Resta in contatto

Euro 2020

L’Ucraina supera la Svezia 2-1 e vola ai Quarti per sfidare l’Inghilterra

La squadra allenata da Shevchenko supera all’ultimo respiro gli scandinavi compiendo un’impresa storica

Sarà l’Ucraina a sfidare l’Inghilterra a Roma per un posto nelle semifinali di Euro 2020. Il 2-1 strappato nel recupero del secondo tempo supplementare contro la Svezia segna una tappa fondamentale nella storia della nazionale dell’Est che per la prima volta approda ai quarti di finale di un Europeo.

Partita equilibrata fin dalle prime fasi, con Yaremchuk che con un bel destro bussa alla porta difesa da Olsen all’11’ e poi Isak che risponde per la Svezia al 19′ con un tiro che termina fuori. La gara si sblocca al 27′ grazie a Zinchenko, bravo a sfruttare un assist di Yarmolenko concludendo di prima intenzione. Il pareggio arriva al 43′ con Forsberg che scaglia un potente sinistro deviato da Zabarnyi. Al minuto 56 palo dell’Ucraina con Sydorchuk, ma sessanta secondi dopo è ancora Forsberg a inventarsi un gran tiro di destro che si stampa sul palo alla sinistra del portiere Bushchan. Al 70′ è sempre l’indemoniato Forsberg a centrare una traversa con un tiro a giro dalla distanza, una giocata degna del numero 10 che porta sulle spalle.

La gara resta ingessata sul punteggio di 1-1 e così si passa ai supplementari. Al 98′ la Svezia rimane in dieci per l’espulsione di Danielson dopo l’intervento del Var, costringendo il ct Andersson a mandare in campo un difensore (Helander) al posto di un centrocampista (Olsson). Nonostante la superiorità numerica l’Ucraina non sembra riuscire a mettere il 2-1, ma al 121′, in pieno recupero, è il colpo di testa di Dobvyk a portare in paradiso gli uomini di Shevchenko. Impresa titanica per gli ucraini che ora sfideranno l’Inghilterra ai quarti.

IL TABELLINO

SVEZIA (4-4-2): Olsen; Lustig (83′ Krafth), Lindelöf, Danielson, Augustinsson (83′ Bengtsson); S. Larsson (97′ Claesson), Olsson (101′ Helander), Ekdal, Forsberg; Kulusevski (97′ Quaison), Isak (97′ Berg). Ct: Andersson.

UCRAINA (3-4-3): Bushchan; Zabarnyi, Kryvtsov, Matviyenko; Karavaev, Sydorchuk (118′ Bezus), Stepanenko (95′ Makarenko), Zinchenko; Yarmolenko (107′ Dovbyk), Yaremchuk (90′ Bjesjedin poi dal 101′ Tsygankov), Shaparenko (61′ Malinovskyi). Ct: Shevchenko.

ARBITRO: Orsato

MARCATORI: 27′ Zinchenko (U); 43′ Forsberg (S); 121′ Dobvyk (U)

AMMONIZIONI: 69′ Kulusewski (S); 79′ Yarmolenko (U); 85′ Forsberg (S)

ESPULSIONI: 98′ Danielson (S)

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement
Advertisement

I Miti rossoblu

16 campionati in rossoblu per la bandiera del Cagliari

Daniele Conti

Il portiere del leggendario scudetto del 1969-70

Enrico Albertosi

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

"BONIMBA", UNO DEI PIÙ FORTI ATTACCANTI ROSSOBLU

Roberto Boninsegna

Altro da Euro 2020