Resta in contatto

Approfondimenti

Cagliari, gli errori sono tanti. Ma ora mancano i punti fermi

Una squadra costruita male, tre allenatori in pochi mesi, la mancanza di un filo logico: la Serie A diventa così una sofferenza continua

Andare a cercare tutte le mosse sbagliate nel mettere in piedi quest’altra stagione è forse essere un po’ ripetitivi. La successione di tre allenatori, piuttosto diversi tra loro, nell’arco di pochi mesi, certifica che il famoso progetto della società è totalmente naufragato.

Le buone intenzioni purtroppo non sono bastate, ma c’è un punto che va messo bene in evidenza: l’assenza di un’idea precisa su come costruire la squadra. Troppe ambiguità, troppe falle in organico, occasioni last minute che lasciano il tempo che trovano e cessioni mancate hanno portato a mettere su un gruppo figlio di troppa improvvisazione. Affidare le chiavi del centrocampo a un giocatore come Strootman, seppur dal passato glorioso ma dal presente tutt’altro che rassicurante, è stato un azzardo non indifferente. Sembra strano, quasi incredibile, ma da quando la società si è ‘liberata’ del tanto discusso Cigarini, il Cagliari non ha più trovato un faro che potesse mettere perlomeno ordine a un gioco decisamente approssimativo.

Ecco, l’assenza di un vero metronomo è una delle criticità di questa squadra, forse la più grave. Almeno fino a gennaio, però, la squadra non sarà modificabile. Con l’arrivo di Mazzarri servono ora certezze, punti fermi. Ma i tre sistemi di gioco messi in campo in tre gare dal tecnico livornese non aiutano. Tutt’altro. Serve riportare la calma, riappropriarsi di una consapevolezza di squadra e guardare avanti senza paura. Non si ripetano gli errori del recente passato: il tecnico subentrato porti anzitutto serenità all’ambiente. Il campionato è appena iniziato, c’è tutto il tempo per rimediare a una classifica che comunque non va presa sottogamba. Le difficoltà ci sono, sono tante, ma non insormontabili.

132 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
132 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement
Advertisement

I Miti rossoblu

16 campionati in rossoblu per la bandiera del Cagliari

Daniele Conti

Il portiere del leggendario scudetto del 1969-70

Enrico Albertosi

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

"BONIMBA", UNO DEI PIÙ FORTI ATTACCANTI ROSSOBLU

Roberto Boninsegna

Altro da Approfondimenti