Resta in contatto

News

Cavasin: “Bari Sardo? All’inizio era un no secco, poi il presidente mi ha fatto cambiare idea”

L’ex allenatore, con un passato anche in A e in B ha spiegato il perché del suo arrivo ieri sera alla presentazione in piazza

 

Alberto Cavasin, come vi abbiamo già scritto la scorsa settimana (LEGGI QUI) dopo uno stop di tre anni riparte dalla Sardegna. Lasciato da parte il passato, fatto di esperienze in Serie A e in Serie B (miglior allenatore della cadetteria con il Lecce) e due esperienze all’estero in Svizzera e Inghilterra, a 65 anni si rimette in gioco in Sardegna, lontano dalla sua Treviso e soprattutto in Prima Categoria al Bari Sardo Calcio.

DA UN NON SECCO AD UN SI. Probabilmente qualche mese fa Alberto Cavasin (pur conoscendo la Sardegna) non sapeva dove fosse Bari Sardo, comune di circa 3 800 abitanti della provincia di Nuoro, a 51 metri sul livello del mare. Poi il primo contatto, attraverso un amico in comune con il Presidente Roberto Ibba. “All’inizio era un no secco – ha affermato con onestà l’allenatore – Ero entrato nell’ottica di un progetto in Serie D con ambizioni, ma anche pronto ad andare ad allenare in Congo. Poi ho conosciuto il presidente, un uomo passionale, semplice, genuino. Mi ha invitato lì per due giorni. Ci sono andato. Ho riflettuto. Ci sono andato altre due volte. Mi ha ubriacato con gli aperitivi. Io che sono quasi astemio. Ma ho capito che vuol fare qualcosa di importante sul territorio. Qui c’è uno staff tecnico vero, io ho portato un collaboratore, Alberto Possamai. Ci sono tanti ragazzi non sardi, ma anche i giovani locali. La squadra è fatta per salire. Poi, sia chiaro, dobbiamo vincere nove derby. Ma abbiamo 500 persone al campo. Il tutto esaurito fisso”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

(SONDAGGIO) Capozucca confermato, pro o contro?

Ultimo commento: "I soldi non li mette lui...comunque ha in passato fatto bene"

Larghissima maggioranza tra i lettori di CalcioCasteddu: Giulini dovrebbe passare la mano

Ultimo commento: "Dopo che hai voluto la serie B per forza per i tuoi interessi, ora facci un regalo vendi, possibilmente a uno che voglia veramente investire"

Salvezza o meno i lettori di CalcioCasteddu vogliono una nuova guida tecnica

Ultimo commento: "Qui permettimi di rispondere; ma non ti sembra un po da miserabili disperati mettere 3 attaccanti contro una squadra di poveracci che meritano di..."

(SONDAGGIO) Ripartire da Agostini o cambiare ancora?

Ultimo commento: "Agostini ha preso una squadra praticamente condannata alla retrocessione. Ci voleva coraggio. Occorre un drastico cambiamento a partire dal presidente..."
Advertisement

I Miti rossoblu

16 campionati in rossoblu per la bandiera del Cagliari

Daniele Conti

Il portiere del leggendario scudetto del 1969-70

Enrico Albertosi

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

"BONIMBA", UNO DEI PIÙ FORTI ATTACCANTI ROSSOBLU

Roberto Boninsegna

Altro da News