Resta in contatto

Il dribbling di... Mario Frongia

IL DRIBBLING DI… MARIO FRONGIA: Cagliari, un film già visto

Il Ninja non arriva, l’esterno Ounas in rossoblù. Gli auspici di Eusebio Di Francesco erano altri. Difficile nascondere che ci sarà da stringere i denti

Radja Nainggolan addio. Adam Ounas al Cagliari. L’esterno del Napoli è un bel colpo. Basterà al bisogno? Intanto, il mercato si chiude con l’insufficienza piena. Sarebbe servito anche un terzino sinistro. Amen. E chissà qual è il pensiero di Eusebio Di Francesco, dritto per dritto nel dopo manita subita a Bergamo: “Mi aspettavo rinforzi, spero arrivino. Non basta solo Nainggolan, serve altro” la sintesi delle parole del tecnico nel dopo Atalanta. La sensazione? È serio. Ingoierà il rospo, farà ammuina e ci darà sotto con il lavoro. Adatterà il modulo e affinerà la linea arretrata, piazzerà Joao Pedro più vicino all’area avversaria, darà libertà di svariare a Nandez, chiederà a Rog i raddoppi dalle parti di Lykogiannis o chi per lui, aspetterà Marin, si augurerà che Cragno non abbia neppure un brufolo, chiederà gli straordinari a Godin, cercherà di svezzare in fretta Zappa, Caligara, forse Tripaldelli (che è costato un promettente e pronto Romagna) e Tramoni. In tanti scrivono: ma Bradaric e Oliva sono messi peggio del regista ex Ajax? Qualcuno osa: Cigarini era da salutare (per inciso, in modo per nulla elegante, lasciando le responsabilità al Walter Zenga di turno)? E Pajac a sinistra è così improponibile? Misteri. Come i dieci milioni – l’ha detto il club – spesi per Cerri. O gli affari non chiusi (prima e ora, da Kjer a Goldaniga, Fazio, Juan Jesus, con Pereiro preferito a un centrale con il Cagliari alla canna del gas in difesa: ma è ovvio, la colpa è stata tutta di Maran e Carli!) anche per non voler pagare le provigioni agli agenti: come se per Barella l’Inter non avesse dato al procuratore della mezzala, Beltrami, quanto dovuto. E l’affare fosse andato per aria. Un dramma già visto fin dal primo anno di cambio di proprietà. Intanto, sarebbe folle chiedere – dopo Sassuolo, Lazio e Atalanta – magie al tecnico. Dunque, pazienza e ancora pazienza. Fattore che nei tifosi deve andare alla pari con competenza e passione. Dopo la sosta si riparte dal Piemonte, sponda granata. Scongiuri e dita incrociate.

Rabbia e amarezza. Tra i tifosi in tanti lo chiamano “il milanese che tifa Inter”. Altri sintetizzano: “Vuol fare lo stadio per rivendere a 100 quel che ha pagato 30”. C’è chi si arrende: “Un’altra annata con una squadra costruita male”. Il tifoso, come il cliente, ha sempre ragione, non foss’altro perché mette il gettone nella giostra-pallone quinta industria del Paese, tra biglietti, abbonamenti allo stadio e alle pay-tv, merchandinsing e altro. Senza scordare che il Cagliari porta sulla maglia – al prezzo di circa nove milioni di euro annui, provenienti dalle casse regionali, ovvero denari di tutti, tifosi o meno – un pezzo di Sardegna con il logo Isola. Non sono tanti i club di A e B che vantano lo stesso supporto. Ma ci sta. Però, nel calcio fabbrica di sogni e illusioni, non si può evitare di fare i conti con parole, indicazioni, progetto. Altri lettori di buona memoria ricordano l’idea Zeman – con un rosa inadatta al tecnico e le fazioni dei senatori nello spogliatoio – le fucilazioni annunciate di Zola (gli promisero quattro acquisti, ebbe Gonzales, Brkic, Husbauer, Cop, MPoku, Diakité) e Festa, nonostante i 13 punti in 7 gare. Di Rastelli e Maran, altri progetti imbastiti e abbandonati ai primi refoli, talvolta pilotati, di vento, inutile dire: piaccia o meno, attorno ai due è stata fatta sommaria ingiustizia. Ma i numeri, e i record, rimangono. E guai a chi parla di gioco-non gioco: forse, a tratti, negli ultimi vent’anni solo Allegri e Donadoni, hanno innovato atteggiamento e gioco. Il resto, da Reja e Arrigoni dell’era Zola, ma anche la salvezza-miracolo con Ballardini, l’avvio doc con Giampaolo e la buona stagione con Ficcadenti, hanno avuto tutto meno che un marchio tattico attribuibile solo all’allenatore.

