Resta in contatto

Esclusive

ESCLUSIVA – Greatti: “Ora la differenza la facciamo noi!”

Il leggendario numero 10 dello scudetto, da doppio ex di Cagliari-Fiorentina, ha espresso alla nostra redazione un parere sull’incontro della Sardegna Arena

DUE CUORI. Uno scudetto è per sempre. Ricciotti Greatti, uno dei protagonisti del Cagliari scudettato nel 1970, è un doppio ex del prossimo match contro la Fiorentina. Con i viola iniziò la carriera, debuttando in Serie A nel 1958. Poi l’arrivo in Sardegna nel 1963, dopo le parentesi con Palermo e Reggiana, la promozione in massima serie e lo storico tricolore. “Iniziai la carriera a Firenze proprio come Albertosi: nel mio cuore sono sempre rimasto tifoso della Fiorentina, ma il Cagliari… è il Cagliari. Quest’anno sta andando bene, tutto per il verso giusto. Domenica la partita sarà dura: la Fiorentina non può fare più la differenza come prima, oggi siamo noi del Cagliari a farla! Perché ai viola mancano alcuni giocatori per poter fare il salto di qualità“.

PAZIENZA. Greatti prosegue, sottolineando che “il Cagliari ha perso le prime due partite, si voleva mandare via Maran, critiche da ogni parte. Bisogna saper aspettare, era importante trovare l’amalgama. Il Mister è stato bravo in tutto questo. Rimanere in una fascia buona di classifica diventa l’obiettivo concreto“. L’ex campione elogia l’arrivo di Nainggolan: “Un giocatore che non si discute, i risultati sono sotto gli occhi di tutti: con il suo carisma e le attitudini da giocatore vero, fa la differenza. Ma non è l’unico, parliamo di acquisti indovinati. Nessuno si sarebbe aspettato il rendimento dei nuovi. Però quando rientreranno Cragno e Pavoletti, beh… in quel momento spetterà all’allenatore saper gestire le esclusioni di chi finora sta facendo bene“.

SCHIETTEZZA. E la Fiorentina? “A parte Chiesa, dispone di giocatori di fascia medio-alta. Meno male che Ribéry non giocherà… si tratta di un gruppo giovane che vuole meritare una certa classifica. Ma non dimentichiamoci che un giocatore solo, per quanto forte, non può fare grande una squadra: c’è bisogno di tutti. Noi avevamo un fuoriclasse come Gigi Riva davanti, però… senza l’unione di gruppo non avremmo vinto lo scudetto e stabilito il record delle 11 reti subite“.

8 Commenti

8
Lascia un commento

avatar
500
  Subscribe  
più nuovi più vecchi più votati
Notificami
Tempesta
Ospite
Tempesta

Grandi eroi

Fulmine
Ospite
Fulmine

11 mitici

Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

Le undici meraviglie della Sardegna degli anni settanta anno dominato per tre anni e con sei. Giocatori ai mondiali in Messico arrivando secondi dietro il brasile
Il sogno continua
Da Alghero forza cagliariiiiii

Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

Magico Cagliari e Magica squadra quante trasferte ho fatto per seguirli grandi ,,grandi ,,grandiiiiiiiiiijjj

PIERO..piras..
Ospite
PIERO..piras..

ZGREATTI ..l’ho conosciuto tramite mio padre che era assucurato nella sua agenzia…io e’ tanto che manco ..ma lui e’ sempre in sardegna ..
…GREATTI ..un buon giocatore e una persona squisita…

Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

Un friulano che si è innamorato della Sardegna 😊

Mortimermouse
Ospite
Mortimermouse

Vero, abbiamo la possibilità di sparigliare partite con tutti senza essere secondi a nessuno e …..questo non è poco.

Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

Gesu’ e i suoi apostoli

Advertisement

Pierluigi Cera

Ultimo commento: "Si da noi faceva il mediano e con buona qualità, fece solo una parentesi da libero giusto quando si infortunò Tommasini, quando quest'ultimo si..."

Fabrizio Cammarata

Ultimo commento: "Mauro Muscas l'esperto di mercato ha acquistato una scommessa per 13 miliardi (denaro con il quale si acquistava un giocatore vero), per farlo giocare..."

Antonio Langella

Ultimo commento: "Lo abbiamo conosciuto di persona ad Asiago in ritiro è una persona squisita e molto alla mano a fatto una bella carriera in quel Grande Cagliari"

Gigi Riva

Ultimo commento: "Nel paese natale, gli hanno dedicato una via , non vedo perché non dovremmo dedicargli il nome dello stadio, dopo tutto quello che ha fatto.."

Mauro Esposito

Ultimo commento: "Aveva la velocità nelle gambe e l'erba dell'area da verde diventava gialla quando accelwrava. Un giocatore Vero."
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

Cerca con Pagine Sì!

Powered by Pagine Sì!

Altro da Esclusive