Resta in contatto

Russia 2018

Mondiale. Dominio Brasile ma gol solo in pieno recupero col Costa Rica

Alla Zenit Arena San Pietroburgo 2-0 per i verdeoro che mettono alle strette i centroamericani segnando soltanto nel finale con Coutinho e Neymar

Dominio assoluto ma reti solo in pieno recupero per il Brasile. Costa Rica sconfitta e rispedita a casa con le reti di Coutiinho e Neymar. Ma fino al 90’ il match era sullo 0-0, nonostante una pressione esagerata dei brasiliani con Navas a dire no a tutte le conclusioni.

LA SQUADRA DI TITE NON SFONDA. Avvio equilibrato poi al 13’ occasione vantaggio per i centroamericani con Borges, che in corsa angola però troppa la battuta col destro su passaggio di Gamboa, e palla d’un soffio fuori sul secondo palo. Risposta dei verdeoro oggi in maglia azzurra, con la punizione di Neymar (19) che non crea alcun problema a Navas.

Qualche fischio, da parte dei propri tifosi presenti sugli spalti, all’indirizzo di Neymar e compagni, che al 26’ si vedono annullare giustamente un gol per posizione di fuorigioco di Gabriel Jesus, su assist di Marcelo. Quattro minuti dopo meno fortuna rispetto alla rete contro la Svizzera per Coutinho, stessa conclusione, palla sul fondo. Troppo distratto specie in attacco il Brasile, che si crea le occasioni, ma non ha mai la palla sul punto giusto per creare qualche grattacapo all’estremo difensore della Costa Rica, il portiere del Real Madrid Navas. Primo tempo a reti bianche.

TRAVERSA BRASILIANA. In apertura di ripresa Tite inserisce lo juventino Douglas Costa (all’esordio a Russia 2018) al posto di Willian, per dare maggior peso al reparto avanzato alla ricerca del vantaggio. In campo c’è ora un Brasile diverso, che attacca gli spazi lasciati liberi dagli avversari e fallisce due chance per l’1-0 in pochi minuti: al 3’ infatti Navas è reattivo nel rinviare con un piede la sortita di Paulinho, quindi assist Coutinho per Neymar, ma l’arbitro Kuipers ferma tutto per fallo del giocatore del PSG sul portiere, quindi (5’) traversa di Gabriel Jesus  su imbeccata di Fagner, a Navas battuto, sul ritorno in campo della sfera Coutinho trova una deviazione in angolo di Acosta, che salva tutto.

Solo Brasile in campo, con altre due opportunità non concretizzate per andare sull’1-0: al 12’ ottimo intervento di Navas sul tiro al volo Neymar, deviato in angolo, successivamente (13’) il portiere campione d’Europa per club interviene in due tempi sulla botta di prima intenzione di Coutinho su assist di Paulinho. Momento di fuoco per Navas, al contrario di Alisson che vive un pomeriggio da spettatore non pagante in campo, che però al 23’ è guardingo, quando la sua difesa libera affannosamente su sul colpo di testa di Borges.

RIGORE ASSEGNATO AL BRASILE DALL’ARBITRO MA TOLTO DAL VAR. Che brivido per la retroguardia dei centroamericani al 27’, dopo un errore di Gamboa su Gabriel Jesus che serve Neymar, il quale fa partire un tiro  a giro sul secondo palo, che non si insacca. Si dispera l’attaccante, che però se la deve prendere con se stesso e non con gli altri, se non ha segnato. Alla mezz’ora rigore prima assegnato da Kuipers, poi tolto dal VAR al Brasile. In effetti non c’è un fallo netto da parte di Gonzalez nel contatto con Neymar, che si lascia cadere. Giusta decisione arrivata dai colleghi al monitor del direttore di gara.

SUDAMERICANI AVANTI AL 91’! Alla fine (nel primo dei sei minuti di recuperi concessi) la squadra di Tite trova il gol seppur in modo fortunoso con Coutinho che si avventa come un avvoltoio sul pallone in area arrivato da un assist involontario di Gabriel Jesus (che sbaglia il controllo) e batte Navas per l’1-0.  Al 97’ raddoppio Neymar su assist di Douglas Costa. Verdeoro agli ottavi, Costa Rica eliminato.

 

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement
Advertisement

I Miti rossoblu

16 campionati in rossoblu per la bandiera del Cagliari

Daniele Conti

Il portiere del leggendario scudetto del 1969-70

Enrico Albertosi

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

"BONIMBA", UNO DEI PIÙ FORTI ATTACCANTI ROSSOBLU

Roberto Boninsegna

Altro da Russia 2018