Il piatto semivuoto. Adesso, si chiude un mercato più o meno fallimentare. La premessa è d’obbligo: com’è che il Cagliari cambia i direttori sportivi, tasselli chiave di una società organizzata, come fossero Kleenex? Da Francesco Marroccu a Stefano Capozucca, Giovanni Rossi e Marcello Carli. Fino al povero Pierluigi Carta, catapultato sulla sedia più delicata di una squadra di calcio professionistico senza un minimo di apprendistato in un mondo feroce, complice e consenziente in cui relazioni e scambi, mutuo soccorso e risoluzioni condivise, sono state costruite nel tempo. Comunque sia, un teatro di certo poco disposto a fare sconti ai nuovi arrivati. Eppure, il buon Pierluigi è stato mandato in trincea con, forse, un elmetto di cartone e la pistola ad acqua. Perché, che altro può dirsi di chi ha il compito in piena pandemia, con le squadre che badano a risparmiare anche l’euro che non hanno, di risolvere l’impasse degli esuberi et similia quali Cerri, Ceppitelli, Despodov, Carboni, Ragatzu, Birsa, Ladinetti, Pajac, Pinna, Vicario, forse Pavoletti (che pare sia stato offerto a quasi tutti), Pisacane, Oliva. Mentre scriviamo, a mercato chiuso da una manciata di minuti, può anche essersi risolto qualche passaggio last minute. Bene. Ma la sostanza cambia di poco. E si annuncia, nella sentita speranza di essere smentiti, un’annata di transizione. Ci sarà da soffrire per una musica, purtroppo, già vista e sentita.

281 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
281 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Stef .
14 giorni fa

bene, adesso hai santificato la fine del mercato anomalo con bel “J’accuse” a 360° della gestione Giulini. Premesso che trovo la relazione infarcita di interpretazioni personali saggiamente mescolate a dati oggettivi, e .. il fine?? Vuoi acquistare la società ?? Questo spargere olezzo a poco prezzo su una gestione certamente non impeccabile , e se ne può discutere, ma certamente un quadro dai toni ben diversi da come viene dipinto.
e mi chiedo e ti chiedo.. Cui prodest???

Commento da Facebook
Commento da Facebook
15 giorni fa

Nainggolan era la priorità assoluta, per carisma, classe e capacità di caricarsi la squadra sulle spalle.
Lui doveva essere il nostro capitano e simbolo.
Giulini è un venditore di fumo e chiaccherone, ogni anno si riempe la bocca di grandi annunci e proclami e noi tifosi dobbiamo soffrire ogni anno a causa delle sue balle.
Il “progetto” di Giulini non c’è mai stato, solo fumo negli occhi per tenere buoni i tifosi e continuare a promettere loro miglioramenti che non arriveranno mai.

