Resta in contatto
Tiddia

Miti

Mario Tiddia

Mario Tiddia

Prima arcigno difensore, poi allenatore innovativo che si fece le ossa alle spalle di Luigi Radice. Il buon Cincinnato merita anche lui un posto tra i grandi

“I giocatori devono muoversi in maniera armonica, come se fossero uniti dai fili di una ragnatela. Non devono sfilacciarsi o allungarsi, ma giocare corti”. Queste furono le parole di Mario “Cincinnato” Tiddia, una pietra miliare della storia rossoblù, pioniere, per certi versi, del gioco a zona. Nativo di Sarroch, giocò oltre 200 gare con la maglia rossoblù e fu protagonista della prima storica partecipazione in serie A. Il primo ottobre del 1967, durante la gara di Bologna, fu costretto a dare l’addio al calcio anzitempo a causa di un brutto scontro con il compagno di squadra, Adriano Reginato. Lo scontro fu tremendo e si temette il peggio, tant’è vero che entrambi furono ricoverati all’ospedale Maggiore. Intrapresa la carriera di allenatore, si formò alle spalle di Luigi Radice con la quale ottenne una clamorosa salvezza nel 1975. Verso la fine degli anni settanta ottiene una promozione in serie A ed un incredibile sesto posto. Dopo la parentesi della stagione 1983/84, la dirigenza Orrù gli chiede uno sforzo nel 1987 per evitare una vergognosa retrocessione in serie C2. Cincinnato resiste a tutto, ma non al suo Cagliari. Accetta e con la politica dei piccoli passi ricostruisce l’ambiente conducendo la squadra alla salvezza. Dopo aver allenato altre squadre sarde si ritirò nelle sue serre di Sarroch. E’ deceduto nel 2009 dopo una lunga malattia, ma la sua tempra di sardo verace e coriaceo verrà ricordata in perpetuo.

Che ricordo avete di Mario Tiddia? Ditecelo qui!

8 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
8 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Antonio Pistis
Antonio Pistis
1 mese fa

da radiocronista, non puo’ che far piacere … Il Carbonia in D e’ un sogno che si realizza…finalmente !!!!!!

Antonio Pistis
Antonio Pistis
1 mese fa
Reply to  Antonio Pistis

era un commento all ‘altro articolo sul Carbonia di Caddeo

Forza Cagliari
Forza Cagliari
2 mesi fa

Un 6 posto grandioso che purtroppo non fruttò la qualificazione Uefa perché all’epoca avevamo solo 2 squadre qualificate se non sbaglio…

Domenico
Domenico
2 mesi fa

ANTONIO LOGOZZO NON BOGOZZO

Domenico
Domenico
2 mesi fa

Non era bozzo ma bensì LOGOZZO CAMBIATE COGNOME.

Federico
Federico
2 mesi fa

Corti lamagni longobucco Casagrande bogozzi brugnera bellini quagliozzi selvaggi marchetti piras

Rob
Rob
1 mese fa
Reply to  Federico

Bogozzi ? Canestrari

Paolo Orru'
Paolo Orru'
3 mesi fa

Ottimo, ho giocato contro con la Freccia Mogoro. Noi eravamo 13 contro 11. Ovviamente vinse il Cagliari, che in quel periodo giocava con Goletti, Lamagni… Casagrande, Marchetti, Selvaggi, Virdis, Quagliozzi, all’ala uno che poi è andato a Fiorentina, Ciampoli, Uribe. Grande Cagliari

Altro da Miti

  • Josè Oscar Herrera

    Il centrocampista uruguaiano è una pietra miliare della squadra rossoblù dei primi anni novanta...

  • Massimiliano Cappioli

    La puntata odierna sui miti del Cagliari è dedicata all’esterno destro protagonista del triplice...

  • Carmine Longo

    Arrivato come consigliere personale di Tonino Orrù nel lontano 1987, diventò ben presto un...

  • Giampietro Piovani

    Nuova puntata della nostra rubrica. Il protagonista è un attaccante della fine degli anni...