Resta in contatto

Esclusive

Scudetto e radici, nel mito di Nenè. INTERVISTA all’autore Angelo Deiana

Lo scrittore, trapiantato a Viterbo ma dalle origini nell’entroterra sardo, ha pubblicato il romanzo “A Diosa. La leggenda di Nenè”

RADICI. Una famiglia di Ardauli, piccolo paesino nella provincia di Oristano, lascia la propria terra per cercare fortuna altrove. A Viterbo, precisamente. Da lì, Angelo Deiana si appassiona al Cagliari grazie ai racconti dei suoi nonni: c’è uno scudetto da custodire e tramandare come una favola che ebbe tra i protagonisti un eroe sfortunato, Claudio Olinto de Carvalho in arte Nenè. “Desideravo scrivere qualcosa di diverso sul tricolore del 1970, che non fosse un racconto trito e ritrito. L’ispirazione l’ho avuta dai nonni e dalla figura di questo brasiliano allegro e dal grande cuore. Così è nato ‘A Diosa. La leggenda di Nenè‘. Le mie radici sempre in primo piano, perché buona parte del racconto è ambientato ad Ardauli dove torno appena posso“, racconta Deiana, classe 1991.

Angelo Deiana

TRAMA. Il racconto del libro riguarda la storia di un giornalista di nome Damiano, inviato in Sardegna per occuparsi di una vicenda che trova triste riscontro nella realtà: fra pochi anni, alcuni paesini dell’Isola sono destinati al completo spopolamento. Fra questi proprio Ardauli. “Scoprire che in quella lista c’era anche il paese dei nonni è stato un colpo al cuore. Da lì si è fatta strada dentro me l’idea di scrivere una storia, intrecciando le mie radici con il Cagliari dello scudetto raccontato dalla mia famiglia. La figura di Nenè mi ha sempre affascinato, da eroe grande e sfortunato. Da Viterbo mi sono recato a Cagliari, dove ho intervistato alcuni suoi ex compagni di squadra e tutti i pezzi del puzzle si sono magicamente uniti“, prosegue l’autore.

RITORNO. “A marzo presenterò il volume a Cagliari“, dice lo scrittore, che nella vita di tutti i giorni ricopre il ruolo di insegnante all’Istituto Dalla Chiesa di Montefiascone (Viterbo). Angelo Deiana è laureato in Filologia moderna. Tifoso del Cagliari, manco a dirlo, ritorna appena può in Sardegna a visitare Ardauli. Dove ha lasciato il cuore.

 

 

5 Commenti

5
Lascia un commento

avatar
500
  Subscribe  
più nuovi più vecchi più votati
Notificami
Anacleto
Ospite
Anacleto

complimenti Angelo, ho acquistato e letto il tuo libro e devo dirti che mi ha emozionato non poco. è molto bello purtroppo per motivi di lavoro non potrò essere alla presentazione, mi dispiace perchè mi avrebbe fatto piacere conoscerti! un caro saluto e ancora tanti complimenti da Villacidro.

Franck
Ospite
Franck

Complimenti Angelo,non mancherò alla presentazione,per acquistarlo 👍❤️💙

Angelo
Ospite
Angelo

Grazie mille, sarà un piacere per me. Più siamo, meglio è. Deve essere una festa per Claudio, non per il libro. Ci vediamo il 7 marzo. Portiamo tutti più amici possibile. Un caro saluto, Angelo

Forza Cagliari
Ospite
Forza Cagliari

Bravo,mi incuriosisce leggerlo

Angelo
Ospite
Angelo

Grazie! E’ un onore per me. Attendo il tuo parere, fammelo sapere anche attraverso social, mi trovi su Facebook. Un caro saluto

Advertisement

Gigi Riva

Ultimo commento: "Penso a Riva e rivedo mio papa'che si rotola sul letto dalla gioia dopo il goal in tuffo di testa alla Germania est...son passati 50 anni,sembra ieri!"

Comunardo Niccolai

Ultimo commento: "11 si ,di cui 2 suoi mi sembra. Solo sfortuna."

Fabrizio Cammarata

Ultimo commento: "Ma se non segnava mai! Se avesse avuto le doti che dici sarebbe stato in nazionale... non in serie b! Che ti sei fumato?"

Mario Brugnera

Ultimo commento: "Un mito, è stato un mito che ha lasciato il segno,ha chiuso col calcio da capitano e bandiera del Cagliari. Grande Mario"

Guglielmo Coppola

Ultimo commento: "grande!. Guglielmo Coppola facci un gol.. oo o o ooo :-d"
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

Cerca con Pagine Sì!

Powered by Pagine Sì!

Altro da Esclusive