Resta in contatto

Approfondimenti

Cagliari, buona la prima. Ma ora si fa sul serio

Dopo la vittoria in Coppa Italia, il Cagliari si prepara all’esordio in Serie A. Dove dovrà confermare quanto di buono fatto vedere nel precampionato.

PRECAMPIONATO. Dopo la buona riuscita delle prove generali, il Cagliari non ha steccato la prima ufficiale. Il precampionato aveva già regalato qualche stralcio di bel calcio. Palla a terra, squadra corta, giropalla quando serve e contropiede all’occorrenza. Ma soprattutto buon palleggio a centrocampo e squadra in propensione offensiva in fase d’attacco, al servizio dei centravanti.

CONTRO IL PALERMO. Così è stato durante tutte le amichevoli estive, specie nelle ultime, in cui la rosa aveva già assimilato i principi di gioco di Maran. E così è stato anche contro il Palermo. E non è un caso che i primi gol ufficiali della stagione, quelli in Coppa Italia, li abbia segnati proprio il centravanti Pavoletti. E proprio, al contrario di quanto successo in 12 delle 13 reti del bomber livornese nella scorsa stagione, utilizzando i piedi piuttosto che il colpo di testa.

I SINGOLI. La squadra c’è e sta rispondendo bene alle sollecitazioni di mister Maran. Castro dà tanta qualità a centrocampo. Cigarini preciso e non sprecone in regia. Barella è sempre in crescita. Ceppitelli-Romagna quasi un muro, intaccato solo dal rigore di Nestorovski causato dal fallo di mano di Lykogiannis. Un’ingenuità del greco, che poi si è riscattato con il lancio per il raddoppio di Pavoletti (gli assist di Lyko e Faragò sono una delle carte “di riserva” a disposizione di Maran). E la speranza per quest’anno è di ritrovare anche giocatori che sembravano spariti dai radar, come SauIonita e Pisacane, che sembrano giocatori adatti a farsi trovare pronti quando serve. Con Cerri e Bradaric che ancora devono mettere in mostra le loro qualità.

ORA SI FA SUL SERIO. Meno lanci lunghi. Più possesso palla e maggiore ricerca di equilibrio tra fase offensiva e difensiva. Non ci sono più i cross a vuoto dei terzini e le possibili spizzate di Pavoloso a trenta metri dalla porta. Il Cagliari 2018/2019 ha un altro spirito, un altro modulo e un altro gioco. Ed è pronto per l’appuntamento più importante. La prima in Serie A, di fronte al grande pubblico. Per non deluderne le aspettative.

6 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
6 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Salvezza o meno i lettori di CalcioCasteddu vogliono una nuova guida tecnica

Ultimo commento: "Il tutto parte da Giulini perché è lui che negli ultimi anni ha fatto il mercato e non il ds, dunque per me in primis al Cagliari manca il rispetto..."

(SONDAGGIO) Pereiro, fuoco di paglia o serve fiducia?

Ultimo commento: "È un giocatore che ogni tanto si sveglia del letargo e regala qualche prodezza, ma sono sicuro che un giocatore come Ragatzu avrebbe dato di più al..."

(SONDAGGIO) Ripartire da Agostini o cambiare ancora?

Ultimo commento: "Agostini comunque vada un tecnico giovane bravo e con tanta voglia di fare bene sia in A o B e col cuore ROSSOBLU"

(SONDAGGIO) Cagliari-Sassuolo, ultima spiaggia per Mazzarri?

Ultimo commento: "Non credo che Mazzarri abbia molte colpe, visto che ha trovato una squadra inadeguata e anche impreparata, gli innesti di dicembre hanno portato..."

(SONDAGGIO) Cambio in panchina, giusto esonerare ora Mazzarri?

Ultimo commento: "decisione tardiva ma indispensabile. con Mazzarri la B era sicura , forse adesso c è qualche stimolo in più. Purtroppo è l epilogo di una serie di..."
Advertisement

I Miti rossoblu

16 campionati in rossoblu per la bandiera del Cagliari

Daniele Conti

Il portiere del leggendario scudetto del 1969-70

Enrico Albertosi

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

"BONIMBA", UNO DEI PIÙ FORTI ATTACCANTI ROSSOBLU

Roberto Boninsegna

Altro da Approfondimenti