Resta in contatto

Il dribbling di... Mario Frongia

IL DRIBBLING DI… Mario Frongia. Cagliari: sconfitta amara a Bologna, ma Di Francesco ha tracciato la rotta

Due volte in vantaggio, padroni per un’ora del match, capaci di pressare e creare sulle fasce, i sardi vengono infilzati da Barrow e Soriano

Una partita strana, che pareva in pugno, gestibile anche in rimonta. E invece, ecco Barrow, gambiano che segna e sorride. Il Cagliari, reduce da tre successi di fila tra serie A e Coppa Italia, non spezza la storica serie negativa al Dall’Ara: non si vince dal gennaio 2010, match winner Matri. Il Bologna interrompe il tris di ko consecutivi e mette in classifica 3 punti preziosi. Una sconfitta amara, anche perché per due volte avanti, l’undici di Eusebio Di Francesco ha mostrato crescita tattica e agonistica. Peccato. Ma sarà utile per il futuro: quel filo di cattiveria che deve accompagnare i vantaggi, in casa e in trasferta, deve arrivare in fretta. Il pegno che si paga per avere una carta d’identità giovane passa anche per queste frequenze. Nel 3-2 finale si segnala la lievitazione del gioco e la nitida maturazione collettiva. Poco? Per ora, bisogna accontentarsi.

I PROTAGONISTI. Joao Pedro che in Serie A si lascia alle spalle Oliveira (45 reti) e ha davanti solo sua maestà Gigi Riva, 156 ciliegine, è la foto simbolo del Cagliari per oltre un’ora: frizzante, aggressivo, imprendibile. Ma non è bastato. Il Bologna, reduce da tre sconfitte di fila, trova la tripletta e inchioda i sardi. Calcio sincero, di provincia, cuore e viso aperto. Cinque gol e un primo tempo che vive di fioretto e clava, pallonate e inserimenti, gioco organizzato. Più pressione intelligente e la voglia di firmare la serata da entrambe le squadre. Con JP10 sul trono dopo un quarto d’ora: l’1-0, assist di Sottil, che si aggiudica il corpo a corpo con De Silvestri, lo porta a quota undici e lo incorona tra i migliori goleador brasiliani del 2020 nei cinque principali tornei d’Europa. Per dire, Neymar ne ha segnati sette. Ma la verità della partita l’ha scritta Eusebio Di Francesco. Disegno tattico e filosofia che si solidifica. Manca la saggezza per non farsi riprendere. Serve pazienza, cinismo e solidità dietro arriveranno.

TATTICA E SPETTACOLO. I rossoblù partono forte. E trovano un Bologna piazzato a specchio. Ma mentre Rog e Marin spaziano, Joao va ovunque mentre Soriano vivacchia, le catene Zappa-Nandez e Lykogiannis-Sottil dominano le fasce. Infine, la leadership di Godin e le mani infinite di Cragno: 31 parate in A, finora nessuno come lui. Peccato, dopo aver negato il gol a Palacio, Svamberg, Orsolini, per il super portiere di Fiesole (con 5,4 parate a gara nei cinque campionati europei, è il guardiano più efficiente) che Barrow, con Walukiewicz distante, tiri fuori dal campionario una sassata di destro sotto l’incrocio: 1-1. Ed è solo l’inizio. Il gran gol di Simeone (il quarto di cinque nelle ultime tre gare, assist di Zappa) riporta i Quattro Mori avanti.

Il Cholito, anno solare 2020, con 12 reti è l’argentino più prolifico alle spalle di Leo Messi. Poi, riecco gli emiliani. Il Cagliari pensa a controllare il match. C’è maturità e gestione oculata. Ma Soriano spezzo il sogno. E ancora Barrow incide con il gol partita. Il gambiano sfugge a Rog, l’Uomo Cragno non ci arriva. Ma per DiFra la musica è quella dello spartito che piace. Anche con l’ingresso eccellente di Ounas e le risposte di Pavoletti. In più le verticalizzazioni funzionano, le gambe pure. Godin mette sale nella linea a tre arretrata che costruisce il gioco. Al Dall’Ara sono lievitate personalità e identità di squadra. C’è da lavorare, ma le sensazioni sono buone.

 NONNETTI E ALLENATORI. Godin e Palacio, duello vintage. Il primo, 16 febbraio ’86, uruguaiano di Rosario, mostra i denti all’argentino di Bahia Blanca, 5 febbraio ’82. E pensare che se il Cagliari schiera i 2000 Zappa e Walu, nel Bologna c’è Hickey: 10 giugno 2002, più giovane in A. Su Eusebio e Sinisa, fin dai faccia a faccia in campo tra Roma e Lazio, i numeri sono in parità.

 

92 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
92 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement
Advertisement

I Miti rossoblu

16 campionati in rossoblu per la bandiera del Cagliari

Daniele Conti

Il portiere del leggendario scudetto del 1969-70

Enrico Albertosi

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

"BONIMBA", UNO DEI PIÙ FORTI ATTACCANTI ROSSOBLU

Roberto Boninsegna

Altro da Il dribbling di... Mario Frongia