Resta in contatto

Il dribbling di... Mario Frongia

IL DRIBBLING DI… MARIO FRONGIA: Salvate il soldato Eusebio

A due giorni dal debutto in campionato, anche il tifoso più distratto si sta rendendo conto che qualcosa non torna

In casa Cagliari si naviga a vista. I temi, dai rientri alle ripartenze, una rosa lunga e incompleta, con le criticità dietro che ne hanno condizionato la scorsa stagione, sono stranoti. Basti pensare che contro la Roma si è rivista la difesa di una squadra piazzatasi quindicesima con una tra le peggiori sei difese del campionato scorso. Inviati i doverosi scongiuri e un sincero in bocca al lupo a Eusebio Di Francesco, il “progetto” societario naviga a sprazzi e sotto la sufficienza. E a poco servono fanfare, interviste (dove spesso si incrociano posizioni opposte rispetto a quelle espresse pochi giorni prima), titoli roboanti. Marketing e comunicazione, per una categoria purtroppo troppo spesso assoggettata e dormiente come la nostra, sono una cosa. Il campo e i fatti, un’altra. Per dire, Juan Jesus e Goldaniga sono al Genoa dell’ex Maran, con molta probabilità Nainggolan se ne rimarrà all’Inter o giocherà per chi può pagarne prestito e stipendio.

Per Godin pare fatta. Ma l’ex Atletico Madrid è rimasto bersaglio indecifrabile per giorni con presunte buonuscite e premi da concordare. La verità? I procuratori vanno pagati. Stessa ragione per cui, ad esempio, Juan Jesus non è mai arrivato ad Asseminello. Per non parlare dei “possibili” Florenzi o addirittura Asamoah, sparati a casaccio nella giostra del mercato. O Pjaca, dato per certo dalla dirigenza lo scorso gennaio, poi finito all’Anderlecht. Ci sta. Ma senza esagerare, la tifoseria merita rispetto.

Certo, fino al 5 ottobre, semaforo rosso per il mercato, può accadere di tutto. “Serve un rinforzo per reparto” ha detto Di Francesco nel dopo 2-2 con la Roma. Persona seria, docente di buon calcio, il tecnico sa che i piedi vanno per terra. Le parole in conferenza stampa, il tentare di spacciarsi sempre come fenomeni con procuratori, agenti e direttori sportivi di mezza Europa, non danno né gioco né punti.

Questione Nandez. Il caso Nahitan Nandez pare aver insegnato poco al club rossoblù. Eppure, è ancora di fronte agli occhi di tutti, il crollo agonistico, tecnico e tattico del fantasista, mostrato tra novembre e dicembre. Proprio quando, per non aver saldato il dovuto ai procuratori dell’uruguagio, il Cagliari si è ritrovato di fronte al giudice civile del Tribunale per rispondere di diritti d’immagine non versati. Con la clausola di 36 milioni di euro, Nandez ha poi ritrovato ritmo e fantasia. Insufficienti per evitare il programmato siluramento di Zenga, che infatti non lo manda a dire. Ma, soprattutto, uno dei motivi che hanno portato all’esonero di Rolando Maran, lo scorso inverno stabilmente tra le prime otto squadre d’Italia.

Storia e passione. Senza memoria non si va da nessuna parte. Per il Cagliari e la sua gestione è doppiamente vero. Cuore e passione per il bene e il futuro del club, patrimonio inestimabile per tutti i sardi, devono avanzare con un bilancio sano. Ma se denaro, interessi economici e tornaconti condizionano e governano qualsiasi passo, diventa complicato raccontare ai supporter di uno scenario volto alla crescita, al divertimento e al successo. Domenica contro il Sassuolo, DiFra ritrova il luogo in cui è diventato allenatore. In Emilia ha avuto tempo e respiro, competenza, saggezza e disponibilità: il patron Squinzi ha saputo aspettarlo, dargli fiducia, mettergli a disposizione pedine e risorse. Da queste parti, è difficile, viste le ultime quattro stagioni, con esoneri in panca a raffica, direttori sportivi e preparatori atletici salutati a velocità laser, per non parlare di mancati rinnovi o giubilazioni feroci, individuare pazienza e visione. Incrociamo le dita.

189 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
189 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Larghissima maggioranza tra i lettori di CalcioCasteddu: Giulini dovrebbe passare la mano

Ultimo commento: "Eja se continua di questo passo il fallimento e assicurato, altro che recuperare!"

(SONDAGGIO) Capozucca confermato, pro o contro?

Ultimo commento: "Questa squadra non rispecchia il mio temperamento....il Dio denaro ha offuscato i neuroni di questi ragazzi che non hanno conosciuto la carestia!..."

SONDAGGIO – Cagliari in B: Giulini deve restare o sarebbe meglio un’altra proprietà?

Ultimo commento: "e allora se voleva retrocedere continuiamo a difendere questo incapace e vediamo dove andiamo a finire!"

Salvezza o meno i lettori di CalcioCasteddu vogliono una nuova guida tecnica

Ultimo commento: "Qui permettimi di rispondere; ma non ti sembra un po da miserabili disperati mettere 3 attaccanti contro una squadra di poveracci che meritano di..."

(SONDAGGIO) Ripartire da Agostini o cambiare ancora?

Ultimo commento: "Agostini ha preso una squadra praticamente condannata alla retrocessione. Ci voleva coraggio. Occorre un drastico cambiamento a partire dal presidente..."
Advertisement

I Miti rossoblu

16 campionati in rossoblu per la bandiera del Cagliari

Daniele Conti

Il portiere del leggendario scudetto del 1969-70

Enrico Albertosi

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

"BONIMBA", UNO DEI PIÙ FORTI ATTACCANTI ROSSOBLU

Roberto Boninsegna

Altro da Il dribbling di... Mario Frongia