Resta in contatto

Il dribbling di... Mario Frongia

IL DRIBBLING DI… Mario Frongia. Cagliari, vittoria che pesa

Nandez, gol da esteta, e soci inchiodano la Samp, in dieci dal 38′ del primo tempo. Il 2-0 premia una gara poco brillante ma concreta: 10 punti in 7 gare non possono mentire

La sblocca JP10 su rigore, sotto la pancia di Audero. Ma il brasiliano poteva aprirla dopo 3′: cross perfetto di Ounas, l’incornata si stampa sulla traversa. A chiuderla ci ha pensato Nandez: sontuoso lo sprint, come l’assist di Simeone, la sterzata, il tocco di sinistro. L’uruguagio di Punta de l’Este, palma d’oro e migliore in campo per distacco. Cagliari-Sampdoria potrebbe stare in cinque righe. Ma non è così. La trama del match è stata altalenante. Poi, quando si vince, tutto scivola, i pro e i contro. Di fatto, la sfida con l’ex Ranieri, infuriato con l’arbitro fin dal rosso mostrato a Augello per spinta da ultimo uomo ratificata dal Var (“Sembra una partitella tra ragazzini di dodici anni. Basta! Arbitra, Ayroldi!” ha urlato più volte l‘indimenticato maestro della risalita dalla C alla A), è andata al meglio. Ma la sintesi porta altrove. In parità numerica i rossoblù sono parsi meno brillanti e più lenti. E il merito non può essere solo della bravura del volpone della panchina avversaria. Anche se in tribuna patron Ferrero è parso per quasi due ore in preda ai morsi di una nutria.

LA MODIFICA. Marin non si tocca. Nel limbo tra continuità ed equilibrio, Di Francesco inserisce Ounas (“Deve darci imprevedibilità, ne abbiamo bisogno”, aveva detto ieri in conferenza stampa il tecnico, che non abbassa in mediana Nandez a discapito dell’ex Ajax. DiFra poi lo lascia negli spogliatoi nell’intervallo. E la musica, complice la superiorità numerica, cambia. Sottil – autore del terzo gol annullato per offside – rimarca freschezza e pressione. Caratteristiche che nei primi 45 minuti non sono pervenute. Passo felpato e timido, ritmo con poche accelerazioni. Ranieri che blocca le fasce da esperto giocatore di scacchi sul tappeto verde, non sorprende. merita invece una riflessione la mezzora abbondante di Rog, scomparso dalla terra di mezzo, quasi autoisolatosi a sinistra. Work in progress, con territori tutti da esplorare nella ricerca dell’equilibrio richiesto dall’ex allenatore di Roma e Sassuolo. Di Francesco l’aveva detto: “Siamo alla ricerca degli equilibri giusti, collettivi e non dei singoli”. A metà, può essere contento. Per intero se si tiene conto dei 3 punti. Intanto, sarà scontata la strigliata per non aver arrotondato il bottino: sotto porta serve concretezza. Le occasioni, anche con l’uomo in più e soluzioni appetitose, vanno sfruttate. Da Sottil a Joao passando per Nandez.

GODURIA PURA PER I TIFOSI. Nel giorno dei 76 anni di sua maestà Gigi Riva (“Gli manderò gli auguri, lo ricordo a Coverciano da dirigente della nazionale, giocavo nella Roma ha sussurrato Di Francesco), il Cagliari mette in classifica un successo meritato e voluto. Allunga in coesione di squadra, vede Godin quasi sui suoi livelli, sa di poter contare su furetti di scorta e d’avvio, come Ounas e Sottil. identico discorso sul centravanti, e su un modulo che può mutare pelle: Pavoletti c’è. E Cragno non deve sbucciarsi i guantoni e sognare i 15 ceffoni presi in sei gare. Bel colpo e gradino dei 10 punti raggiunto dopo sette turni. La porta imbattuta è un primo importante segnale di crescita. I tifosi possono gioire. E sognare. Soprattutto, in vista della trasferta in casa Juve. Il lavoro prosegue.

