Resta in contatto

Il dribbling di... Mario Frongia

Il dribbling di… Mario Frongia. Cagliari: il muro del pianto

Campagna acquisti e cessioni deficitaria, il caos con i big, Nainggolan che saluta. Fino al 31 agosto si può ritrovare la rotta ma l’aria che tira non è buona

Premessa: alla chiusura del mercato mancano una quindicina di giorni. E tutto può accadere. Ma se si aspetta che le cose avvengano tutti sappiamo fare meglio di chiunque i commissari tecnici, i vigili del fuoco, i direttori sportivi, i virologi e i ministri. La cosa si complica per chi fa cronaca: si racconta l’attimo. Spesso in tempo reale. Bene o male, lo decidete voi. E le opinioni, per fortuna, possono essere discordanti. Come quelle sul Cagliari e il suo mercato a poche ore dal debutto ufficiale in Coppa Italia, fissato per le 21 contro il Pisa. I vari forum su Calcio Casteddu, ma non solo, sono stimolanti. Usata acqua e varecchina per pulire insulti gratuiti – che non solo non migliorano chi li fa ma non arricchiscono il dibattito – rimane la questione: ma come accidenti sono riusciti a gestire fino a oggi la programmazione post salvezza? Con una scelta azzeccata: Kevin Strootman.

A seguire, il disastro o quasi. Qualcuno scrive che magari gongolo: mai pensiero può essere più distante dai miei intendimenti. Andate a rivedervi cosa argomentavo l’anno scorso: se i fatti mi danno ragione la colpa non è dei lavori in viale Marconi, della coda per Chia, dei maledetti incendiari che mandano arrosto la nostra terra, dei trasporti marittimi e aerei che ci tengono in condizioni post belliche. No, le responsabilità hanno un nome e un cognome e conducono alla presidenza rossoblù. Ma, proprio per questo, le considerazioni devono mettere a nudo i problemi e permettere uno sguardo oggettivo su presente e futuro.

L’Uomo solo al comando è entrato in rotta di collisione innanzitutto con se stesso. Ambizioni e prosopopea si scontrano con dinamiche che apparecchia e sparecchia a proprio tornaconto. La sorpresa? La posizione attuale di Stefano Capozucca. Gliel’ho scritto, mi aspettavo di più, in fretta e meglio. Credo, da quel che mi dicono, che sia impotente dentro un vortice. E vi riporto a Pierluigi Carta, alle prese la scorsa estate con nove esuberi da piazzare (adesso sono cinque, mi pare) e ai vari Caligara, Tripaldelli, Zappa, Tramoni, Lykogiannis, Walukiewicz e soci, dati a Eusebio Di Francesco per andare tra le prime dieci! Il tecnico ci ha messo del suo, su modulo e Marin ha toppato, è stato cocciuto, doveva dimettersi quando il patron gli ha garantito Nainggolan per poi darglielo solo a gennaio. La storia non serve a recriminare ma a ripartire col piede giusto.

PROVIAMO A RIASSUMERE. Avevano il miracolo dentro casa, la permanenza in A da diciassettesimi. Hanno tergiversato una settimana, sono andati a interpellare Juric prima di confermare, per non spendere altrove, Semplici. Cragno era in vetrina e sono riusciti, per un pugno di ceci, a perdere il treno due volte: Alessio è rimasto a Cagliari nel passaggio più delicato della sua carriera. Mentre il più che pronto Vicario (fresco di rinnovo) è partito. Sono riusciti a innervosire Godin. È tra i convocati per il Pisa, ma andrà via. Il Betis Siviglia è in testa: quattro milioni di euro sono tanti ma l’anno scorso alla presentazione c’era già il Covid e i mancati introiti. Eppure, tra hostess, colonna sonora del Gladiatore, poltroncine e fiori rossi, il patron sorrideva. Oggi, gli dice – e glielo fa replicare dal ds mentre gioca la Copa America! – che non gli paga quel che gli ha messo nero su bianco. Una barzelletta! Comunque la si veda, promessa da  mercante inclusa, hanno sbattuto anche con Nández: a casa per scelta del club.

Tutti a maledire l’uruguagio e il suo agente. Ma attenzione: il calcio professionistico non è il set di Alice nel paese delle meraviglie. Accade da sempre, serve testa, trasparenza e serietà. Giustamente scrivete che se dai un milione e quattrocentomila euro a Pereiro e uno a Cerri, Nández e Nainggolan possano chiedere altro. Adesso, per Nahitan magari spunta il West Ham. E i 30 milioni o anche 25 del Leeds o lo sguardo della Roma di Mourinho avrebbero aperto altre visioni, ma l’Inter rimane l’Inter – perlatro, scaltra nello scaricare le avance dell’Uomo solo al comando appena sono arrivati i denari del Chelsea utili per Dumfries – e vedo che in tanti l’avete colto! E il giovane Walukiewicz? Per il patron era seguito dalle big europee. Per non saper né leggere né scrivere Semplici l’ha tenuto sempre in panca. E per il centrale non c’è stata neanche la chiamata di consolazione agli Europei. Si farà. Ma serve tempo e la voglia di poter subito fare plusvalenze non paga. Gli altri non hanno la sveglia al collo, specie se chi vuol vendere dà l’idea di voler dominare e infierire.

