Resta in contatto

News

Diritti tv, approvati (quasi) all’unanimità i criteri di ridistribuzione

L’Assemblea di Lega Serie A, con esclusione del Chievo Verona, ha confermato i criteri di suddivisione secondo la riforma dell’ex ministro Lotti

Sono stati approvati senza grossi scossoni i criteri di ridistribuzione dei diritti tv della Serie A. L’Assemblea di Lega ha infatti dato l’ok quasi all’unanimità: solo il Chievo Verona si è opposto.

Confermata la suddivisione della riforma dell’ex ministro Luca Lotti: ai club il 50% in parti uguali, 30% in base ai risultati (15% ultima stagione, 10% ultime cinque, 5% risultati storici), 20% in base al radicamento territoriale (8% audience tv, 12% spettatori paganti negli stadi).

È stato confermato anche il paracadute per la retrocessione in Serie B: resta dunque il “cuscinetto” di 60 milioni, con possibilità di salire fino a 75 milioni. Ancora a vuoto, invece, l’elezione del consigliere di Lega che dovrà sostituire Marco Fassone, decaduto dopo l’allontanamento dal Milan.

 

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest
1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement
Advertisement

I Miti rossoblu

16 campionati in rossoblu per la bandiera del Cagliari

Daniele Conti

Il portiere del leggendario scudetto del 1969-70

Enrico Albertosi

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

"BONIMBA", UNO DEI PIÙ FORTI ATTACCANTI ROSSOBLU

Roberto Boninsegna

Altro da News