 

24 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
24 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Stef .
2 mesi fa

Un po’ di coraggio EdF, non si può regalare la fascia sinistra a quella volpe di Ranieri per un tempo; giusto non bocciare Marin e dargli tempo ma anche logico l’avvicendamento con Nandez al centro e consegnare la sinistra a Sottil. Non credo che sia stato tutto merito dell’espulsione, IL Cagliari ritrova equilibrio e punisce una Samp troppo manovriera e poco concreta. Occhio però agli egoismi sotto porta.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 mesi fa

❤💙

Anarchein
Anarchein
2 mesi fa

Tutto giusto…..
Io però ho una piccola pulce che mi infastidisce quando ho visto i due esterni che a turno “si sono voluti mettere in mostra” mettendosi in proprio. Sottil ed Ounas devo capire essenzilmente una cosa : loro sono lì per PASSARE la palla al giocatore meglio piazzato. E punto. Se avete notato Simeone era il meno felice di tutti ed ha ragione, in due occasioni poteva far male ma il pallone non l’ha ricevuto. Si deve lavorare per la squadra.
Ma avanti così ! FC

Riki Brando
Riki Brando
2 mesi fa

Io Godin quasi ai suoi livelli non l’ho proprio visto. Per il resto il bicchiere deve ancora riempirsi ma c’è abbondanza di materia prima.

Dimoniu Arrubiu
Dimoniu Arrubiu
2 mesi fa

Finalmente una partita dove vedi il ns Cagliari vincere bene peccato che la chiusura di tutto ti impedisca di gioire allo stadio . E la prossima partita con la Iuve la potrai vedere praticamente da solo

fedez
fedez
2 mesi fa

Via maran

Lucio Cabriolu
2 mesi fa
Reply to  fedez

🤣🤣🤣🤣🤣 6 un po’ in ritardo…

Geppo
Geppo
2 mesi fa
Reply to  LUCIO

E Rastrello

Giovanni Melis
2 mesi fa

A me la partita è piaciuta si qualche sbavatura da aggiustare ma nel complesso bravi tutti

carlo p.
carlo p.
2 mesi fa

Il tifoso è uno che tifa, incoraggia, gioisce per la vittoria; anche se vede dei difetti si augura che si aggiustino e sprona perchè ciò accada, insomma innanzitutto il tifoso è uno che si mostra contento quando si vince.

Luca Cavallo
Luca Cavallo
2 mesi fa

Il cambio Sottil – Marin unica scelta di buonsenso in una gestione di squadra fin’ora confusionaria, pretestuosa, dettata dall’estemporaneità del momento. Quanto ci avrebbe fatto bene un Zenga, che ha a tutti gli effetti trovato un senso a Likoghiani. Avanti così e sarà serie inferiore.

Bruno
Bruno
2 mesi fa
Reply to  Luca Cavallo

Vai a farti tamponare.

Gigi
Gigi
2 mesi fa
Reply to  Luca Cavallo

Ecco uno che ama fare la figura del pxxla.

Marco
Marco
2 mesi fa
Reply to  Luca Cavallo

Po caritade

rino
rino
2 mesi fa
Reply to  Luca Cavallo

sei solo un provocatore, fai qualcosa di meglio!

zio fab
zio fab
2 mesi fa
Reply to  Luca Cavallo

Vai a tifare la juve..

Fangigi
Fangigi
2 mesi fa
Reply to  Luca Cavallo

Fai una cosa… prendi il cavallo e vai a prenderti un po’ d’aria.. magari rinsavisci…

A
A
2 mesi fa
Reply to  Luca Cavallo

Dai Walterone finiscila…

Luca Cavallo
Luca Cavallo
2 mesi fa
Reply to  A

Grazie!!

Legolas
Legolas
2 mesi fa
Reply to  Luca Cavallo

Troll

piero
piero
2 mesi fa
Reply to  Luca Cavallo

ma quelli che idolatrano zenga ,hanno bisogno di occhiali ? ma che ci vedevate ?

Pizzikorru
Pizzikorru
2 mesi fa
Reply to  Luca Cavallo

Ubriaco? Altrimenti cambia pusher.. spero la tua sia una provocazione.. perché se lo pensi sul serio di calcio non capisci un ……..

Giuseppe
Giuseppe
2 mesi fa
Reply to  Luca Cavallo

Ma perché scrivi?

angelo
angelo
2 mesi fa
Reply to  Luca Cavallo

Un vero commento scaramantico……

I Miti rossoblu

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

Advertisement

Lucio Bernardini

Ultimo commento: "È vero,il regista era De Paola ma le sue geometrie erano da regista puro"

Fabián O’Neill

Ultimo commento: "il nostro piccolo George Best!"

Josè Oscar Herrera

Ultimo commento: ".... José Oscar Herrera..."

Carmine Longo

Ultimo commento: "Ma guardate che l Inter non ci ha favoriti in nulla ! Boninsegna valeva più di quello che ci hanno dato ! Si il Cagliari vinse lo scudetto .... ma lo..."

Massimiliano Cappioli

Ultimo commento: "Rocco e Paolino arrivarono dall'Inter quando tornammo in B con Ranieri. Paolino prese il posto di Piovani."
Advertisement

Cerca con Pagine Sì!

Powered by Pagine Sì!

Altro da Il dribbling di... Mario Frongia