Giuseppe
Giuseppe
15 giorni fa

Analisi impeccabile. Quello che più sconcerta è la perseveranza nel dichiarare progetti che nascono già compromessi. Se prendi Di Francesco devi anche avere un DS in grado di costruirgli una rosa adatta alla sua idea di calcio. Ora abbiamo un DS già compromesso e un allenatore che dovrà fare miracoli, adattando il modulo ai giocatori e gestendo 30 e più giocatori e relativi malumori…

Commento da Facebook
Commento da Facebook
16 giorni fa

Un disastro

Commento da Facebook
Commento da Facebook
15 giorni fa

Tutti a dire che abbiamo una buona rosa, ma nessuno ad ammettere che dopo una prima parte scoppiettante e fortunata della passata stagione, il cammino del Cagliari è da piena retrocessione e il trend negativo stà continuando in questa stagione appena iniziata. Spero, spero, spero, ma ahimè, quest’anno la vedo veramente dura. Auguri.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
16 giorni fa

A mio avviso il direttore sportivo è meglio che torni a lavorare con la primavera, un mercato di cessioni e acquisti alquanto ridicolo.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
16 giorni fa

Solito copione

Commento da Facebook
Commento da Facebook
16 giorni fa

#mabaccagai

Commento da Facebook
Commento da Facebook
16 giorni fa

Bravissimo, complimenti. Grande Mario!

Commento da Facebook
Commento da Facebook
16 giorni fa

Marco ti devo contraddire. In realtà sono ottimi incompetenti 😂

Commento da Facebook
Commento da Facebook
16 giorni fa

Esatto tutto l articolo, ormai è da a.nni che il Cagliari va avanti così, si soffre e basta, eppure qualcuno disse siamo da Europa, si con l Euro, Marin tre partite, inutile, Liko, era già scarso prima, adesso fa pena, purtroppo siamo più deboli del scorso campionato, mi sembra di vedere la squadra confusa di Zeman, avete sopravvalutato Di Francesco, fece quel campionato con la Roma stupendo, si ma in squadra c’erano Totti, De Rossi, ecc, scusate se poco, era meglio Zenga, caro Giulini non sei presidente del calcio, vai via prima che facciamo la fine del Palermo

Commento da Facebook
Commento da Facebook
16 giorni fa

Meno male che abbiamo tenuto Cerri, quei 10 milioni si che è stato un grosso investimento.
Invece di andare a cercare non so chi si doveva andare dritti al Niango senza tanta pubblicità che ha fatto male +che bene + un terzino sinistro a destra con Mattioli eravamo già coperti. Squadra già fatta, Non capisco la fretta per cigarini.
Voto acquisti 5 da pischelli.
Speriamo che Di Francesco che reputo un grande, si inventi qualcosa e non ci molli come fatto con la Sampdoria .
Sempre Forza Cagliari

stefano borea
stefano borea
16 giorni fa

E’ stata una sessione di mercato condizionata dallo spauracchio che un proseguo della situazione attuale (mancati introiti spettatori) o addirittura blocco campionato potesse compromettere seriamente i bilanci delle società.

stefano borea
stefano borea
16 giorni fa

Tante operazioni sono state concluse all’insegna del “pagherò in comode rate nel prossimo triennio” segnale che l’ incertezza sia tanta e le tasche siano vuote per tutte le squadre di serie A.
Nulla di strano quindi che la società abbia cercato giocatori a costo zero o in prestito e che non sia riuscita a piazzare i suoi giocatori ai margini del progetto.

stefano borea
stefano borea
16 giorni fa

Spero che in qualche modo si riesca a arrivare a gennaio senza avere una stagione già compromessa e li aggiustare il tiro, in quanto a mio avviso abbiamo la metà di un undici per coprire un 433.
Quello che mi lascia perplesso è stato il ruolo di Di Francesco nel mercato, si perché almeno noi tifosi abbiamo pensato che avrebbe avuto un ruolo da DS/allenatore e che sarebbe stato lui a indicare e trascinare qualche suo pupillo nella rosa, cosa che non è avvenuta per Fazio Jesus Perez.

fabrizio
fabrizio
16 giorni fa

FINALMENTE !!!!! uno che scrive l’analisi perfetta, rispecchia perfettamente le mie idee, e credo di molti VERI tifosi del cagliari, e non di quelli che credono di esserlo perchè scrivono forza cagliari, accettando tutto senza mai una critica alla società, una critica costruttiva, ha il solo scopo di porre idee migliori ad una società molte volte incompetente, come ci siamo accorti che il ds carta, è un agnellino in mezzo ai lupi, messo solo al servizio per acconsentire, e non per altro.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
15 giorni fa
Reply to  fabrizio

Questo sito è pieno di lecchini che si aspettano l’applauso da parte di Giulini stesso o sono persone che fanno parte della società e scrivono commenti positivi per limitare i danni e cercare di mantenere la faccia.

