Resta in contatto

Approfondimenti

Mondiale: ecco le 32 qualificate e gli ex rossoblù

Il sorteggio degli otto gruppi avrà luogo il 1° dicembre alle ore 16 italiane (le 18 locali), nel suggestivo scenario del Cremlino, a Mosca. Poi non si dovrà fare altro che attendere il 14 giugno. E l’inizio del Mondiale. Per la prima volta, dopo 58 anni, senza l’Italia.

Si è conclusa ieri sera con l’ultimo spareggio (Perù-Nuova Zelanda, vittoriosi i sudamericani) la fase di qualificazione al prossimo Mondiale di Russia 2018. Ecco le 32 squadre qualificate, divise per fasce:

Prima fascia: Russia, Germania, Brasile, Portogallo, Argentina, Belgio, Polonia, Francia.
Seconda fascia: Spagna, Svizzera, Inghilterra, Colombia, Messico, Uruguay, Croazia, Perù. 
Terza fascia
: Danimarca, Islanda, Costa Rica, Svezia, Tunisia, Egitto, Senegal, Iran.
Quarta fascia: Serbia, Nigeria, Australia, Giappone, Marocco, Panama, Sud Corea, Arabia Saudita.

Come già analizzato (esclusa l’improbabile chiamata di Miangue nel Belgio) non ci saranno rossoblù in campo. Per questo i tifosi rossoblù che vorranno tifare una Nazionale potranno affidarsi o alla simpatia (Islanda su tutte) o alla nostalgia di qualche vecchio rossoblù che ha fatto strada.

Ecco allora che potremo ammirare in Russia Matìas Vecino con l’Uruguay (9 presenze e 2 gol in rossoblù nel 2014), Radja Nainggolan nel Belgio (131 presenze e 7 gol col Cagliari per il Ninja, prima di passare alla Roma). E ancora Bruno Alves nel Portogallo (36 presenze e 1 gol nella scorsa stagione) – anche se la sua convocazione è ancora in discussione e potrebbe non prendere parte al torneo -, Albin Ekdal nella Svezia (116 presenze e 8 gol tra il 2011 e il 2015), Bartosz Salamon nella Polonia (alla Spal ma di proprietà del Cagliari, con cui ha collezionato 48 presenze e 2 gol in altrettante stagioni) e Jaime Penedo (zero presenze in rossoblù ma nella rosa della stagione 2004-2005) con Panama, alla prima storica partecipazione a un campionato del mondo. Tra gli allenatori, nella Celeste c’è anche Óscar Washington Tabárez, tecnico uruguaiano sulla panchina rossoblù in due occasioni: 1994-1995 e 1999.

Più difficile, anche se non impossibile, trovare posto per Duje Cop (Croazia), Zejko Brkic (Serbia) e Victor Ibarbo (Colombia).

Rimangono invece fuori dalla competizione Barella e van der Wiel (attualmente in rossoblù) e Isla, che sarebbero stati altri possibili convocati nelle rispettive Nazionali, che non hanno però raggiunto la qualificazione.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

(SONDAGGIO) Ripartire da Agostini o cambiare ancora?

Ultimo commento: "Lui merita la conferma perché ha le palle rosso blu ❤️💙ha sposato quei colori ama la Sardegna e merita, guardare la primavera"

(SONDAGGIO) Pereiro, fuoco di paglia o serve fiducia?

Ultimo commento: "Bravo, ma senza "garra"!"

(SONDAGGIO) Cagliari-Sassuolo, ultima spiaggia per Mazzarri?

Ultimo commento: "Non credo che Mazzarri abbia molte colpe, visto che ha trovato una squadra inadeguata e anche impreparata, gli innesti di dicembre hanno portato..."

(SONDAGGIO) Cambio in panchina, giusto esonerare ora Mazzarri?

Ultimo commento: "decisione tardiva ma indispensabile. con Mazzarri la B era sicura , forse adesso c è qualche stimolo in più. Purtroppo è l epilogo di una serie di..."

Mazzarri, i lettori di CalcioCasteddu vogliono finire la stagione con il tecnico

Ultimo commento: "In ogni caso,ce la siamo scappati lo scorso anno, per il rotto della cuffia. La Salernitana, grazie a Nicola, provvidenziale il cambio,Colantuono è..."
Advertisement

I Miti rossoblu

16 campionati in rossoblu per la bandiera del Cagliari

Daniele Conti

Il portiere del leggendario scudetto del 1969-70

Enrico Albertosi

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

"BONIMBA", UNO DEI PIÙ FORTI ATTACCANTI ROSSOBLU

Roberto Boninsegna

Altro da Approfondimenti