Resta in contatto

Cagliari 1920 - 2020

La stagione 2005/2006. Tesser, Arrigoni, Ballardini, Sonetti: quattro allenatori per una salvezza sofferta

Prosegue il nostro cammino che ci porterà a toccare tutte le tappe più importanti dei cento anni della storia rossoblù: decisivo il ritorno del tecnico di Piombino

È la stagione che porterà a Calciopoli, quella del terremoto in Serie A, quella che manderà la Juventus in Serie B con tanto di penalizzazione. Ma anche la stagione alla fine della quale il calcio italiano si riscatterà ampiamente con la vittoria dei Mondiali di Germania. Questo un po’ per inquadrare il momento storico in cui il Cagliari si appresta a vivere un’altra stagione nel massimo campionato, ancora una volta a dir poco travagliata. Si succederanno infatti ben quattro allenatori.

LA GUIDA TECNICA. Il presidente Cellino non conferma Arrigoni, e al suo posto chiama un altro esordiente in A: Attilio Tesser, proveniente dalla Triestina. Una gestione problematica la sua, che finirà ben presto.

IL MERCATO. La prima novità importante è l’addio di Zola, che smetterà anche col calcio giocato. Via i due portieri, Iezzo e Brunner, arriva in rossoblù Campagnolo, ma anche l’interista Carini, che in teoria avrebbe dovuto essere il titolare, ma che si rivelerà assolutamente non all’altezza. Il problema del numero uno sarà risolto solo nel mercato di riparazione, con l’arrivo in Sardegna dello juventino Chimenti. Importante anche l’arrivo di Ferri dal Palermo, ma soprattutto quello di Andrea Cossu, e del rientro dal prestito a Treviso di Andrea Capone.

LA GIRANDOLA DI PANCHINE. Ancora una volta indecifrabile. Dopo quello con Radice, l’inizio del campionato del Cagliari risulta essere il più travagliato della gestione Cellino. Tesser non convince il presidente, che decide per l’esonero già dopo la prima giornata giocata (e persa, pur non giocando male) a Siena. In cuor suo, Cellino aveva deciso di disfarsi dell’ex tecnico della Triestina molto prima: lo dimostra una frase enigmatica che disse al suo quasi ex tecnico, prima della gara in Toscana («Vediamo se lei è fortunato…»). Il superstizioso presidente ovviamente non prosegue quel rapporto di collaborazione: richiama Arrigoni, ma la piazza non ne vuole sapere, soprattutto per come le strade si erano separate alla fine della stagione precedente, col tecnico di Cesena che ambiva a lidi più importanti. La sua nuova parentesi cagliaritana dura lo spazio di una sola gara, la seconda, quella pareggiata 1-1 al Sant’Elia contro la Lazio. Fuori Arrigoni, dentro Davide Ballardini, un pallino di Cellino che però aveva anticipato i tempi: il suo momento non era ancora quello giusto, e infatti, dopo una gara bruttissima contro il Treviso, viene mandato via. Torna dunque Sonetti, e sarà il tecnico che porterà a termine la stagione raggiungendo l’obiettivo prefissato. La squadra cambia pelle, il carattere è quello dell’allenatore di Piombino e tanto basta per guadagnare posizioni in classifica. Il Cagliari inizia ad aggiudicarsi quelle partite che sulla carta sono fondamentali. E dopo alcuni risultati altalenanti, le prestazioni si regolarizzano fino a raggiungere la certezza aritmetica della permanenza in Serie A grazie al successo interno contro il Parma, alla trentaseiesima giornata.

 

 

 

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest
1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Capozucca, i lettori di CalcioCasteddu si dividono. La maggioranza però cambierebbe ds

Ultimo commento: "Campionato di serie B (vergognatevi) Ediz. 2022-23 - Portieri:BraccioFerro-Bruto-Pluto-Olivio..."

I lettori di CalcioCasteddu a maggioranza: Cerri merita un’altra chance

Ultimo commento: "ai sapientoni del calcio teorico indichiamo i seguenti dati reali: Cerri anni 26 presenze fra A e B 190 con 35 goal... Brunori anni 28 presenze fra..."

Fascia da capitano, Deiola non convince i lettori di CalcioCasteddu

Ultimo commento: "QUI VA TUTTO MALE.....BENEDIRE PURE I TIFOSI....."

I lettori di CalcioCasteddu divisi: Liverani non è l’uomo giusto per il nuovo Cagliari

Ultimo commento: "Brunori mi sarebbe piaciuto ma come al solito giocatori buoni rifiutano il cagliari,facciamo affari sbagliati,prendiamo giocatori oltre i trenta senza..."

SONDAGGIO – Cerri sulla via del ritorno a Cagliari: giusto dargli un’altra possibilità?

Ultimo commento: "E migliorato molto con i piedi...sa far salire la squadra..meglio cerri con lapadula..affianco"
Advertisement

I Miti rossoblu

16 campionati in rossoblu per la bandiera del Cagliari

Daniele Conti

Il portiere del leggendario scudetto del 1969-70

Enrico Albertosi

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

"BONIMBA", UNO DEI PIÙ FORTI ATTACCANTI ROSSOBLU

Roberto Boninsegna

Altro da Cagliari 1920 - 2020