Last edited 15 giorni fa by Commento da Facebook
Commento da Facebook
Commento da Facebook
17 giorni fa

Serie b diretti

Commento da Facebook
Commento da Facebook
17 giorni fa

Tutte le squadre si sono organizzate e rinforzate, la nostra no . Escluso lo scorso campionato, o meglio la sua prima parte, è da un po che gira male. Allenatori sbagliati, giocatori sbagliati, quasi retrocessioni e schemi di gioco discutibili. Mi auguro di non vivere un altro campionato penoso.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
17 giorni fa

Mi sembra un po’ ingeneroso come articolo, ma ci sta. Temo ci fosse troppa carne al fuoco: molte cessioni da fare e non concretizzate (la parte più difficile è vendere) e acquisti mirati al 4 3 3. Il problema fondamentale credo sia uno solo, Giulini è troppo presente e si sostituisce spesso al ruolo di DS, mi spiego così la scelta di un uomo “debole” come Carta. Carli e Capozzucca (che voleva prendere Gasperini, ricordiamolo) volevano impostare il mercato in maniera differente da come Giulini poi lo ha pilotato in prima persona. I soldi li mette lui (più o meno),… Leggi il resto »

Commento da Facebook
Commento da Facebook
17 giorni fa

Squadra da serie b purtroppo.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
17 giorni fa

Condivido in pieno la disamina di Mario Frongia.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
17 giorni fa

Credo che Marin potrebbe essere la sorpresa

Commento da Facebook
Commento da Facebook
17 giorni fa

A proposito questi sono tutti svincolati

Commento da Facebook
Commento da Facebook
17 giorni fa

Dai tempi di Zeman….Giulini non è mai riuscito a fare una squadra completa…..se pensiamo che Balzano e Murru….si proprio Murru!!!sono stati i migliori interpreti di due ruoli scoperti da sette anni…..ruoli che hanno impedito alla squadra di crescere….e di perdere 70% delle partite proprio da inadeguatezza delle fasce….guardate le squadre avversarie da anni a questa parte dove ci attaccano e dove vincono le partite….i centrali….e ne abbiamo cambiato un casino….c’entrano poco quando esterno avversario può comodamente alzare la testa,pensare,prendere la mira e mettere la palla sulla testa o sul piede del compagno…. per battere il cagliari….serve solo esterno avversario veloce….ed… Leggi il resto »

Commento da Facebook
Commento da Facebook
17 giorni fa

Un Mario Frongia cosi coraggioso e chiaro era da un bel po’ che lo aspettavo! Alla luce del mercato mediocre mi aspetterei le dimissioni di Di Francesco. Utopia.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
17 giorni fa

Ottimo articolo.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
17 giorni fa

Condivido tutto ciò che ha scritto Mario Frongia, giornalista preparato e senza peli sulla lingua. Io addirittura mi sbilancio che a breve a pagare sarà Carta.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
17 giorni fa

Ridicoli

Commento da Facebook
Commento da Facebook
17 giorni fa

2 pagliacci

Commento da Facebook
Commento da Facebook
17 giorni fa

Buffoni

Commento da Facebook
Commento da Facebook
17 giorni fa

Arrori

Commento da Facebook
Commento da Facebook
17 giorni fa

Cominciamo bene

Commento da Facebook
Commento da Facebook
17 giorni fa

Sentire che il cliente/tifoso ha sempre ragione è una di quelle frasi che sinceramente non vorrei mai sentire e leggere in qualsiasi situazione. Il fatto che uno paghi e dunque è incontestabile è un segnale di ignoranza massima (ma questo è un mio parere). Dell’operato del Cagliari si può contestare tutto, ma di sicuro non abbiamo la ragione, siamo osservatori che non partecipano alle sedute di mercato e non conoscono la vera realtà dei fatti, ma solo trasposizioni. Detto questo, il mercato non è andato come si sperava, amen. Abbiamo giovani a detta di tutti di grandi prospettive e non… Leggi il resto »

