Resta in contatto

News

Anticipo Serie A: il Milan va sotto a San Siro poi batte l’Hellas Verona 3-2. Rossoneri in vetta in attesa del Napoli

Primo tempo di marca veneta per i gol di Caprari e Barak. Poi nella ripresa la rimonta rossonera firmata Giroud e Kessiè

Milan: prima il brivido, poi la festa. A San Siro i rossoneri vanno all’intervallo sotto di due reti, poi nella ripresa prima rimonta e poi vince 3-2 su un ottimo Hellas Verona.

SPETTACOLO ASSICURATO. Decisamente migliore l’approccio dei veneti. Pericolosi al 3’ con Ilic, il cui tiro è deviato da Tatarusanu, sostituto dell’infortunato Maignan. Quattro minuti dopo sigla Caprari, che insacca di prima intenzione, col portiere rossonero che tocca ma non respinge. Reazione stentata e raddoppio ospite al 24’, su rigore siglato da Barak, concesso per fallo di Romagnoli su Kalinic. La squadra di Pioli si ritrova, a questo punto della partita, nella medesima situazione della scorsa stagione: ovvero con la sua squadra sotto di due reti e con Rebic costretto ad uscire per infortunio al 35’.

Veementi proteste della squadra di casa e dei suoi tifosi al 3’ del secondo tempo, per un fallo di mano di Casale sul tiro d Leao, non ritenuto falloso dall’arbitro Frontera e dal Var. Più intensità e qualità della palla giocata, da parte del Milan rispetto al primo tempo. Al 14’ riapre i giochi Giroud, che da centro area sovrasta Casale e di testa mette il pallone in rete. Si fanno sentire eccome i 40.000 presenti sugli spalti a San Siro, che spingono i loro beniamini. In grande forma Giroud, che di testa sfiora il 2-2 al 19’, così come Leao al 24’ con un destro a giro. Gara bellissima, con tanti spazi aperti da una parte e dall’altra. Rigore su Castillejo (confermato dal Var) per fallo commesso al 28’ da Faraoni. Dal dischetto Kessiè spiazza Montipò e pareggia.

Anche sfortunato l’Hellas, che subisce il 3-2 al 33’, per la sfortunata autorete di Gunter che inganna il proprio portiere su un pallone crossato da Castillejo. Ibrahimovic, appena entrato in campo, sulla giocata di Krunic, ad un passo dal 4-2 al 41′.  Vince il Milan che, in attesa della gara del Napoli col Torino, balza in vetta alla classifica.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Difesa ballerina, serve tempo a Liverani o è necessario andare sul mercato?

Ultimo commento: "Speriamo che si svegli in fretta la nostra dirigenza se non la finiamo in serie c con la difesa che abbiamo sempre gli stessi errori non si coprano i..."

(SONDAGGIO) Quale modulo per il nuovo Cagliari?

Ultimo commento: "Il tridente con luvumbu a destra lapadula al centro e desogus o contini a sinistra ..... contini è un ragazzo che ha corsa e molto generoso ci..."

Il modulo del nuovo Cagliari, i lettori di CalcioCasteddu promuovono il 4-3-3

Ultimo commento: "GIULINI DAI UNA SPERANZA ALLA SQUADRA ED AI TIFOSI, LASCIA LA PROPRIETA'"

Fascia da capitano, Deiola non convince i lettori di CalcioCasteddu

Ultimo commento: "I rigori li sbaglia chi li tira. Di sicuro non li tira un cacasotto che ha trascorso il suo tempo in campo nascosto dietro l'avversario, sbagliando un..."

(SONDAGGIO) Lapadula la spalla giusta per Pavoletti?

Ultimo commento: "Se avevi Caceres e Godin non saresti retrocesso."
Advertisement

I Miti rossoblu

16 campionati in rossoblu per la bandiera del Cagliari

Daniele Conti

Il portiere del leggendario scudetto del 1969-70

Enrico Albertosi

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

"BONIMBA", UNO DEI PIÙ FORTI ATTACCANTI ROSSOBLU

Roberto Boninsegna

Altro da News