NAINGGOLAN. Dicevamo di Radja. Premesso che non scomoderei l’etica e lascerei perdere la questione mercenario, per lui e chiunque: il circo è questo. I club sono indebitati per gli ingaggi folli, in crescita anche sotto la pandemia. C’è chi sa gestire, chi no. I calciatori professionisti devono lucrare quanto possono dalla loro “azienda”, fatta cuore e cervello, talento, tecnica, sacrifici, intelligenza. Non durano all’infinito, lo sanno e lo sappiamo. E su bandiere e leggende, anche locali, i distinguo sono tanti. E un giorno li approfondiremo. Ma Nainggolan merita un discorso a parte. Si è svincolato, ha scritto sui muri che avrebbe chiuso al Cagliari, cos’altro doveva fare? Poi, c’è il soldo: “L’anno scorso ci ho rimesso un paio di milioni, la società e i tifosi sanno che mi sono messo a totale disposizione” le sue parole di un mese fa. Adesso, fargli le bucce (ha 33 anni, ha acciacchi, fa una vita poco equilibrata, deve tagliarsi lo stipendio eccetera) è ingiusto.

Se anche dovesse giocare dieci partite a girone ai suoi livelli, oltre che per leadership e personalità che si traducono in benzina e valore aggiunto per i compagni, il Ninja in campo possa determinare 6, 7 punti. Quindi, perderlo – bleffando sui patti: sapeva di un  biennale, gli hanno proposto un anno a un milione e due! – per ottocentomila euro quando lui sa di altri in gruppo che guadagnano quei soldi con un apporto che è sotto gli occhi di tutti, non evidenzia una scelta saggia. Il tuttocampista va all’Anversa. E per il Cagliari – nel torneo in cui la sfiga di vede perfettamente: Rog! – non sarà una perdita facile da colmare.

NOTARELLE
Detto del momento rovente tra Capozucca e patron, si sente la voragine dovuta a esperienza e mancati suggerimenti di Stefano Filucchi. Il vice presidente ha gestito la vittoria della B e l’undicesimo posto da neopromossa con 47 punti con Rastelli in panca. Poi, si è fatto da parte. A seguire, il baratro con Murru, Bruno Alves e Isla ceduti e rimpiazzati da Miangue, Andreolli e Van der Wiel.

Leonardo Semplici è uomo di campo. Sa come funziona, se i risultati arrivano, giocando bene o male non importa, la panchina è salda. Se dovesse traballare, a Cagliari come a Praga, Marsiglia o Manchester, il tecnico rischia di saltare. In città si vocifera di un mezzo accordo preventivo dell’Uomo solo al comando con Diego López. Magari è una bufala legata al caldo torrido.

Questione budget. I soldi sono suoi, prendilo tu il Cagliari, diventeremo come il Chievo eccetera. Il sunto di quel che si dibatte è grosso modo questo. Allora, tenere il bilancio sano e in regola è un proposito eccellente. Poi, si passa al pallone. E qui servono competenze, relazioni, mestiere. E se i recenti piazzamenti (senza scordare quel che mezza Italia sportiva dice, e non offendetevi perché al loro posto viene facile pensarla allo stesso modo, che se non viene annullato il 2-0 di Osimhen e Doveri non si rimangia il rigore per il Benevento, adesso per i rossoblù ci sarebbe un altro torneo) sono lì a ricordarlo, la musica non cambia. Se si decide in solitudine, si vota per la A a Dazn dopo aver assicurato l’appoggio a Sky, si azzerano le professionalità (Capozucca e altri) adeguate, si soffre. E poi, ci si mette anche il dettaglio: il patron si complimenta con Filippo Tortu. Buono e giusto. Ma come si può scordare Lorenzo Patta, sardissimo di Samugheo e tifoso del Cagliari? La colpa dev’essere di twitter!

 

120 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
120 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

(SONDAGGIO) Pavoletti, voglia di restare. Meglio lui di Lapadula e altri?

Ultimo commento: "Pavoletti se non succedono altri terremoti in casa Cagliari... Ci riporterà in serie a e segnerà 18-20 gol"

I lettori di CalcioCasteddu divisi: Liverani non è l’uomo giusto per il nuovo Cagliari

Ultimo commento: "E aperto anche il master per come gestire una società di calcio il caso di studio che verrà analizzato è il cagliari calcio affrettatevi i posti..."

Capozucca, i lettori di CalcioCasteddu si dividono. La maggioranza però cambierebbe ds

Ultimo commento: "Fidatevi di Capozucca..... è una che vede lontano!!!!"

SONDAGGIO – Cerri sulla via del ritorno a Cagliari: giusto dargli un’altra possibilità?

Ultimo commento: "diciamo che può tornare utile come riserva"

I lettori di CalcioCasteddu a maggioranza: Cerri merita un’altra chance

Ultimo commento: "Ci siamo dimenticati di Cerri, secondo me le darei un'altra chance, ricordiamo il bel gol di testa nel finale di partita, alcune cose buone le ha..."
Advertisement

I Miti rossoblu

16 campionati in rossoblu per la bandiera del Cagliari

Daniele Conti

Il portiere del leggendario scudetto del 1969-70

Enrico Albertosi

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

"BONIMBA", UNO DEI PIÙ FORTI ATTACCANTI ROSSOBLU

Roberto Boninsegna

Altro da Il dribbling di... Mario Frongia