancora oggi per la propensione involontaria agli autogol, è stato tra i protagonisti dello Scudetto del Cagliari del 1970. Oggi è osservatore per la Nazionale azzurra.

Questa è la pagina dedicata a Comunardo Niccolai, ex giocatore del Cagliari e dello squadrone che vinse lo storico Scudetto del ’70. Originario di Uzzano, un piccolo paese in provincia di Pistoria, comincia a muovere i primi passi come stopper nel Montecatini. Nel 1963 si trasferisce in Sardegna per passare alla Torres. Un anno più tardi arriva al Cagliari, neo promosso in Serie A. Nella stagione 1969/1970 è tra i protagonisti della cavalcata che porta la squadra a conquistare il primo e unico Scudetto della sua storia. Nell’immaginario collettivo il suo nome è legato alle tante autoreti che ha collezionato con i sardi. Memorabile quella realizzata nella sfida d’alta classifica con la Juventus a Torino: sul punteggio ancora fermo sullo 0-0, in un campo reso problematico dalla pioggia, nel tentativo di respingere un cross di Furino, Niccolai anticipò di testa Albertosi e spedì la palla nella propria porta. In totale al Sant’Elia ha collezionato dal 1964 al 1976 225 presenze e 4 reti.

Molto celebre la frase che avrebbe detto Manlio Scopigno commentando la presenza di Niccolai alla Coppa del Mondo del 1970: “Mi sarei aspettato di tutto dalla vita, ma non di vedere Niccolai in mondovisione.

Cosa rappresenta per Voi Comunardo Niccolai? Ditecelo qui.

46 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
46 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Tore Curridori
Tore Curridori
4 mesi fa

Un difensore come Comunardo ci avrebbe evitato tante sconfitte, e sarebbe titolare in tantissime squadre. Grazie Comunardo

Paolo Orru'
Paolo Orru'
5 mesi fa

Niccolai era un grande stopper.in quel tempo meglio di lui in Italia solo Rosato. Ad averlo oggi un difensore così. Aveva qualche problema con Albertosi, un altro mostro sacro del calcio italiano

pasquale
pasquale
5 mesi fa

è la dimostrazione di quanto nella carriera di una persona , l’impegno , la volontà la voglia di non mollare mai possa dare dei risultati imprevedibili.Preso e analizzato nelle sue caratteristiche sembrava che:
non fosse tecnico ;
non calciasse bene;
non marcasse bene ;
spesso diventava l’avversario più pericoloso per il suo portiere;
ma alla fine di ogni gara ti domandavi ma quanti palloni ha toccato oggi il suo avversario chiunque fosse?
Poco appariscente ma efficacie a parte gli autogol

marpiri
marpiri
5 mesi fa

w︆︅w︆︅w︆︅.︆︅Ki︆︅S︆︅e︆︅x︆︅.︆︅net – fantastico sito di incontri per adulti che vogliono trovoro un pаrtner pеr fаrе sеsso
iugeih fanytvtf gnvfxirp

Leonardo
Leonardo
5 mesi fa

Da solo valeva l’insieme di questi pseudo centrali che ha la società’ in rosa quest’anno…..altro che autogol era un vero baluardo!

Roberto Nonnis
Roberto Nonnis
6 mesi fa

Una bandiera del Cagliari. Il suo nome non verrà mai dimenticato.

Marco
Marco
6 mesi fa

Comunardo Niccolai un grande del Cagliari e leggenda vivente dell’eroico scudetto.

massimo bo
massimo bo
6 mesi fa

Ho un carissimo ricordo di Nicolai perché negli anni dello scudetto abitato nello stesso pianerottolo.
Bambino di 8 anni ricordo di quando entrato a casa sua e vedevo palloni, targhe e coppe.
Ricordo anche che per il battesimo de figlio Antonio vidi passare davanti a me tutti i Campioni d’Italia del 70’…

LUCIANO Piroddi
LUCIANO Piroddi
6 mesi fa

Solo al pensiero mi commuovo come un bambino.Nel 70 avevo 27 anni quindi ho goduto in maniera indicibile.Ora provo la stessa emozione e in questo va onore al presidente unico ed effettivo della nostra armata Casteddu:dire BRAVO al presidente Giulini è solamente riduttivo x quello che ha fatto,che sta facendo e che farà.FORZA CASTEDDU A VITA.

