Resta in contatto

News

Dall’ex Padoin parole dolci per il Cagliari. “Di Francesco è un top, Joao Pedro ora vero leader”

Doppia intervista a La Gazzetta dello Sport e TuttoJuve per il centrocampista che ha appena appesa le scarpette al chiodo

Si è appena ritirato Simone Padoin dall’essere un calciatore. L’Ascoli è stata la sua ultima squadra di una carriera professionistica, che il classe 1984, friulano di Gemona, iniziò nel Vicenza. Tra le sue squadre anche la Juventus (dal 2012 al 2016 con quattro scudetti di fila vinti) e un contratto al Cagliari, dal 2016 al 2019, caratterizzato da 98 presenze e 2 reti. Fosse per lui sarebbe rimasto in rossoblù, ma le scelte fatte dal club di Tommaso Giulini, sono state altre.

JUVENTUS-CAGLIARI E NON SOLO… A due giorni dalla gara in programma allo Stadium dopodomani alle 20.45, valida per l’ottava giornata della Serie A, ha concesso una doppia intervista, la prima a La Gazzetta dello Sport in edicola oggi, la seconda a TuttoJuve. Le sue parole: “Il ricordo più bello con Juventus e Cagliari?  Con i bianconeri il primo scudetto mentre in Sardegna la salvezza con Diego López, quando tutti ci davano per spacciati, ed invece restammo in A. La partita di sabato? Ronaldo non si ferma, anche se dall’altra parte in difesa troverà un leader assoluto come Godin. Il Cagliari in questi anni sta facendo un gran mercato”.

“L’appena citato Godin e Nandez, che per me è un giocatore da top club europeo. Sia la Juventus che il Cagliari hanno un progetto nuovo con i loro rispettivi allenatori. Di Francesco è un tecnico top, con una sua idea di gioco e quindi ha bisogno di tempo, come ovviamente anche Pirlo. Già adesso diverte e lo farà a lungo. Joao Pedro? Onestamente non me lo aspettavo leader, come lo è adesso.  È  il trascinatore di questo Cagliari, ma non solo in campo ma in particolare a livello di atteggiamento e carisma”.

6 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
6 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Salvezza o meno i lettori di CalcioCasteddu vogliono una nuova guida tecnica

Ultimo commento: "Il tutto parte da Giulini perché è lui che negli ultimi anni ha fatto il mercato e non il ds, dunque per me in primis al Cagliari manca il rispetto..."

(SONDAGGIO) Pereiro, fuoco di paglia o serve fiducia?

Ultimo commento: "È un giocatore che ogni tanto si sveglia del letargo e regala qualche prodezza, ma sono sicuro che un giocatore come Ragatzu avrebbe dato di più al..."

(SONDAGGIO) Ripartire da Agostini o cambiare ancora?

Ultimo commento: "Agostini comunque vada un tecnico giovane bravo e con tanta voglia di fare bene sia in A o B e col cuore ROSSOBLU"

(SONDAGGIO) Cagliari-Sassuolo, ultima spiaggia per Mazzarri?

Ultimo commento: "Non credo che Mazzarri abbia molte colpe, visto che ha trovato una squadra inadeguata e anche impreparata, gli innesti di dicembre hanno portato..."

(SONDAGGIO) Cambio in panchina, giusto esonerare ora Mazzarri?

Ultimo commento: "decisione tardiva ma indispensabile. con Mazzarri la B era sicura , forse adesso c è qualche stimolo in più. Purtroppo è l epilogo di una serie di..."
Advertisement

I Miti rossoblu

16 campionati in rossoblu per la bandiera del Cagliari

Daniele Conti

Il portiere del leggendario scudetto del 1969-70

Enrico Albertosi

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

"BONIMBA", UNO DEI PIÙ FORTI ATTACCANTI ROSSOBLU

Roberto Boninsegna

Altro da News