Resta in contatto

News

Sassuolo beffato, la Fiorentina la riacciuffa al 97′

Ancora un finale pazzesco in Serie A. Accade tutto nel secondo tempo, con il Sassuolo che si sul 3-1 e la Fiorentina che pareggia solo al all’ultimo sospiro.

FORMAZIONI. Al Mapei Stadium va in scena il lunch match, Sassuolo-Fiorentina. I neroverdi cercano punti importanti in ottica Europa League, proponendo davanti il tridente Berardi, Babacar e Di Francesco. Per la Fiorentina invece fuori Chiesa (acciaccato) e Simeone, in fase calante, con Gerson, Vlahovic e Pjaca in attacco.

PRIMO TEMPO. Entrambe le squadre propongono un calcio offensivo, ma sono i toscani a partire meglio, tenendo bene il campo e producendo un occasione per Pjaca. Colpo ti testa a lato. Cresce poi il Sassuolo: ci provano Sensi e Berardi, poi Benassi colpisce l’esterno della rete per la Viola. È una partita che va a fiammate, con le squadre che si allungano e si ritirano nella fase difensiva quasi alternativamente. Ci prova Berardi, tiro respinto. L’ultima occasione della prima frazione è sui piedi di Bourabia, che da buona posizione spedisce fuori.

SECONDO TEMPO. Accade tutto nella seconda metà. Che comincia con Chiesa per Pjaca nelle fila della Fiorentina e, dopo dieci minuti, Simeone per Vlahovic. Il Sassuolo cresce intorno all’ora di gioco ed è al 62′ che trova il gol dell’1-0 con Duncan: tiro dal limite sotto al sette. Raddoppia cinque minuti dopo Babacar: l’ex trova la rete sottoporta su assist proprio di Duncan e fa 2-0. Passano tre minuti e accorcia le distanze Giovanni Simeone (2-1), che colpisce da pochi passi dopo il palo di Fernandes.

FINALE. La Fiorentina prende coraggio, ma al minuto 80 il tiro da lontanissimo di Sensi (3-1) beffa Lafont e sembra spegnere le speranze viola. Ma la squadra di Pioli continua a crederci e dopo l’espulsione (per proteste) a Djuricic trova il 3-2 con Benassi, bravo a sfruttare una ribattuta di Consigli su colpo di testa di Edmilson. L’espulsione di Milenkovic (ancora per proteste eccessive) ristabilisce la parità numerica. Poi il finale, come accaduto ieri a Cagliari e in Lazio-Samp, è ancora una volta al cardiopalma: all’ultimo respiro c’è la cavalcata di capitan Pezzella che poi offre un pallone in area a Mirallas che incrocia. Battuto Consigli, è 3-3. Esulta la Fiorentina, si arrabbia il Sassuolo. Ma oltre le parti e le recriminazioni questo weekend di Serie A ci sta ricordando quanto è bello e folle il calcio.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest
1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

(SONDAGGIO) Capozucca confermato, pro o contro?

Ultimo commento: "Il Capozucca dell'ultima stagione è stato un pessimo D.S., si è schiacciato troppo sulle posizioni del Presidente lasciando in mano a lui le..."

Salvezza o meno i lettori di CalcioCasteddu vogliono una nuova guida tecnica

Ultimo commento: "Qui permettimi di rispondere; ma non ti sembra un po da miserabili disperati mettere 3 attaccanti contro una squadra di poveracci che meritano di..."

(SONDAGGIO) Ripartire da Agostini o cambiare ancora?

Ultimo commento: "Agostini ha preso una squadra praticamente condannata alla retrocessione. Ci voleva coraggio. Occorre un drastico cambiamento a partire dal presidente..."

(SONDAGGIO) Pereiro, fuoco di paglia o serve fiducia?

Ultimo commento: "È un giocatore che ogni tanto si sveglia del letargo e regala qualche prodezza, ma sono sicuro che un giocatore come Ragatzu avrebbe dato di più al..."
Advertisement

I Miti rossoblu

16 campionati in rossoblu per la bandiera del Cagliari

Daniele Conti

Il portiere del leggendario scudetto del 1969-70

Enrico Albertosi

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

"BONIMBA", UNO DEI PIÙ FORTI ATTACCANTI ROSSOBLU

Roberto Boninsegna

Altro da News