Resta in contatto

Russia 2018

Mondiale, Inghilterra superiore: Svezia ko 2-0 e semifinale ottenuta

Superiore la nazionale di Southgate che fa la partita contro una squadra scandinava che ha opposto poco resistenza. Decisivi i gol di Maguire e Alli

28 anni dopo Italia ’90  l’Inghilterra si qualifica per la semifinale del mondiale di Russia. Svezia (che resta  a secco da USA ’94) battuta 2-0 alla Cosmos Arena di Samara. Sogna la nazionale di Southgate, esce di scena quella di Andersson che aveva estromesso l’Italia ai play-off nel novembre scorso.

Posta in palio altissima con le due nazionali che vogliono sbagliare nulla per favorire gli avversari. In particolare si nota un duello abbastanza fisico con portieri inoperosi nel primo quarto d’ora.  Al 19’ accelerazione inglese con apertura di Henderson per Sterling, il quale trova l’accorrente Kane: ma il capocannoniere di Russia 2018, spreca tutto mandando fuori d’un soffio alla destra di Olsen la battuta col destro.

MAGUIRE PORTA IN VANTAGGIO I SUOI. Al 23’ Trippier fa partire un pallone in area quasi dal fondo sulla corsia destra per Kane, sfera però troppo sul portiere, che abbranca senza alcuna difficoltà. Il gol dell’Inghilterra è vicino. A realizzarlo è Maguire (che due anni fa era sugli spalti da tifoso nel vedere la sua nazionale eliminata dall’Islanda a Euro 2016) che perfeziona l’assist di Young insaccando di testa un tiro imparabile che Olsen può solo vedere insaccarsi alla sua destra.  Un gol che mette in difficoltà la ragnatela difensiva messa in campo da Anderson.

Che accusa il colpo e tarda a reagire, a beneficio della compagine di Southgate che ringrazia e cerca di intensificare la manovra per andare al riposo con un divario più ampio,  Che quasi si verifica ben tre volte in pochi minuti. Al 41’ Granqvist decisivo nello spazzare il colpo di tacco di Lingard, quindi due minuti dopo arriva l’ottimo aggancio in area di Sterling, stavolta è Lindelof a fermarlo.

Infine (45’) ancora provvidenziale Granqvist a evitare guai seri, spedendo in corner la respinta del suo portiere Olsen sul tentativo di Sterling su imbeccata di Henderson. Grande Inghilterra in campo nel primo tempo.

ALLUNGO INGHILTERRA. La ripresa si apre con la ghiotta chance pareggio per la Svezia. Al 2’ Pickford si supera con un super intervento sullo stacco di testa di Berg, innescato da Forsberg. Ma è un sussulto, perché la compagine di Sua Maestà Elisabetta raddoppia al 14’ con Alli che, servito da Lingard, elude la marcatura di Krafth e di testa uncina Olsen da distanza abbastanza ravvicinata.

Spalle al muro l’undici scandinavo si gioca il tutto per tutto, sfiorando al 17’ il gol che potrebbe riaprire la gara: Claesson batte  a colpo sicuro, Pickford ancora superlativo  a salvare la sua porta con un nuovo intervento a mano aperta. Nove minuti dopo il portiere dell’Inghilterra evita ancora la rete, alzando sopra la traversa di pochissimo, la conclusione in girata di Berg con il mancino, dopo aver agganciato la sfera da Guidetti, entrato in campo al 20’ al posto di Toivonen.

Il match però scivola via con lo stesso risultato acquisito al 14’ della ripresa. Qualche scaramuccia tra le due nazionali, ma tutto sotto controllo da parte dell’arbitro Kuipers.  Al 45’ punizione che non impensierisce Pickford, battuta da Augustinsson, nell’ultimo sussulto svedese che lascia Russia 2018.

Alle 20 a Sochi ultimo quarto di finale tra i padroni di casa della Russia e la Croazia, che da outsider, vede salire di giorno in giorno la quota come possibile campione del mondo. Chi vince mercoledì sera a Mosca sfida l’Inghilterra. Martedì a San Pietroburgo c’è invece FranciaBelgio.

 

 

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest
1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Salvezza o meno i lettori di CalcioCasteddu vogliono una nuova guida tecnica

Ultimo commento: "Qui permettimi di rispondere; ma non ti sembra un po da miserabili disperati mettere 3 attaccanti contro una squadra di poveracci che meritano di..."

(SONDAGGIO) Ripartire da Agostini o cambiare ancora?

Ultimo commento: "Agostini ha preso una squadra praticamente condannata alla retrocessione. Ci voleva coraggio. Occorre un drastico cambiamento a partire dal presidente..."

(SONDAGGIO) Pereiro, fuoco di paglia o serve fiducia?

Ultimo commento: "È un giocatore che ogni tanto si sveglia del letargo e regala qualche prodezza, ma sono sicuro che un giocatore come Ragatzu avrebbe dato di più al..."

(SONDAGGIO) Cagliari-Sassuolo, ultima spiaggia per Mazzarri?

Ultimo commento: "Non credo che Mazzarri abbia molte colpe, visto che ha trovato una squadra inadeguata e anche impreparata, gli innesti di dicembre hanno portato..."

(SONDAGGIO) Cambio in panchina, giusto esonerare ora Mazzarri?

Ultimo commento: "decisione tardiva ma indispensabile. con Mazzarri la B era sicura , forse adesso c è qualche stimolo in più. Purtroppo è l epilogo di una serie di..."
Advertisement

I Miti rossoblu

16 campionati in rossoblu per la bandiera del Cagliari

Daniele Conti

Il portiere del leggendario scudetto del 1969-70

Enrico Albertosi

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

"BONIMBA", UNO DEI PIÙ FORTI ATTACCANTI ROSSOBLU

Roberto Boninsegna

Altro da Russia 2018