Resta in contatto

Rubriche

Lo sapevi che? Il Brescia, avversario rossoblù, dà… i numeri!

Il Brescia ospiterà domani il Cagliari nella prima giornata di ritorno del massimo campionato. 10 curiosità sull’avversario rossoblù: lo sapevi che…?

1928. L’anno in cui venne edificato il primo impianto nel quartiere di Mompiano, poi ampliato e riaperto nel 1959, intitolandolo al difensore bresciano del Grande Torino Mario Rigamonti.

65. Il Brescia ha vinto la ora defunta Coppa Anglo-Italiana nel 1994. Vinto il girone eliminatorio tra ottobre e dicembre 1993, eliminò in semifinale il Pescara grazie alla regola dei gol in trasferta e sollevò il trofeo a Wembley il 20 marzo 1994: Brescia-Notts County 1-0, match-winner Ambrosetti al 65° minuto.

1988. Il 4 giugno 1988 la Nazionale italiana ha giocato a Brescia per l’unica volta, fino a questo momento. L’ultima amichevole prima del debutto nell’Europeo in Germania Ovest, terminata con una sconfitta (0-1) per mano del Galles, fu decisa da un gol dello juventino Ian Rush.

90. Negli anni Novanta si riunì a Brescia una piccola colonia rumena, capitanata dalla stella Gheorghe Hagi. Vestirono la casacca biancazzurra i compagni di Nazionale Sabau, Lupu, Raducioiu e Mateut, sotto la guida del grande Mircea Lucescu.

1980. Protagonisti del Brescia in cadetteria, prima di ritrovarsi sulla sponda nerazzurra di Milano e conquistare insieme lo scudetto 1980: Alessandro “Spillo” Altobelli ed Evaristo “Beck” Beccalossi sono tra i più grandi giocatori nella storia del club e qui sono ritornati nel finale di carriera.

9. Il sodalizio lombardo è stato tra i membri della neonata Serie A a girone unico, che prese il via nella stagione 1929-30. Il Brescia concluse il torneo al 9° posto, guidato in panchina dall’ungherese Imre Schoffer.

7. Le presenze in Nazionale di Giuseppe Trivellini, portiere bresciano che è stato il primo giocatore del club a vestire la maglia azzurra. L’esordio nel 1915 contro la Svizzera, l’ultima partita 8 anni dopo nel match con la Cecoslovacchia.

170. Andrea Caracciolo è il capocannoniere di tutti i tempi del Brescia con 170 reti. L’attaccante, soprannominato “L’airone”, è inoltre il secondo bomber in massima serie con 38 centri, dietro Roberto Baggio (45).

1931. Il Brescia ha segnato il maggior numero di reti in una gara di Serie A l’8 febbraio 1931, grazie al 7-3 rifilato all’Alessandria. Doppietta per Maffioli e Ranelli, reti di Giuliani, Scaltriti e Frisoni. Morselli sbagliò un rigore nel primo tempo.

1965. Fu in quell’anno che arrivarono i primi due stranieri per disputare il massimo campionato nel Brescia: il tedesco Albert Brülls e l’argentino Pedro Manfredini. In quella stessa stagione, tra l’altro, furono compagni di squadra ben 3 futuri allenatori del Cagliari: Fernando Veneranda, Enzo Robotti e Massimo Giacomini.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

I Miti rossoblu

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

Advertisement
Advertisement

Carmine Longo

Ultimo commento: "Fu un grande Ds. Onore a Carmine Longo."

Josè Oscar Herrera

Ultimo commento: "Un altro gol memorabile fu quello segnato al Parma ai tempi di Ranieri, nel 1991, una bomba dal limite dell'area al 95' che diede ai rossoblù una..."

Massimiliano Cappioli

Ultimo commento: "Le sue parabole di collo pieno hanno contribuìto alla scalata per il ritorno in serie A, facendo esplodere noi tutti tifosi e il glorioso stadio..."
Tiddia

Mario Tiddia

Ultimo commento: "era un commento all 'altro articolo sul Carbonia di Caddeo"

Mario Brugnera

Ultimo commento: "Ricordo quel grande Cagliari seppur 12enne...È stato la colonna sonora della mia crescita e della mia vita. Ancora oggi ripenso alla immensa fortuna..."

Cerca con Pagine Sì!

Powered by Pagine Sì!

Altro da Rubriche