Resta in contatto

Russia 2018

Mondiale. La Spagna batte l’Iran di misura con tanta difficoltà

La squadra di Hierro fa la partita ma passa solo per una fortuita situazione che ha visto protagonisti Diego Costa e lo sfortunato Rezaeian

La Spagna deve ringraziare a lungo la dea bendata se è riuscita a battere un Iran organizzato perfettamente da Queiroz in difesa ma anche capace di creare occasioni da rete verso la porta di De Gea. Dopo il go l fortunoso siglato dalla Spagna sul tiro di Diego Costa, gli asiatici trovano il pareggio, annullato però per fuorigioco.

IRAN TATTICAMENTE PERFETTO IN DIFESA NEL PRIMO TEMPO. La squadra di Hierro fa la gara, ma cozza con l’ottima difesa organizzata dal collega Queiroz, che vede il suo portiere mai veramente impegnato nei primi 29’ . Quindi un minuto dopo una girata di David Silva, che va fuori alta di poca ma con il portiere iraniano Beiranvand molto attento, nella prima vera azione degli iberici. Un minuto dopo conclusione di Isco, assolutamente fuori bersaglio.

Al 39’ gesto non elegante (ma non è la prima volta che lo vede protagonista) di Diego Costa ai danni dell’estremo difensore della squadra asiatica la prima qualificata a Russia 2018. Il primo tempo si chiude a reti inviolate dopo 3’ di recupero da parte dell’arbitro Cunha, all’interno del quale Spagna pericolosa con David Silva, il cui sinistro, deviato da Hosseini, termina fuori.

SPAGNA AVANTI.. La ripresa si apre con gli iberici proiettati a cercare di sbloccare la partita. Dall’angolo battuto da Isco, Busquets devia di testa ma nessuno compagno è pronto a intervenire e Beiranvand fa sua la sfera. Un minuto il  destro a giro di Busquets, che trova il portiere degli asiatici alla gran risposta a mano aperta e prima e poi ad anticipare Lucas Vazquez, pronto al tap-in vincente.

Gara viva perché l’Iran fallisce il gol dopo 8’con il destro fulmineo di Ansarifard, palla che termina fuori di pochissimo, con De Gea immobile. Illusione ottica del gol di tutto lo stadio, ma non è gol.  Che invece realizza dall’altra parte Diego Costa in maniere abbastanza fortunoso. Infatti, nel tentativo di ostacolarlo, Rezaeian il pallone colpisce sulla coscia e arriva la beffa col pallone che supera  Beiranvand.

L’Iran, sotto di un gol, esce allo scoperto alla ricerca del pareggio, provandoci con Taremi al quarto d’ora, stacca di testa saltando più in alto di Carvajal ma non inquadra la porta. Due minuti dopo Cunha annulla il gol pari per posizione irregolare di Hosseini che innesca Ezatolahi, il quale aveva battuto De Gea. Anche il VAR conferma la decisione del direttore di gara. 23’: spettacolo Iniesta che manda al bar Pouraliganji e serve in mezzo all’area, dove però non c’è alcun compagno e l’azione sfuma.

LA SQUADRA DI QUEIROZ SE LA GIOCA FINO ALLA FINE. Al 25’ invece pazzesca mischia davanti alla porta iraniana, con strepitoso salvataggio sulla linea di Rezaeian che nega a Pique un gol quasi fatto sugli sviluppi di un angolo. Poi Cunha ferma tutto per fallo di Diego Costa. Queiroz fa entrare il capocannoniere del campionato olandese Jahanbakhsh (che gioca nella AZ Alkmaar) al posto di Ansarifard per cercare il pareggio, che per poco non arriva al 31’ solo perché Taremi non arriva per questione di pochi centimetri a correggere in rete un traversone di Ebrahimi.

Non molla la squadra asiatica, che senza timori reverenziali, si porta davanti alla porta spagnola come fa al 37’ ancora  con Taremi che di testa spedisce manda di pochissimo fuori da posizione favorevolissima, dopo un fantastico tunnel ai danni di Pique, non certo l’ultimo arrivato.

La Spagna si porta  a quota 4 punti superando di una lunghezza l’Iran, agganciando il Portogallo con gli stessi gol fatti e subiti. Nella terza giornata la squadra di Hierro affronterà un Marocco (lunedì alle 20) immeritatamente già eliminato per quanto ha fatto vedere nelle due sue partite, mentre l’Iran ha ancora la possibilità di andare agli ottavi. Ma per farlo (alla stessa ora) dovrà  compiere un’altra impresa contro il Portogallo di Ronaldo.

2 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
2 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I lettori di CalcioCasteddu a maggioranza: Cerri merita un’altra chance

Ultimo commento: "Ci siamo dimenticati di Cerri, secondo me le darei un'altra chance, ricordiamo il bel gol di testa nel finale di partita, alcune cose buone le ha..."

Capozucca, i lettori di CalcioCasteddu si dividono. La maggioranza però cambierebbe ds

Ultimo commento: "sono anni che lo dico, uno capace a prendere morti e strapagarli, e svendere giovani ....vai in pensioneeeee!!"

Fascia da capitano, Deiola non convince i lettori di CalcioCasteddu

Ultimo commento: "QUI VA TUTTO MALE.....BENEDIRE PURE I TIFOSI....."

I lettori di CalcioCasteddu divisi: Liverani non è l’uomo giusto per il nuovo Cagliari

Ultimo commento: "Brunori mi sarebbe piaciuto ma come al solito giocatori buoni rifiutano il cagliari,facciamo affari sbagliati,prendiamo giocatori oltre i trenta senza..."

SONDAGGIO – Cerri sulla via del ritorno a Cagliari: giusto dargli un’altra possibilità?

Ultimo commento: "E migliorato molto con i piedi...sa far salire la squadra..meglio cerri con lapadula..affianco"
Advertisement

I Miti rossoblu

16 campionati in rossoblu per la bandiera del Cagliari

Daniele Conti

Il portiere del leggendario scudetto del 1969-70

Enrico Albertosi

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

"BONIMBA", UNO DEI PIÙ FORTI ATTACCANTI ROSSOBLU

Roberto Boninsegna

Altro da Russia 2018