cropped-cropped-CC-11.png
Sito appartenente al Network
Cerca
Close this search box.

US – Tardelli sul Cagliari: “Ne verrà fuori ma ora è il momento di soffrire”

Il campione del mondo di Spagna ’82 ha parlato del periodo dei rossoblù: “I senatori hanno il compito di caricarsi la squadra sulle spalle”

Marco Tardelli, intervistato da L’Unione Sarda, ha parlato a lungo della situazione attuale del Cagliari, del suo giudizio su Eusebio Di Francesco e del suo trascorso contro i rossoblù di Gigi Riva.

MOMENTO DIFFICILE.Ci sono tante squadre in crisi. Il Cagliari non è l’unica. Adesso è ancora presto per un giudizio perché, con i cambi di gennaio, vedremo nuovi giocatori e organici diversi. Credo, ad esempio, che Nainggolan per il Cagliari possa essere un giocatore in grado di far bene. In generale, i rossoblù hanno un organico un po’ più forte delle altre pericolanti: di conseguenza in qualche modo dovrebbero uscirne. Questo è il momento di soffrire: giocatori come Nainggolan, Pavoletti e Joao Pedro hanno il compito di caricarsi la squadra sulle spalle e riportarla su”.

DIFRA OK.Mi piace, è un allenatore equilibrato. In questo frangente è sfortunato. A Cagliari può impostare qualcosa di importante, anche se mi pare ci sia sempre poco tempo per costruire”.

RIVA È RIVA.Ricordo le sfide con Gigi Riva. E vi assicuro che Riva era Riva. Anzi, è Riva. Non lo sento da parecchio ma, a casa, ho una grande foto che mi ritrae assieme a lui. L’ho fatta incorniciare: nell’immagine sono immortalato mentre, in un contrasto aereo, cerco di rubargli la palla di testa. Vi assicuro che non era affatto facile“.

LA CONSACRAZIONE DI BARELLA.È il migliore centrocampista italiano in questo momento. Sa fare tutto: è bravo a inserirsi, a recuperare palloni, ad aiutare tutti i reparti. Insomma, è completo. È uno di quei giocatori che tutti gli allenatori del mondo vorrebbero avere: ovunque lo metti, fa il suo. È il nuovo Tardelli? È sempre difficile paragonare i giocatori. Prima di tutto perché, quello di oggi, è un calcio diverso, in cui tutte le squadre devono essere “offensive” e cercare lo spettacolo. Quando giocavo io si puntava soprattutto a vincere”.

 

Subscribe
Notificami
guest

21 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

Un saluto dalla redazione di CalcioCasteddu: iniziamo come di consueto con le prime pagine dei...
Avete perso una news o un approfondimento sul Cagliari? Date uno sguardo al nostro riepilogo,...

Dal Network

Lo scontro diretto termina a favore dei pugliesi. In apertura di gara annullato a Cerri...
Dopo l’intervista nel post partita dei biancocelesti vittoriosi 4-1 alla cenerentola Salernitana del giocatore, interviene...
La società giallorossa ha messo in vendita i biglietti dei posti “a ridotta visibilità” di...

Altre notizie

Calcio Casteddu