Commento da Facebook
Commento da Facebook
17 giorni fa

Giusto 32 anni sono anche gia troppi

Commento da Facebook
Commento da Facebook
17 giorni fa

Si sfarfalla ehhh!?!?

Commento da Facebook
Commento da Facebook
17 giorni fa

Tutto giusto tranne il discorso su cragno.
Vicario e’ piu’ forte di Cragno

Commento da Facebook
Commento da Facebook
17 giorni fa

Articolo superbo ed esplicito. Complimenti.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
17 giorni fa

Esonero alla 6 sconfitta!

Commento da Facebook
Commento da Facebook
17 giorni fa

Comunque ci sono calciatori… Forti… Senza contratto…
Da pagare solo lo stipendio!!! 😎 😎

Commento da Facebook
Commento da Facebook
17 giorni fa

….Zeman 2……stesso inizio……

Commento da Facebook
Commento da Facebook
17 giorni fa

Finiremo male.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
17 giorni fa

Due incompetenti!

Commento da Facebook
Commento da Facebook
17 giorni fa

Analisi giusta

Commento da Facebook
Commento da Facebook
17 giorni fa

Campiamo due mesi, poi si vedrà a gennaio.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
17 giorni fa

….. E non solo i denti da stringere🙄🙄😒😒😒

Commento da Facebook
Commento da Facebook
17 giorni fa

Io dico che una squadra con : Cragno,Godin,Rog,Nandez,Simeone,Joao,Pavoletti,Ounas è tanto. Sottil e Zappa mi sono piaciuti aspettiamo Tripaldelli Tramoni e Zito poi vediamo

Commento da Facebook
Commento da Facebook
17 giorni fa

Più che tifosi mi sembrate degli iettatori Ma perché Non cambiate squadra e lasciate lavorare con tranquillità la società

Commento da Facebook
Commento da Facebook
17 giorni fa

Pessima disamina, capisco la rabbia per il mancato arrivo del ninja ma sparare a raffica su tutto quanto fatto dalla società mi pare esagerato…non tutto è perduto, forza casteddu!

Commento da Facebook
Commento da Facebook
17 giorni fa

Ci stiamo preparando x ritornare in …B…

Commento da Facebook
Commento da Facebook
17 giorni fa

POVERO CAGLIARI, SIAMO ALLE SOLITE..NON E’ CHE CI DOVREMMO ACCONTENTARE DI CERRI? PER CARITA’, CEDETELO GRATIS…

I Miti rossoblu

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

Advertisement

Carmine Longo

Ultimo commento: "Se giulius avesse un ds così ..... anche se ha avuto capozzucca e non è riuscito a tenere, ....sicuramente lo storpio do Marotta non la..."

Lucio Bernardini

Ultimo commento: "Aveva il passo da tornante e faceva il regista .... lo.avessimo adesso uno così!"

Fabián O’Neill

Ultimo commento: "Uno dei più " belli " da vedere dal vivo ..."

Pierluigi Cera

Ultimo commento: "Ero ragazzino quando andò via per giocare con il Cesena e ci rimasi malissimo.."

Josè Oscar Herrera

Ultimo commento: "In quegli anni, assieme a mio cognato e ad altri cari amici; eravamo abbonati con posto centrale nei distinti. Ben 2 macchine che ogni volta facevano..."
Advertisement

Cerca con Pagine Sì!

Powered by Pagine Sì!

Altro da Il dribbling di... Mario Frongia