Resta in contatto

News

Incredibile sagra del gol a San Siro. L’Inter batte 4-3 in rimonta la Fiorentina

Accade di tutto nel match. Tre punti sofferti per la squadra di Conte, che nella ripresa fa entrare Nainggolan

Esordio con vittoria in campionato per l’Inter. Nerazzurri vittoriosi 4-3 sulla Fiorentina, al termine di una splendida partita.

LA SFIDA DI SAN SIRO. I viola in vantaggio dopo 3’ di gioco, frutto della rete siglata da Kouame dopo uno scambio con Bonaventura, che batte facilmente Handanovic. Meglio la squadra di Iachini, che sfiora il 2-0  (dopo aver quasi subito l’1-1 con Brozovic al 15’) ancora con Koume, stavolta sullo splendido passaggio di Ribery. Fondamentale l’intervento del portiere nerazzurro.  19’: Calvarese vede un fallo di Caceres su Lutaro. Assegna il rigore, ammonisce l’ex Lazio e Juventus, poi viene richiamato da Maresca e ritorna indietro sulla sua decisione. Al 41’ altro fraseggio di Kouame, in questa circostanza con Castrovilli, ma l’ex Cittadella spara clamorosamente alto divorandosi il gol del raddoppio. Prima dell’intervallo (47’) il pareggio, nato da un contropiede di Barella che appoggia sulla sinistra per Lautaro, il quale controlla, si accentra e dal limite carica il destro che non lascia scampo a Dragowski.

Al rientro in campo Conte fa scaldare alcuni suoi uomini, ma non Nainggolan, che però entrerà alla mezzora al posto di Barella. Fortunati i nerazzurri al 7’, sul tiro di Lautaro in girata, trova la deviazione di Ceccherini. Ma gli ospiti sono vivi e pareggiano con Castrovilli al 13’ dopo una splendida giocata di Ribery.  La classe del francese non la si scopre certo stasera. Dai suoi piedi nasce il 3-2 Fiorentina al 18’, con la verticalizza per Chiesa che entra in area e batte Handanovic in uscita con il destro. Al 27’ Lukaku evita il contrasto di un difensore e incrocia con il destro, ma Dragowski è strepitoso e con la punta del piede devia in calcio d’angolo. Un minuto dopo altro super intervento del portiere polacco, stavolta sul tiro di Sensi, da circa 20 metri. 35’: Ribery evita un avversario, entra in area e apre al centro per Vlahovic (che calcia con il destro da ottima posizione) ma il tiro termina largo alla sinistra di Handanovic. Nel finale due gol che cambiano la gara definitivamente. Lukaku segna il 3-3 al 42’, D’Ambosio al 44’ il 4-3 finale.

 

13 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
13 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

(SONDAGGIO) Ripartire da Agostini o cambiare ancora?

Ultimo commento: "Secondo me Giulini pensa a Canzi......Puntualizzo, Giulini, non il sottoscritto....."

(SONDAGGIO) Pereiro, fuoco di paglia o serve fiducia?

Ultimo commento: "Bravo, ma senza "garra"!"

(SONDAGGIO) Cagliari-Sassuolo, ultima spiaggia per Mazzarri?

Ultimo commento: "Non credo che Mazzarri abbia molte colpe, visto che ha trovato una squadra inadeguata e anche impreparata, gli innesti di dicembre hanno portato..."

(SONDAGGIO) Cambio in panchina, giusto esonerare ora Mazzarri?

Ultimo commento: "decisione tardiva ma indispensabile. con Mazzarri la B era sicura , forse adesso c è qualche stimolo in più. Purtroppo è l epilogo di una serie di..."

Mazzarri, i lettori di CalcioCasteddu vogliono finire la stagione con il tecnico

Ultimo commento: "In ogni caso,ce la siamo scappati lo scorso anno, per il rotto della cuffia. La Salernitana, grazie a Nicola, provvidenziale il cambio,Colantuono è..."
Advertisement

I Miti rossoblu

16 campionati in rossoblu per la bandiera del Cagliari

Daniele Conti

Il portiere del leggendario scudetto del 1969-70

Enrico Albertosi

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

"BONIMBA", UNO DEI PIÙ FORTI ATTACCANTI ROSSOBLU

Roberto Boninsegna

Altro da News