Resta in contatto

Approfondimenti

L’incontro con la sorte dell’ex Baldizzone in un libro

Un difensore molto promettente, su cui si era espresso favorevolmente nientemeno che una leggenda come Giacinto Facchetti. Oltre a Gigi Riva. Amedeo Baldizzone rappresenta un ricordo amaro nella lunga storia rossoblù, un protagonista distrutto dalla sfortuna in un Como-Cagliari del 1981. Il suo calvario – come quello di altri calciatori – viene ripercorso nel libro “Carriere spezzate“, di Francesco Ceniti e distribuito con La Gazzetta dello Sport.

Baldizzone è appena arrivato in Serie A: dopo averla assaggiata con l’Atalanta viene acquistato dal Cagliari. Carosi lo promuove titolare. Poi arriva l’incontro con il destino, è il 22 novembre 1981. Quel giorno la squadra fa il giro di ricognizione in campo e nota l’erba alta: ai giocatori viene consigliato di usare tacchetti chiodati. Ma una volta iniziata la gara, lo stopper del Cagliari si accorge che il terreno è duro. Tentando un anticipo, la gamba destra gli si pianta sull’erba comense e il giocatore cade con tutto il peso sul ginocchio. Portato fuori in barella, ritorna in Sardegna in aereo con la squadra. Ma appena posato il piede a terra, l’articolazione cede di schianto e Amedeo urla dal dolore. Non si riprenderà più, dopo oltretutto alcune disavventure chirurgiche. Deve ritirarsi a 24 anni, con una moglie e un bambino. Pensa seriamente al suicidio. Ma l’incontro con una donna lo salva e gli regala una nuova vita. Ora Amedeo Baldizzone vive a Barcellona, in Spagna, dove gestisce un ristorante-pizzeria.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement
Advertisement

I Miti rossoblu

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

Altro da Approfondimenti