Resta in contatto

News

Serie C Girone A. 1-1: l’Olbia sfiora la vittoria in casa della Juventus Under 23

Al Moccagatta di Alessandria un gol di Biancu sotto gli occhi del numero due del club bianconero Nedved illude i bianchi fino allo sfortunato autogol di Arboleda

Una vittoria assaporata fino a 8’ dalla fine. Al Moccagatta di Alessandria un gol di Biancu (sotto gli occhi del numero due del club bianconero Nedved illude l’Olbia fino allo sfortunato autogol di Arboleda, per l’1-1 finale in casa della Juventus Under 23, che lascia aperti i giochi per un posto nei play-off. Il match era valido per il recupero della giornata numero 32 del Girone A di Serie C .

RECUPERO FONDAMENTALE.  Parte forte l’undici gallurese, che al 3’ si divora il gol che sbloccherebbe la contesa sul bruttissimo di Di Pardo. Ma Udoh, dopo essersi presentato a arrivato a tu per tu con Israel, fa partire il tiro che purtroppo centra solo la traversa. Riposta dei padroni di casa un minuto dopo con Raffia e Brighenti al 6’. 14’: provvidenziale, quasi sulla linea di porta, da parte di Altare sul tiro di Aké. Gara con ritmi alti che vedono meglio in avanti i piemontesi, ad un passo dal gol al 21 che non arriva per il salvataggio di Cadili sulla botta di Raffia (a Tornaghi battuto) dopo una disattenzione di Altare. Momento difficile per i bianchi, che al 28’ perdono La Rosa per un fastidio muscolare: al suo posto Occhioni. 31’: zuccata di Brighenti da distanza ravvicinata, pallone sul fondo. Quattro minuti dopo altro intervento di Altare ad evitare in scivolata la rete, sul cross di Aké per Brighenti. Un minuto dopo protesta di Brighenti, che accusa una trattenuta da parte di Altare, per l’arbitro Ancora di Roma 1. Al 42’, su ripartenza, Aké arriva davanti a Tornaghi grazia i sardi dalla marcatura, calciando il pallone sull’esterno della rete. Prima dell’intervallo, la difesa di casa ci mette una pezza al 44’ sulla giocata di Arboleda ad imbeccare Ragatzu.

In campo, dopo una prima frazione difficile, si ripresenta un’Olbia subito grintosa a segnare ambia il parziale al 4’ con Biancu, grazie ad un destro dalla distanza imprendibile per Israel. Ospiti vicini al raddoppio (8’) con Ragatzu che scatta sul filo del fuorigioco e tenta di colpire il pallone a due passi dal portiere: se realizzato, sarebbe stato un eurogol. Un minuto dopo Udoh imbecca con Ragatzu, il quale ci prova da posizione defilata, Israel devia sul legno. Zauli opta per due cambi, nel tentativo di far svoltare le sorti dell’incontro per la sua squadra che (dallo 0-1) è in confusione al contrario dei ragazzi di Canzi. Tornaghi, 27’, ha qualche problema al fianco sinistro ma resta a guardia dei pali. 31′: Lella viene atterrato, ma per l’arbitro è tutto regolare. Al 37′ Juventus Under 23 sull’1-1 per la sfortunata autorete di Arboleda, che colpisce di testa nel tentativo di allontanare il pallone sul destro a giro di Compagnon, ma finisce per mettere fuori causa il proprio portiere. Nel tempo restante, compresi i 4′ di recupero, il risultato non cambia più. L’1-1 finale tiene in corsa entrambe per i play-off.

LE PAROLE DI CANZI. Sono soddisfatto di quello che ho visto oggi in campo, abbiamo disputato un’altra partita positiva che allunga la striscia di risultati utili consecutivi. Giocavamo contro un avversario che, sotto il profilo tecnico, non ha rivali nella categoria. Primo tempo così così da parte nostra con la Juventus che ha avuto in mano il pallino del gioco e ha palleggiato con grande abilità. Nella ripresa però abbiamo fatto decisamente meglio sia sotto il profilo tattico che sotto quello dell’applicazione“. Il pareggio nel finale ha rovinato la festa: “Soprattutto per come è arrivato, su una deviazione. Sono mancate un po’ di fortuna e precisione sia nella rete subita che in occasione delle due traverse colpite”. Noi stanchi? È normale pagare qualcosa, abbiamo giocato l’ottava partita giocata in 26 giorni. I ragazzi sono eccezionali“.

2 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
2 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Difesa ballerina, serve tempo a Liverani o è necessario andare sul mercato?

Ultimo commento: "È da anni che la difesa è imbarazzante ma pare che nessuno della dirigenza se ne sia mai accorto"

(SONDAGGIO) Quale modulo per il nuovo Cagliari?

Ultimo commento: "Chi sceglie 'è' Liverani. Questo nostro è un gioco."

Fascia da capitano, Deiola non convince i lettori di CalcioCasteddu

Ultimo commento: "per me Deiola è prezioso non sarà un fuoriclasse ma dà l'anima per la squadra e tiri da lontano che sono belli da vedere"

Il modulo del nuovo Cagliari, i lettori di CalcioCasteddu promuovono il 4-3-3

Ultimo commento: "GIULINI DAI UNA SPERANZA ALLA SQUADRA ED AI TIFOSI, LASCIA LA PROPRIETA'"

(SONDAGGIO) Lapadula la spalla giusta per Pavoletti?

Ultimo commento: "Se avevi Caceres e Godin non saresti retrocesso."
Advertisement

I Miti rossoblu

16 campionati in rossoblu per la bandiera del Cagliari

Daniele Conti

Il portiere del leggendario scudetto del 1969-70

Enrico Albertosi

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

"BONIMBA", UNO DEI PIÙ FORTI ATTACCANTI ROSSOBLU

Roberto Boninsegna

Altro da News