Gigi
Gigi
5 mesi fa

Bravo Luciano, bellissimo e giustissimo post. Concordo pienamente

Bruno
Bruno
7 mesi fa

Ė proprio vero una volta fatto il nome campi tutta la vita con l’etichetta che ti hanno attribuito
Si è vero, qualche autorete la ha combinata, ma i suoi salvataggi, sempre rischiosi e al limite dell’impossibile hanno salvato la rete del Cagliari facendogli conquistare il RECORD di difesa meno battuta di sempre.
Grazie Comunardo

Gianni
Gianni
6 mesi fa
Reply to  Bruno

Grande giocatore!!! Autentica sicurezza al centro della difesa!!! Un Grande.

Santos
Santos
7 mesi fa

Forse non ricordate…è stato lo stopper della difesa meno battuta del campionato a 16 squadre in Italia, appena 11 ! Record mai battuto .

Agostino Giacomini
Agostino Giacomini
5 mesi fa
Reply to  Santos

11 si ,di cui 2 suoi mi sembra. Solo sfortuna.

Francesco
Francesco
7 mesi fa

Quando ho visto la parata di Cacciatore ho pensato a lui. Era sempre un pericolo pubblico per i compagni.

Antonio
Antonio
7 mesi fa

Nel campionato dello scudetto, forse contro il Catanzaro, fece un autogol di testa dal limite dell’aria di rigore.

Luigi55
Luigi55
5 mesi fa
Reply to  Antonio

non di testa ma da fuori area tirò un gran tiro all’incrocio parato da….Brugnera con conseguente rigore, per la statistica non risulta un’autorete ma è anche peggio….ahahah comunque un ottimo stopper ma il merito di difesa meno perforata credo che vada più a Martiradonna (i suoi avversari non segnarono mai in azione) e Zignoli.

Tore Trattore
Tore Trattore
7 mesi fa

Gigi Riva su Niccolai:
“Ora noi scherziamo su questa cosa, non è che ne abbia poi fatti tanti di autogol, ma il fatto è che quando li faceva, li faceva belli.”
XD

Giambattista Lampis
7 mesi fa

Tutti ricordano Niccolai come il simbolo dell’autogol, se andiamo a vedere i numeri se non ricordo male sono 5, sono abbastanza ma non un’enormità. Io amo ricordarlo invece come uno stopper grintoso e tignoso nei confronti degli avversari, apparteneva alla generazione di difensori di quell’epoca forti nei colpi di testa e nei contatti fisici, non avendo il compito di impostare la tecnica non era il suo forte. Il fatto che sia arrivato alla convocazione in nazionale,

Giambattista Lampis
7 mesi fa
Reply to  Granese

giocando anche qualche partita, vuol dire che il giocatore aveva estimatori anche fuori dall’isola. Negli anni della sua militanza, oltre a vincere il campionato il Cagliari è stato fra le prime squadre nei piazzamenti in campionato, Niccolai giocando da titolare ne era anche uno dei senatori. Nella classifica dei giocatori più forti di sempre della nostra centenaria società, Niccolai nel suo ruolo lo metto a pari merito con Festa, gli altri sono un gradino sotto questi due.

Andrea Ledda
Andrea Ledda
7 mesi fa
Reply to  Granese

Condivido appieno tutto quello che hai scritto

Roy 58
Roy 58
7 mesi fa

Io ricordo invece un autogol a Bologna nel 1972 in occasione del quale, procedendo a ritroso, scartò Albertosi e depose in rete sotto gli occhi increduli del proprio portiere, da centravanti vero, ma a parte questi infortuni era un vero stopper doc, atletico, forte di testa e nell’anticipo dell’avversario, contribuì sostanzialmente a stabilire il record della migliore difesa della serie A nel 1970, tuttora insuperato dopo 50 anni, anche se quel campionato era a 16 squadre…

Fadda Giuseppe
Fadda Giuseppe
7 mesi fa
Reply to  Roy 58

Bravo,a ricordare il particolare, checché se ne pensi,come hai ricordato,Nicolai era parte importante di quel pacchetto difesa che a tutt’oggi detiene il record di minor gol incassati!!

Pino mostini
Pino mostini
7 mesi fa

Ricordo un Catanzaro cagliari 1a2 fino all87′(credo) fini 2a2 con un tiro da vero centravanti nella propria porta. Lo segno’proprio lui il simpatico e storico niccolai. Quell anno fece otto autoreti, un record.

Antonio
Antonio
7 mesi fa
Reply to  Pino mostini

Di testa, ai limiti dell’aria di rigore.

Toni
Toni
6 mesi fa
Reply to  Pino mostini

RICORDI MALISSIMO.Il 2a2 lo segno’ Spelta su rigore(regalato) al 90.Otto autoreti??????Ma quando mai.Ma dove te lo sei sognato.Notte a tutti e forza Casteddu.

