Resta in contatto

Approfondimenti

Ogni tanto ai bambini fa bene essere rimproverati davanti a tutti

Finalmente dalla società si è alzata la voce sulla squadra e sull’allenatore. La strigliata pubblica del ds Carli ha messo tutti sull’attenti

CI VOLEVA LUI. C’è voluto il nuovo direttore sportivo, l’ultimo arrivato in casa rossoblù, per fare una lavata di capo alla squadra a mezzo stampa. Dopo mesi di non gioco e di approccio molle alle partite finalmente sono arrivate parole forti e con i giusti toni da chi di dovere.

IL PASSATO. Sino a qualche settimana fa c’era un altro direttore sportivo, Giovanni Rossi, silenzioso lavoratore dietro le quinte. Forse troppo silenzioso, perchè in quasi un anno la sua presenza è stata praticamente impalpabile. Preferiva lavorare con un basso profilo, far parlare i fatti, ma con certi risultati forse sarebbe stato meglio spendere due parole davanti ai microfoni.

COMUNICAZIONE. Il nuovo ds ha già dimostrato di aver capito qualcosa in più sulla comunicazione rispetto al suo predecessore e probabilmente ha già insegnato qualcosa alla società rossoblù e a Diego López. Difendere la squadra è corretto e sacrosanto, ma ogni tanto qualche “sculaccione” ai ragazzi bisogna darlo davanti a tutti. Come con i bambini, bisogna educarli all’imbarazzo e all’umiltà, sensazioni non sempre percepite nel mondo del calcio.

CON LA SQUADRA. Carli è stato chiaro, lui è dalla parte della squadra e ha fiducia nel tecnico. Non tradirà mai lo spogliatoio, quello che avviene lì resta lì. Però ha fatto capire che tutti sono sotto esame, che l’intera società in queste tre partite si gioca la faccia e che il club ha i mezzi per poter fare a meno di chiunque.

2 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
2 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Salvezza o meno i lettori di CalcioCasteddu vogliono una nuova guida tecnica

Ultimo commento: "Il tutto parte da Giulini perché è lui che negli ultimi anni ha fatto il mercato e non il ds, dunque per me in primis al Cagliari manca il rispetto..."

(SONDAGGIO) Pereiro, fuoco di paglia o serve fiducia?

Ultimo commento: "È un giocatore che ogni tanto si sveglia del letargo e regala qualche prodezza, ma sono sicuro che un giocatore come Ragatzu avrebbe dato di più al..."

(SONDAGGIO) Ripartire da Agostini o cambiare ancora?

Ultimo commento: "Agostini comunque vada un tecnico giovane bravo e con tanta voglia di fare bene sia in A o B e col cuore ROSSOBLU"

(SONDAGGIO) Cagliari-Sassuolo, ultima spiaggia per Mazzarri?

Ultimo commento: "Non credo che Mazzarri abbia molte colpe, visto che ha trovato una squadra inadeguata e anche impreparata, gli innesti di dicembre hanno portato..."

(SONDAGGIO) Cambio in panchina, giusto esonerare ora Mazzarri?

Ultimo commento: "decisione tardiva ma indispensabile. con Mazzarri la B era sicura , forse adesso c è qualche stimolo in più. Purtroppo è l epilogo di una serie di..."
Advertisement

I Miti rossoblu

16 campionati in rossoblu per la bandiera del Cagliari

Daniele Conti

Il portiere del leggendario scudetto del 1969-70

Enrico Albertosi

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

"BONIMBA", UNO DEI PIÙ FORTI ATTACCANTI ROSSOBLU

Roberto Boninsegna

Altro da Approfondimenti