Resta in contatto

Approfondimenti

Caso doping Joao Pedro: che cos’è l’idroclorotiazide

A cosa serve la sostanza che avrebbe utilizzato JP10 e perché è vietata

Una brutta mazzata per il Cagliari. La notizia di qualche ora fa è che Joao Pedro è stato trovato positivo a una sostanza vietata, l’idroclorotiazide. La partita incriminata è quella dello scorso 11 febbraio al Mapei Stadium contro il Sassuolo. Il test antidoping fatto nel post partita a Reggio Emilia condanna il brasiliano.

Ma che cos’è l’idroclorotiazide? Un diuretico, tiazidico per la precisione, fondamentalmente utilizzato nella prassi per il trattamento dell’ipertensione (e più raramente per edemi di origine cardiaca, ascite conseguente a cirrosi epatica e diabete insipido renale). Questa sostanza, contenuta in farmaci come l’Esidrex e assunta dunque per via orale, agisce sui reni per contrastare la pressione alta. Come? Inibisce il riassorbimento di sodio e dunque aumenta l’escrezione, tramite urina, di sodio e acqua così come di potassio ed idrogenioni, e in generale elettroliti, permettendo una decontrazione dei vasi sanguigni.

Perché è vietata? I diuretici sono stati vietati per gli sportivi sin dal 1988. Essi infatti possono essere utilizzati dagli atleti in due modi: per ottenere una rapida perdita di peso (eliminando sali e liquidi, ma non ovviamente massa grassa) oppure al fine di mascherare la somministrazione di altri agenti dopanti riducendone la concentrazione nell’urina a causa dell’aumento di volume. E ciò significa che le tracce di altre sostanze saranno meno facili da trovare in un test antidoping. Lo stesso idroclorotiazide, sostanza vietata, viene tuttavia eliminato tramite urine e pertanto è abbastanza controproducente la sua assunzione per un atleta, senza contare i vari effetti collaterali.

Tuttavia i diuretici costituiscono il 7,9% dei casi di doping: la sostanza più diffusa è proprio quella che sarebbe stata utilizzata dal numero 10 rossoblù. L’identificazione delle tracce di diuretici avviene oggi tramite due strumenti, la cromatografia liquida e la spettrometria di massa.

 

 

9 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
9 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

SONDAGGIO – Cagliari in B: Giulini deve restare o sarebbe meglio un’altra proprietà?

Ultimo commento: "Tutti a dire...vendere....vai via........ma. prima sarà meglio che ci sia qualcuno serio che voglia prendere e fare bene x il Cagliari calcio......e..."

Salvezza o meno i lettori di CalcioCasteddu vogliono una nuova guida tecnica

Ultimo commento: "Qui permettimi di rispondere; ma non ti sembra un po da miserabili disperati mettere 3 attaccanti contro una squadra di poveracci che meritano di..."

(SONDAGGIO) Ripartire da Agostini o cambiare ancora?

Ultimo commento: "Agostini ha preso una squadra praticamente condannata alla retrocessione. Ci voleva coraggio. Occorre un drastico cambiamento a partire dal presidente..."

(SONDAGGIO) Pereiro, fuoco di paglia o serve fiducia?

Ultimo commento: "È un giocatore che ogni tanto si sveglia del letargo e regala qualche prodezza, ma sono sicuro che un giocatore come Ragatzu avrebbe dato di più al..."

(SONDAGGIO) Cagliari-Sassuolo, ultima spiaggia per Mazzarri?

Ultimo commento: "Non credo che Mazzarri abbia molte colpe, visto che ha trovato una squadra inadeguata e anche impreparata, gli innesti di dicembre hanno portato..."
Advertisement

I Miti rossoblu

16 campionati in rossoblu per la bandiera del Cagliari

Daniele Conti

Il portiere del leggendario scudetto del 1969-70

Enrico Albertosi

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

"BONIMBA", UNO DEI PIÙ FORTI ATTACCANTI ROSSOBLU

Roberto Boninsegna

Altro da Approfondimenti