Resta in contatto

Gianfranco Zola

Parma, la pillola storica: i migliori anni italiani di Zola calciatore

Il leggendario “Magic Box”, che da Oliena ha conquistato il mondo con il suo talento, con la casacca ducale visse l’apice della carriera nel campionato italiano

DA NAPOLI A PARMA. Guardando al prossimo incontro del Cagliari, che avrà luogo domani contro il Parma alla Sardegna Arena, si possono andare a recuperare una miriade di ricordi. Scegliamo il filo logico, citando Gianfranco Zola. Il campione di Oliena, partito dalla Sardegna a fine anni Ottanta per vincere lo scudetto nel Napoli di Maradona, disputò quattro stagioni in Campania. Un trampolino di lancio fatto di giocate geniali e gol, che lo portò nel giro della Nazionale di Sacchi. Nell’estate 1993 si trasferì al Parma, per 13 miliardi di lire. Iniziò il periodo più intenso della carriera italiana di Zola, in cui si affermò definitivamente tra le stelle del calcio italiano.

TROFEI E ADDIO. Con la casacca numero 10 dei ducali sulle spalle, Gianfranco diede continue dimostrazioni delle sue qualità: reattività, fantasia, cambi di direzione, genio, esplosività, proverbiale abilità sui calci piazzati (in quel momento contese a Roberto Baggio la palma di miglior esecutore italiano da fermo) e grande familiarità con il gol. Ben 64 in gare ufficiali, nell’arco di poco più di tre stagioni. Nel 1993 vinse la Supercoppa Europea, due anni più tardi la Coppa UEFA. Poi, il rapporto con il Parma si incrinò. L’allenatore Carlo Ancelotti scelse di non ritenere più Zola al centro del gioco offensivo parmense, impiegandolo addirittura fuori ruolo. Fu in quel momento che l’offerta del Chelsea convinse Zola a lasciare l’Italia: avrebbe avuto ragione lui. A Londra è diventato “Magic Box“, un protagonista ammirato da compagni e avversari. Prima di tornare nella sua Sardegna, a fine carriera, per un’ultima sfida chiamata Cagliari. Ma questa è un’altra storia.

6 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
6 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Giuseppe
Giuseppe
4 mesi fa

Bravissimo l’unico acquisto nn si sa niente … svegliaaaaa fateci sapere!!!

Montale 11
Montale 11
4 mesi fa
Reply to  Giuseppe

Dirigenti che non guadagniano meno di 500 mila euro l’anno, e si riducono all’ultima mezzora ma stiamo scherzando? Per guadagnare quelle cifre ci impiego dieci anni e se non porto a termine il lavoro che mi assegna l’università mi cacciano pure. Datevi una sveglia che si son rafforzate tutte tranne noi

Montale 11
Montale 11
4 mesi fa

Ma scherziamo? Cosa c***o stanno aspettando a depositare il contratto dell’unico, tra l’altro, acquisto?

Tore Trattore
Tore Trattore
4 mesi fa

Il più grande giocatore Sardo di tutti i tempi, punto.

Cazaputas 42
4 mesi fa

25 minuti per depositare le firme, speriamo si diano una mossa.

Franck
Franck
4 mesi fa
Reply to  cazaptas42

Ma dai..

I Miti rossoblu

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

Advertisement
Advertisement

Josè Oscar Herrera

Ultimo commento: "Grande Pepe..."

Mario Brugnera

Ultimo commento: "Ricordo quel grande Cagliari seppur 12enne...È stato la colonna sonora della mia crescita e della mia vita. Ancora oggi ripenso alla immensa fortuna..."
Tiddia

Mario Tiddia

Ultimo commento: "Un 6 posto grandioso che purtroppo non fruttò la qualificazione Uefa perché all'epoca avevamo solo 2 squadre qualificate se non sbaglio..."

Massimiliano Cappioli

Ultimo commento: "Non dimenticherò mai le sue lacrime durante il suo ultimo giro di campo. Grande Cappio"

Carmine Longo

Ultimo commento: "È vero, Arrica è stato il più grande ma venne favorito da Angelo Moratti che foraggiava il Cagliari affinché Riva non andasse alla Juve. Gran..."

Cerca con Pagine Sì!

Powered by Pagine Sì!

Altro da Gianfranco Zola