Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Serie A: l’Inter regola 3-0 il Genoa, l’Udinese sconfigge 1-0 la Fiorentina

A San Siro Lukaku, Darmian e Sanchez piegano un’avversaria irriconoscibile, mentre alla Dacia Nestorvski fa vincere i friulani

Oltre a Crotone-Cagliari (terminata 0-2) gara che rilancia i rossoblù in chiave salvezza, la ventiquattresima giornata ha proposto alle 15 altre due gare. Ecco come sono terminate:

INTER-GENOA 3-0. Gol a freddo della capolista con Lukaku che, triangola con Martinez e poi supera con un destro a incrociare Perin. Un gol accusato dai ragazzi di Ballardini, che palesano tanta confusione e rischiano il raddoppio al 13’, quando Darmian imbecca Hakimi che prova lo scavetto, ma non trova la porta. Cosa che (15’) accade a Martinez, mentre al 17’ Barella scheggia la traversa, andando un passo dal 2-0. Inesistente o quasi la compagine ligure, che per poco non subisce il terzo gol con Lukaku: Perin dice non in due tempi alla mezz’ora. Fortunato, dall’altra parte Handanovic (31’) che esce male sbattendo su Bastoni e, per sua fortuna, Scamacca si vede il tiro respinto. Sei minuti dopo Barella innesca Martinez, Perin ancora una volta risponde presente.

11’ della ripresa: dall’angolo corto palla a Martinez, il quale finta su Ghiglione, ma sul primo palo Perin è attento. Nulla può però al 24’, sul raddoppio nerazzurro firmato Darmian al termine di una super giocata di Lukaku. Gara completamente in ghiaccio al 34’, con la terza marcatura firmata Sanchez, prima annullata da Chiffi, ma convalidata al Var da Mazzoleni.

UDINESE-FIORENTINA 1-0. Viola che prendono l’iniziativa del match fin dall’avvio contro un’avversaria che mette la sfida sul piano fisico. Gara bloccata per vari minuti, segno evidente che nessuna delle due che vuole rischiare, come accade agli ospiti al 23’sulla ripartenza dei padroni di casa che porta al tiro Stryger Larsen, Dragowski però si oppone. Davvero poco per il primo tempo alla Dacia Arena, con l’arbitro Volpi di Città della Pieve, che fischia per l’intervallo dopo 2’ di recupero.

Al 19’ del secondo tempo Vlahovic si presenta davanti a Musso, che evita il peggio con una bella parata. Partita lenta, con tanto tatticismo in campo e risultato bloccato fino alla rete friulana al 41’, segnata da Nestorovski (sul passaggio di De Paul) complice l’errore di Milenkovic, posizionato male.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement
Advertisement

I Miti rossoblu

16 campionati in rossoblu per la bandiera del Cagliari

Daniele Conti

Il portiere del leggendario scudetto del 1969-70

Enrico Albertosi

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

"BONIMBA", UNO DEI PIÙ FORTI ATTACCANTI ROSSOBLU

Roberto Boninsegna

Altro da News