Resta in contatto

Russia 2018

Mondiale. Nigeria, 2-0 alll’Islanda: Argentina ancora in gioco

Alla Volgograd Arena gli africani riscattano il ko con la Croazia e si rilanciano per un posto agli ottavi. Si giocheranno tutto contro Messi e compagni

L’Islanda crolla davanti ad una Nigeria che controlla la sfida nel primo tempo e poi la vince giocando un’ottima ripresa. Un risultato che rilancia l’Argentina, ko ieri sera nettamente contro la Croazia.

Martedì alle 20 italiane a San Pietroburgo scontro diretto tra africani e sudamericani per un posto agli ottavi. Alla stessa ora Islanda obbligata a battere una Croazia con qualche gol di scarto, già qualificata, che deve sperare in un pari tra la stessa Argentina e la Nigeria.

PRIMO TEMPO CON POCHE EMOZIONI. Eppure le premesse erano diverse. Infatti 2’ e isolani subito al tiro sul destro su punizione calciato da Sigurdsson (concesso per fallo di Idowu di Arnesen) che il portiere degli africani Uzoho devia in angolo, che quattro minuti dopo, blocca la sfera sul tiro non piatto destro poco fuori l’area ancora di Sigurdsson. La nazionale di Hallgrimsson fa la partita, la rivale africana si difende con ordine e prova qualche sortita in modo disordinato, non certo la strada giusta per sperare una qualificazione agli ottavi.

LISLANDA SPINGE E SFIORA IL VANTAGGIO. Minuto 36’: dal cross di Saevarsson che attraversa tutta l’area nessuno dei compagni (sia Bodvarsson che Bjarnason) non arrivano in tempo per la deviazione vincente che avrebbe significato il vantaggio islandese. Al 45’ Finnbogason ad un passo dalla rete. L’ex giocatore del Settore Giovanile della Torres, non aggancia per un millimetro il pallone giunto dalla punizione di Sigurdsson, palla che dunque si perde a lato davvero d’un soffio. Due minuti dopo (sempre su battuta dell’angolo) Bodvarsson di testa non inquadra la porta e la Nigeria si salva ancora.

NIGERIA AVANTI IN AVVIO DI RIPRESA. Mai pericolosa nella prima frazione la nazionale africana passa al 3’ della ripresa profittando di una distrazione difensiva degli islandesi con Musa (terzo gol in un mondiale) che mette alle spalle di Halldorsson un assist di Moses, un destro in controbalzo  Dopo la rete gioco fermo per qualche minuto. Infatti Sidgursson resta a terra per un fortuito colpo di testa subito da Musa.

Gara completamente cambiata: ora è l’Islanda ad essere in difficoltà, mentre l0undici di Rohr gioca con grande fiducia e,a l 12’ va vicino al raddoppio con la bellissima conclusione dalla distanza di Ndidi, che trova una leggera deviazione, ma molto bene Halldorsson ad alzare la sfera in angolo e liberare il pericolo.

MUSA RADDOPPIA E REGALA CHANCHE OTTAVI ALLA SUA SQUADRA.  La nazionale europea riparte all’attacco degli avversari alla ricerca del pareggio: al 22’ chance non concretizzata da Gilsason che manda alto il suo destro dal limite. Al 27’ Nigeria ad un soffio dal 2-0, che probabilmente avrebbe chiuso la gara. Angolo Iheanacho per il colpo di testa di Balogun che manda alto di poco. Avvisaglia di un secondo gol solo rimandato. Infatti prima gli africani centrano in pieno la traversa con Musa al 29’. Poi un minuto dopo sigla ancora lo stesso numero 7, che supera il portiere islandese e insacca senza tante difficoltà.

LISLANDA FALLISCE UN RIGORE. La nazionale di Hallgrimsson ha la grande occasione per riaprire la contesa usufruendo di un rigore, concesso attraverso il VAR al 38’, per un’ingenuità di Ebuehi su Finnbogason, che l’arbitro non aveva ritenuto irregolare. Dal dischetto però Sigurdsson sbaglia tutto mandando il suo piatto destro altissimo. Dopo 6’ la Nigeria festeggia. E’ ancora in corsa per gli ottavi: come l’Argentina.

 

2 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
2 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement
Advertisement

I Miti rossoblu

16 campionati in rossoblu per la bandiera del Cagliari

Daniele Conti

Il portiere del leggendario scudetto del 1969-70

Enrico Albertosi

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

"BONIMBA", UNO DEI PIÙ FORTI ATTACCANTI ROSSOBLU

Roberto Boninsegna

Altro da Russia 2018