Resta in contatto

Approfondimenti

Cragno e Barella, ritorno dove tutto cominciò

Un anno fa l’inizio della svolta per Alessio Cragno e Nicolò Barella. Contro la Spal tornano nello stadio dove diventarono grandi.

RITORNO. Il Mazza di Ferrara non è uno stadio come tutti gli altri per Alessio Cragno e Nicolò Barella. Qui, poco più di un anno fa, cominciò il loro cammino verso i grandi palcoscenici. Era il 17 settembre del 2017 e quello 0-2 alla Spal fu per il Cagliari una grande impresa, che consegnò tre punti poi rivelatisi importantissimi nella lotta salvezza. E fu, per il portiere e il centrocampista, una gara indimenticabile. Cragno e Barella regalarono infatti al Cagliari una prestazione immensa.

BARELLA. Il numero 18, mezzala nel centrocampo a tre di Rastelli, si espresse per la prima volta come poi avrebbe fatto per tutto il resto dello scorso campionato, attirando l’interesse di tante big italiane e non solo. Ma soprattutto il Mazza fu teatro del primo gol in carriera e dunque Serie A del centrocampista cagliaritano, che da allora ci prese gusto, timbrando il cartellino in altre sei occasioni (Torino, Milan, Lazio, Benevento, Genoa e – quest’anno – Atalanta). Mischia in area, tiro deviato che finisce in rete e via a esultare abbracciando Cossu: una gioia indelebile per il giovane grande Nicolò.

CRAGNO. Il portiere ex Benevento e Lanciano, realizzò invece una parata davvero pazzesca su Viviani al 90′, in una delle ultime occasioni dell’incontro per i ferraresi. Il tiro dalla distanza del centrocampista fu infatti deviato in angolo grazie all’intervento portiere rossoblù, che si superò con una grande reattività in quella che lui stesso definì poi “la più bella parata del suo campionato“.

NAZIONALE. Da allora, Cragno e Barella furono adocchiati da tanti. Non solo da altre società, ammaliate dalle super prestazioni dei talentini rossoblù, ma anche dal ct Mancini, che nelle ultime due occasioni ha convocato entrambi per la Nazionale maggiore, permettendo anche al centrocampista di fare il suo esordio con la maglia azzurra dei grandi. E proprio dal Commissario Tecnico i due potrebbero ricevere una chiamata venerdì, alla vigilia della gara di Ferrara, quando Mancini provvederà alle convocazioni in vista del match di Nations League contro il Portogallo. Dovrebbero esserci Cragno e Barella, che ormai, partendo dalla sfida con la Spal, sono davvero diventati grandi.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I lettori di CalcioCasteddu a maggioranza: Cerri merita un’altra chance

Ultimo commento: "Ci siamo dimenticati di Cerri, secondo me le darei un'altra chance, ricordiamo il bel gol di testa nel finale di partita, alcune cose buone le ha..."

Capozucca, i lettori di CalcioCasteddu si dividono. La maggioranza però cambierebbe ds

Ultimo commento: "sono anni che lo dico, uno capace a prendere morti e strapagarli, e svendere giovani ....vai in pensioneeeee!!"

Fascia da capitano, Deiola non convince i lettori di CalcioCasteddu

Ultimo commento: "QUI VA TUTTO MALE.....BENEDIRE PURE I TIFOSI....."

I lettori di CalcioCasteddu divisi: Liverani non è l’uomo giusto per il nuovo Cagliari

Ultimo commento: "Brunori mi sarebbe piaciuto ma come al solito giocatori buoni rifiutano il cagliari,facciamo affari sbagliati,prendiamo giocatori oltre i trenta senza..."

SONDAGGIO – Cerri sulla via del ritorno a Cagliari: giusto dargli un’altra possibilità?

Ultimo commento: "E migliorato molto con i piedi...sa far salire la squadra..meglio cerri con lapadula..affianco"
Advertisement

I Miti rossoblu

16 campionati in rossoblu per la bandiera del Cagliari

Daniele Conti

Il portiere del leggendario scudetto del 1969-70

Enrico Albertosi

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

"BONIMBA", UNO DEI PIÙ FORTI ATTACCANTI ROSSOBLU

Roberto Boninsegna

Altro da Approfondimenti