Resta in contatto

Approfondimenti

Accadde oggi… 40 anni fa l’esplosione dello “Scandalo Calcioscommesse”

Era il 23 marzo 1980. Il calcio italiano barcolla quando, al termine delle partite di campionato della domenica, le camionette della Polizia ammanettano diversi giocatori: una pagina nera del nostro sport

ESPLOSIONE. Sono passati esattamente 40 anni. Era il 23 marzo 1980, quando, terminati gli incontri dei campionati italiani di calcio, la sacralità della domenica venne squarciata da un avvenimento epocale: la Polizia e la Guardia di Finanza prelevarono dagli stadi diversi giocatori, tra cui membri della Nazionale, con l’immagine iconica delle vetture all’interno degli impianti che faceva da sfondo al collegamento di Galeazzi per 90° Minuto, storica trasmissione Rai. Cosa stava succedendo? Era accaduto che il 1° marzo un commerciante di frutta e verdura, Massimo Cruciani, aveva effettuato un esposto alla Procura della Repubblica di Roma sostenendo di essere stato truffato: da chi?

FINE DEI GIOCHI. Cruciani sosteneva che, tramite l’amico ristoratore Alvaro Trinca, era venuto in contatto con alcuni calciatori della Lazio: questi lo avevano indotto a scommettere su alcuni incontri, il cui risultato sarebbe stato concordato dai protagonisti in campo. Scommesse clandestine, un giro che crebbe sempre di più e si era allargato nel tempo a calciatori di altre squadre. Tutto era filato liscio, finché alcune partite non si conclusero con i risultati decisi a tavolino. Cruciani era finito sul lastrico a causa di queste perdite, che ammontavano a centinaia di milioni di lire. Da qui la decisione di denunciare i fatti. Il calcio italiano fu investito da una tempesta senza precedenti.

NOMI ECCELLENTI. L’evento ebbe immediata eco mediatica, scatenando l’indignazione del Paese. Oltretutto, tra i calciatori coinvolti nell’operazione, risultarono autentici nomi eccellenti che avevano vestito la maglia azzurra: Enrico Albertosi e Giorgio Morini (Milan), Paolo Rossi e Luciano Zecchini (Perugia), Giuseppe Wilson, Bruno Giordano e Lionello Manfredonia (Lazio), Giuseppe Savoldi (Bologna), Giuseppe Damiani (Napoli), Franco Cordova (Avellino), Claudio Merlo (Lecce) e altri giocatori di Serie A e B. Oltre ad allenatori e dirigenti. Un terremoto sportivo e morale, su cui le autorità avevano indagato a fondo.

CONSEGUENZE. Nel dicembre dello stesso anno tutti gli imputati vennero assolti in ambito penale e le conseguenze sarebbero state esclusivamente di carattere sportivo. La giustizia sportiva calò la sua mannaia sui protagonisti: calciatori puniti da un massimo di 6 anni fino a 3 mesi, alcuni furono assolti. Tra i dirigenti fu stabilita la radiazione del presidente del Milan Felice Colombo, unico a pagare insieme all’omologo bolognese Fabbretti (un anno di squalifica). Per molti dei calciatori coinvolti, si trattò della chiusura anticipata della carriera e, ad ogni modo, una macchia indelebile. L’Italia, poche settimane dopo lo scandalo, ospitò la fase finale dell’Europeo 1980 tra lo sdegno dell’opinione pubblica. Conseguenze anche per il campionato di Serie A e B 1980-81, a causa delle penalizzazioni comminate ai club. Lazio e Milan retrocesse d’ufficio in B, altre cinque società costrette a partire da -5. La vittoria del Mondiale ’82 portò all’amnistia dei protagonisti che, in alcuni casi, poterono riprendere a giocare.

3 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
3 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Anto 67
Anto 67
3 mesi fa

90° minuto era condotto da Paolo Valenti, non da “bisteccone” Galeazzi.

Steve
Steve
3 mesi fa
Reply to  Anto 67

Vero. Però Galeazzi era l’inviato dall’Olimpico e chiese la linea a 90° minuto 🙂

Anto 67
Anto 67
3 mesi fa
Reply to  Steve

Pardon. 40 anni sono tanti…😩

I Miti rossoblu

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

Advertisement
Advertisement

Carmine Longo

Ultimo commento: "Fu un grande Ds. Onore a Carmine Longo."

Josè Oscar Herrera

Ultimo commento: "Un altro gol memorabile fu quello segnato al Parma ai tempi di Ranieri, nel 1991, una bomba dal limite dell'area al 95' che diede ai rossoblù una..."

Massimiliano Cappioli

Ultimo commento: "Le sue parabole di collo pieno hanno contribuìto alla scalata per il ritorno in serie A, facendo esplodere noi tutti tifosi e il glorioso stadio..."
Tiddia

Mario Tiddia

Ultimo commento: "era un commento all 'altro articolo sul Carbonia di Caddeo"

Mario Brugnera

Ultimo commento: "Ricordo quel grande Cagliari seppur 12enne...È stato la colonna sonora della mia crescita e della mia vita. Ancora oggi ripenso alla immensa fortuna..."

Cerca con Pagine Sì!

Powered by Pagine Sì!

Altro da Approfondimenti