Resta in contatto

News

Il posticipo è della Roma, Benevento battuto 5-2

Sette gol all’Olimpico nel posticipo che chiude il ventiquattresimo turno. La Roma ha ragione di un Benevento mai domo, per 5-2 e risponde all’Inter, impostasi nel pomeriggio sul Bologna nella corsa Champions, nonostante un avvio in salita. Infatti nei primi minuti ospiti in pressing e pericolosi verso la porta di Allison al 3’, sul tiro-cross di D’Alessandro dalla destra per  Guilherme, che non riesce a colpire il pallone sul secondo palo. In precedenza, su un’altra incursione, Brignola è fermato in posizione di fuorigioco. Al 7’ Sanniti in vantaggio con Guilherme che, entrato in area si smarca e calcia col mancino il pallone. La deviazione  di Manolas, lo fa terminare alle spalle del portiere brasiliano dei giallorossi. La reazione della Roma arriva 5’ dopo:  conclusione di Perotti, Puggioni manda in angolo, mentre al quarto d’ora, sullpassist ricevuto da Under, Dzeko colpisce di testa, ma Puggioni dice ancora di no. Aumenta la pressione dei giallorossi col passare dei minuti e al 20’ altra chance per il pareggio: Dzeko colpisce di testa e prende in pieno Viola, sulla El Shaarawy manda al lato.

Il pareggio era nell’area e arriva al 26’: punizione di Perotti per Kolarov, che vede Fazio in area, il quale di testa prende in controtempo Puggioni e insacca l’1-1. La Roma insiste e al 34’ il portiere del Benevento (molto ben messo in campo da De Zerbi) deve ancora intervenire su Dzeko appostatosi in area di rigore: Puggioni fa sua la sfera in anticipo sul bosniaco. Quindi (40’) El Shaarawy servito da Strootman fa partire il tiro da posizione decentrata, Puggioni si oppone ancora alla grande.

Al rientro in campo nessun cambio da parte dei due tecnici. Meno intensità da parte della compagine di Di Francesco (che inserisce Defrel per El Shaarawy) con il Benevento che chiude tutti gli spazi e quando può si rende pericoloso con Viola, che al 12’ impensierisce Allison. Al 14’ Dzeko porta in vantaggio i suoi con un perfetto colpo di testa centrale che vuol dire gol numero 48, in maglia giallorossa. Pregevole il cross al bacio di Under dalla destra. La gara cambia perché i giallorossi (proprio con il turco) vanno sul 3-1 al 17. Stavolta l’assist per il mancino vincente di prima intenzione, lo fornisce Perotti.

E’ il momento dell’esordio di Sagna nel campionato italiano. L’ex Arsenal e Manchester City prende il posto di Letizia al 28’. Un minuto dopo Under porta la sua squadra sul 4-1, realizzando la prima doppietta personale. Al 31’ i campani accorciano con Brignola che (servito da Lombardi) mette dietro le spalle di Allison la conclusione mancina. C’è tempo anche per il definitivo 5-2, realizzato da Defrel al 47’ Dzeko cede il pallone al’ex Sassuolo, che col mancino spiazza Puggioni.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

(SONDAGGIO) Pereiro, fuoco di paglia o serve fiducia?

Ultimo commento: "Bravo, ma senza "garra"!"

(SONDAGGIO) Cagliari-Sassuolo, ultima spiaggia per Mazzarri?

Ultimo commento: "Non credo che Mazzarri abbia molte colpe, visto che ha trovato una squadra inadeguata e anche impreparata, gli innesti di dicembre hanno portato..."

(SONDAGGIO) Cambio in panchina, giusto esonerare ora Mazzarri?

Ultimo commento: "decisione tardiva ma indispensabile. con Mazzarri la B era sicura , forse adesso c è qualche stimolo in più. Purtroppo è l epilogo di una serie di..."

Mazzarri, i lettori di CalcioCasteddu vogliono finire la stagione con il tecnico

Ultimo commento: "In ogni caso,ce la siamo scappati lo scorso anno, per il rotto della cuffia. La Salernitana, grazie a Nicola, provvidenziale il cambio,Colantuono è..."

(SONDAGGIO) Keita, merita una chance dall’inizio a Udine?

Ultimo commento: "Sii,Keita e Pereiro...un po di panchina per Joao la papera"
Advertisement

I Miti rossoblu

16 campionati in rossoblu per la bandiera del Cagliari

Daniele Conti

Il portiere del leggendario scudetto del 1969-70

Enrico Albertosi

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

"Bonimba", uno dei più forti attaccanti rossoblu

Roberto Boninsegna

Altro da News