Alberto Antonini
Alberto Antonini
6 mesi fa
Reply to  Toni

Si, su rigore perché Brugnera dovette parare un tiro di Niccolai che, sentito un fischio e pensando che l’arbitro avesse fischiato la fine voleva mandare la palla in curva ed invece venne fuori un tiro sotto la traversa. Col rigore il catanzaro pareggió al 90′.

Luigi55
Luigi55
5 mesi fa
Reply to  Pino mostini

non esagerare non ricordi bene il tiro di Niccolai venne parato da…Brugnera con conseguente rigore, per le statistiche non è considerata un’autorete

Pino mostini
Pino mostini
7 mesi fa

Ricordo un Catanzaro cagliari, 1 a 2 fino all87’poifece un tiro niccolai alla propria porta. 2a2 fece un gol da vero centravanti.

danieleddu
danieleddu
7 mesi fa
Reply to  Pino mostini

a Mexico 70 giocò solo la prima partita contro la Svezia e poi fu relegato in panchina e il suo posto fu preso da Rosato

Bruno
Bruno
7 mesi fa
Reply to  danieleddu

Finì in panchina perché si era infortunato

GIOVANNI
GIOVANNI
7 mesi fa

Perché ci ha fatto perdere lo scudetto 1971 1972 ? Motivo .

Commento da Facebook
Commento da Facebook
7 mesi fa

Osservato??

Commento da Facebook
Commento da Facebook
7 mesi fa

??‍♂️

Commento da Facebook
Commento da Facebook
7 mesi fa

È infortunato

Commento da Facebook
Commento da Facebook
7 mesi fa

Be si al posto di chiellini

Commento da Facebook
Commento da Facebook
7 mesi fa

Quindi c è possibilità di convocazione se e osservato… Ok!

Domenico
Domenico
7 mesi fa

È vero, Comunardo è stato un poderoso stopper. Ma ahimè ricordato per i suoi (non tanti poi) autogol. Più clamorosi che altro…. Non a caso a Mexico70, e attualmente osservatore della Nazionale.
Domenico

CASTEDDAIU
CASTEDDAIU
7 mesi fa

https://calciodangolo.com/2019/05/classifica-giocatori-piu-autogol-storia-serie-a/ G Quanti nomi eccellenti hanno fatto più autogol di Niccolai che fra l’altro era un grandissimo stopper ed era finito anche nel giro della Nazionale Italiana.

Franco
Franco
7 mesi fa

Tra i protagonisti dello Scudetto, ma protagonista assoluto per la perdita del secondo consecutivo.

uribenero
uribenero
7 mesi fa
Reply to  Franco

Non consecutivo, era il campionato 1971/72 e ci ha veramente fatto perdere il secondo scudetto

Antonio
Antonio
7 mesi fa
Reply to  Franco

Protagonista fu l’infortunio di Riva.

Franck
Franck
7 mesi fa

Oltre i suoi autogol,era un grande stoper?….

Raimondo Mocci
Raimondo Mocci
7 mesi fa

Comunque il calciatore che ha fatto più autogol di tutti è stato Ferri dell’Inter. Grande Comunardo.

Fabrizio
Fabrizio
7 mesi fa

Sono passati decenni, però agli inizi degli anni 70 il Cagliari a Catanzaro stava vincendo 2 a 1 quando all’ultimo minuto sentì un fischio che proveniva dagli spalti ma che, sbagliando, ritenne un fischio dell’arbitro che sanciva un calcio di rigore.
Per la stizza scagliò verso la propria un tiro che Albertosi non riuscì a parare e che Brugnera intercettò con le mani ( allora non c’era l’espulsione ).
Il Catanzaro pareggiò sul conseguente rigore .
Forza Cagliari Sempre !

Fabrizio
Fabrizio
7 mesi fa
Reply to  Fabrizio

Certamente da ragazzino era inevitabile associarlo agli autogol, alcuni dei quali belli ed almeno uno anche rocambolesco e decisamente sfortunato.
Forza Cagliari Sempre !

Altro da Miti

  • Massimiliano Cappioli

    La puntata odierna sui miti del Cagliari è dedicata all’esterno destro protagonista del triplice...

  • Tiddia Tiddia

    Mario Tiddia

    Prima arcigno difensore, poi allenatore innovativo che si fece le ossa alle spalle di...

  • Carmine Longo

    Arrivato come consigliere personale di Tonino Orrù nel lontano 1987, diventò ben presto un...

  • Josè Oscar Herrera

    Il centrocampista uruguaiano è una pietra miliare della squadra rossoblù dei primi anni novanta...