Resta in contatto

Gigi Riva

Vulpio, romanzo sulla figura di Riva: “Quel dono che Eupalla gli soffiò nel corpo”

Lo scrittore Carlo Vulpio ha pubblicato il romanzo “Il sogno di Achille. Il romanzo di Gigi Riva” (casa editrice Chiarelettere): la figura del campionissimo rossoblù attraverso lo studio del suo carattere, della sua personalità

STORIA. Un personaggio straordinario, dai tratti così particolari da andare ben oltre i confini del proprio campo. Gigi Riva è un mito assoluto dello sport italiano, icona il cui fascino non è stato scalfito dai decenni. Lo scrittore Carlo Vulpio ha pubblicato, per la casa editrice Chiarelettere, “Il sogno di Achille. Il romanzo di Gigi Riva“. Intervistato da La Repubblica, l’autore ha così descritto il protagonista in un passo molto particolare: “E tuttavia quel dipinto, Il sogno di Achille, lo turbò profondamente, perché Achille sognava Patroclo, la persona a lui più cara, che non c’era più, così come lui sognava le persone più amate, che non c’erano più. Con quelle persone Luigi, come Achille, parlava“. Luigi è Gigi Riva, Il sogno di Achille è un dipinto di Alberto Savinio. Il racconto è quello di un uomo che non vedrà placarsi la propria ira con il destino, nemmeno dopo gioie e successi.

DIAVOLO. “La prima cosa che capì da bambino fu che erano poveri“, recita l’inizio del romanzo. “E poi ci sono anche tante altre cose che Luigi capì con il passare di un tempo spesso doloroso. La sofferenza che si prova quando ti tolgono la libertà; per il semplice motivo che sei povero e «devi» andare in collegio. Tre volte c’è stato Luigi. E tre volte è «evaso». E poi la libertà se l’è conquistata grazie anche al dono — come per il suo amato Achille — che una divinità, nel suo caso Eupalla, gli ha soffiato nel corpo. Quel piede sinistro con cui sfidava le leggi balistiche e la legge di gravità. Anche di mani ne aveva una sola, la sinistra ovviamente, e la usava per scrivere sfidando la legge delle suore: quella è la mano del diavolo, se non cambi farai una brutta fine“: Vulpio accresce la curiosità per la lettura della sua opera. Su un uomo, prima che sul campione Riva.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

I Miti rossoblu

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

Advertisement
Advertisement

Carmine Longo

Ultimo commento: "Fu un grande Ds. Onore a Carmine Longo."

Josè Oscar Herrera

Ultimo commento: "Un altro gol memorabile fu quello segnato al Parma ai tempi di Ranieri, nel 1991, una bomba dal limite dell'area al 95' che diede ai rossoblù una..."

Massimiliano Cappioli

Ultimo commento: "Le sue parabole di collo pieno hanno contribuìto alla scalata per il ritorno in serie A, facendo esplodere noi tutti tifosi e il glorioso stadio..."
Tiddia

Mario Tiddia

Ultimo commento: "era un commento all 'altro articolo sul Carbonia di Caddeo"

Mario Brugnera

Ultimo commento: "Ricordo quel grande Cagliari seppur 12enne...È stato la colonna sonora della mia crescita e della mia vita. Ancora oggi ripenso alla immensa fortuna..."

Cerca con Pagine Sì!

Powered by Pagine Sì!

Altro da Gigi Riva