cropped-cropped-CC-11.png
Sito appartenente al Network
Cerca
Close this search box.

Il progetto Cagliari e l’utopia: diventare il Leicester d’Italia…

Seconda parte dell’approfondimento di Repubblica, nell’edizione odierna, parla del progetto in corso nella società rossoblù. Passetti, Porrà e il sindaco Zedda spiegano il Cagliari di ieri, oggi e domani.

Seconda parte dell’approfondimento (clicca qui per la prima parte).

PASSETTI. Qualche risposta, sul ruolo del Cagliari nel calcio moderno, la dà Mario Passetti, dg del Cagliari: “Colmare il gap? Non può dipendere solo dalle nostre attività. Bisogna che il sistema Italia, lacunoso, si preoccupi di creare un valore del calcio e di dividerlo in modo più equo. La Sardegna è una terra dimenticata, si parla di noi solo quando comincia a battere il sole a giugno. È inverosimile che con il 4% dei tifosi in Italia, come Fiorentina e Lazio, nella distribuzione delle risorse siamo così indietro. In Inghilterra, con una politica interna lungimirante e positiva, la città di Manchester ha potuto trovare investitori e successo. Dall’equità è nata una storia come quella del Leicester, o come potrebbe essere il Leeds futuro. Ci auguriamo che con uno scossone e un cambio di rotta sia possibile a tutti competere per la Champions. Purtroppo i nostri grandi club sono più attenti a strutturare la Superlega che a lavorare su un sistema che dia benefici a tutti”.

PORRÀ E IL CALCIO DEI VALORI. Giorgio Porrà, giornalista di Sky, conferma il suo storico legame col calcio di una volta, quello dei valori: “Noi sardi abbiamo uno smisurato orgoglio etnico. Con la presidenza Giulini vedo un risveglio. A Scopigno chiedevano: com’è il vivaio? Rispondeva: il vivaio di cozze è buono, il resto no. Ora dall’Academy salta fuori Barella, e non solo. Vedo il recupero di valori antichi e del senso d’appartenenza“.

SINDACO ZEDDA. Infine è Zedda a dare il là al sogno: “Solo coltivando l’utopia accade agli uomini di realizzare l’irrealizzabile. Bisogna trovare le persone giuste. Scommettiamo sulla forza della comunità. Era difficile vincere anche negli Anni 70 ma i giocatori si resero indisponibili ad andarsene. Scelsero una città, una parte, e lo so che oggi il dato economico è prevalente e genera un doppio livello. Ma quando in campo entrano cuore e passione, non ci sono battaglie impossibili, altrimenti il Sudafrica non avrebbe mai vinto i Mondiali di rugby“.

Subscribe
Notificami
guest

4 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

Avete perso una news o un approfondimento sul Cagliari? Date uno sguardo al nostro riepilogo,...
Il direttore sportivo rossoblù si sta prendendo la sua rivincita dopo le critiche per il...

Dal Network

L'ex campione del mondo da giocatore con l'Italia nel 2006, prende il posto dell'esonerato in...
La squadra di Juric, squalificato e sostituito da Paro in panchina, e quella di Di...

Altre notizie

Calcio Casteddu