Resta in contatto

Approfondimenti

“Bisogna giocare perché non ci sono date”, quando il pallone per alcuni conta più della salute

In un momento di grande incertezza, con il numero dei contagi da Covid di nuovo in crescita, c’è più di qualcosa che è chiara

Una partita rinviata prima delle festività, altre quattro giovedì e sicuramente Cagliari-Bologna domami, dopo che la Lega Calcio ha prevalso sui Tar di Piemonte (Torino) e Friuli Venezia Giulia (Udinese). Scrivere e affermare che, il campionato di Serie A è falsato, è la verità e nessuno si deve offendere. Non interessa al sottoscritto se c’è (come purtroppo c’è) la divisione tra i vaccinati e i no-vax. Ognuno è padrone della sua vita, ci mancherebbe, ma certamente non può essere padrone della vita degli altri: istituzioni incluse.

ALLARME ATTIVO. Giorno dopo giorno i calciatori positivi al Covid continuano ad aumentare, nelle squadre si creano focolai e l’Asl territoriale è costretta a mettere squadre intere in quarantena e vietare le trasferte. Più si rimanda e più scatta l’allarme, però: perché il calendario è fittissimo e pieno di impegni, non ci sono date libere per recuperare le gare rimandate. Ecco, proprio questa frase fa venire i nervi ed è, a mio avviso, inconcepibile. Allora, in merito, mi chiedo e non sono il solo a farlo: il calcio è più importante della nostra salute? Decisamente no è ovvio. Ma evidentemente non è così, visti tre ricorsi su quattro vinti a fine mattinata dalla Lega Calcio, contro le ASL di Piemonte, Campania e Friuli Venezia Giulia. Occorre capire che non basta organizzare riunioni (come quella di mercoledì tra Lega Calcio e le ASL) ma anche agire ma farlo bene e non male per il potere dei soldi.

CHI HA MESSO IN ATTO LO STOP E CHI NO. Come hanno fatto i presidenti della Lega Serie B, Serie C e Serie D, che hanno fermato i tornei fino al 23 gennaio. Lo si poteva fare anche in Serie A. Perché i soldi non sono più importanti della vita di tutti noi, nessuno escluso. Ma purtroppo a questo, ci sono persone che non ci arrivano e (ancora peggio) non ci vogliono arrivare!

IL PROSSIMO TURNO. Il programma della seconda di ritorno prevede per domani le seguenti gare: 12.30 Empoli-Sassuolo e Venezia-Milan, 14.30 Torino-Fiorentina, 16.30 Napoli-Sampdoria e Udinese-Atalanta (possibile rinvio a lunedì), 18.30 Genoa-Spezia e Roma-Juventus. Infine, 20.45 Hellas Verona-Salernitana (possibile rinvio a lunedì) e Inter-Lazio.

TV E STREAMING. Come ogni giornata Dazn trasmette tutte e dieci le gare. Tre sono in co esclusiva anche su Sky Calcio e Now tv. Nel prossimo turno saranno Venezia-Milan (12.30), Udinese-Atalanta (16.30) e Genoa-Spezia (18.30).

16 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
16 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

(SONDAGGIO) Ripartire da Agostini o cambiare ancora?

Ultimo commento: "Non credo possa essere Agostini il nuovo ct. Non mi sembra all'altezza."

Salvezza o meno i lettori di CalcioCasteddu vogliono una nuova guida tecnica

Ultimo commento: "A me piacerebbe Zanetti e in d.s. in gamba e Giuliani che li facesse lavorare in pace"

(SONDAGGIO) Pereiro, fuoco di paglia o serve fiducia?

Ultimo commento: "È un giocatore che ogni tanto si sveglia del letargo e regala qualche prodezza, ma sono sicuro che un giocatore come Ragatzu avrebbe dato di più al..."

(SONDAGGIO) Cagliari-Sassuolo, ultima spiaggia per Mazzarri?

Ultimo commento: "Non credo che Mazzarri abbia molte colpe, visto che ha trovato una squadra inadeguata e anche impreparata, gli innesti di dicembre hanno portato..."

(SONDAGGIO) Cambio in panchina, giusto esonerare ora Mazzarri?

Ultimo commento: "decisione tardiva ma indispensabile. con Mazzarri la B era sicura , forse adesso c è qualche stimolo in più. Purtroppo è l epilogo di una serie di..."
Advertisement

I Miti rossoblu

16 campionati in rossoblu per la bandiera del Cagliari

Daniele Conti

Il portiere del leggendario scudetto del 1969-70

Enrico Albertosi

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

"BONIMBA", UNO DEI PIÙ FORTI ATTACCANTI ROSSOBLU

Roberto Boninsegna

Altro da Approfondimenti