Resta in contatto

Esclusive

ESCLUSIVA – Capozucca: “Ho Cagliari nel cuore. All’addio ho pianto: tornerò in Sardegna da avversario”

Ci ha lasciato il cuore, forse perché è finita come mai avrebbe voluto. Ma ricorda con piacere i due anni a Cagliari e i momenti straordinari vissuti in rossoblù. Stefano Capozucca nella prima parte dell’intervista in esclusiva per CalcioCasteddu ci ha parlato di Barella, Han, Sau e della sfida di Marassi tra Genoa e Cagliari. Ora, nella seconda parte, si confessa: ci racconta il suo passato, tra Liguria e Sardegna, e il suo futuro…

È ancora molto legato all’ambiente di Cagliari?
“Sì, assolutamente. Cagliari rimane una pagina importante della mia vita. Non posso dimenticare la cavalcata della Serie B, in cui siamo arrivati primi, e l’anno scorso in cui abbiamo sfiorato per un punto il decimo posto, tra l’altro con un gol annullato ingiustamente contro la Sampdoria a Marassi. È stato un bellissimo percorso, non solo dal punto di vista sportivo, ma soprattutto sul piano umano: ho ricevuto tantissimo affetto dalla gente”.

L’acquisto che avrebbe voluto fare ma non si è concretizzato?
Dico due giovani che ora si stanno mettendo particolarmente in evidenza: Calabria e Cristante. Per il terzino del Milan ne parlammo a lungo prima dell’arrivo di Isla. Per Cristante invece era cosa fatta. Mi piaceva molto. Poi non ci furono le condizioni. Sono due miei rammarichi“.

Dieci anni (più la parentesi 2014-2015) al Genoa, passati ogni estate e ogni inverno a smontare e rimontare la squadra: è un piacere o un peso per un ds?
Alla fine era diventata un’abitudine. A gennaio ci dicevamo sempre: aggiustiamo la squadra con due o tre giocatori. Invece poi finivamo con sei in uscita e otto in entrata. Erano mini-rivoluzioni. Molto dipendeva anche dal bilancio. Ma alla fine riuscivamo sempre a fare abbastanza bene. Anche soprattutto grazie a un grande allenatore come Giampiero Gasperini, che sta dimostrando oggi il suo valore: nella mia permanenza ho avuto la grande fortuna di averlo spesso in panchina. Anche se lui naturalmente si arrabbiava per il mercato. Ma tutto quello che gli davamo lui lo trasformava in oro. A Genova abbiamo raggiunto traguardi importanti: siamo arrivati anche 4°“.

A Cagliari ha lasciato un bel ricordo tra i tifosi. Qualcuno la rimpiange anche…
Non amo i social e non seguo i siti. Me ne parla mia nipote e mi riporta sempre tanti messaggi carini da parte dei tifosi. Per questo ho ancora Cagliari nel cuore. Mi è dispiaciuto molto andar via, ho sofferto molto. Ma era una decisione inevitabile. Futuro? Mi auguro di essere presto al lavoro. Ho rifiutato qualche proposta in Serie A perché avevo in mente qualcos’altro che poi non si è concretizzato. Spero di tornare a Cagliari, ma da avversario“.

Il momento più bello?
Ricordo ancora la notte all’aeroporto, al ritorno dalla trasferta di Bari. Sono momenti indimenticabili. Dico sempre una cosa: di una squadra di calcio solitamente rimane nel cuore un giocatore o un allenatore, magari anche un presidente. Ma è difficile che rimanga nel cuore della gente un Direttore Sportivo. Anche perché fa un lavoro oscuro: poi se le cose vanno bene è merito di presidente e allenatore, se vanno male è colpa del direttore sportivo. L’ultima partita in casa col Milan invece i tifosi hanno gridato il mio nome: mi sono messo a piangere. Non me l’aspettavo. È stata un’emozione stupenda. A Cagliari sono stato benissimo e seguo sempre la squadra con attenzione. Non ho nessun malumore per come è finita e mi sento ancora spesso con alcuni giocatori. Al Cagliari auguro sempre il meglio. Il rapporto è rimasto, il filo è rimasto“.

 

25 Commenti

25
Lascia un commento

avatar
500
  Subscribe  
più nuovi più vecchi più votati
Notificami
Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

Tornaaaaaaaaa al più prestoooooooo

Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

Grossa perdita per il Cagliari.

Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

Il più grande errore di Giulini metterlo nelle condizioni di andar via. Il miglior Ds che abbia mai avuto il Cagliari, forse solo Longo può essere accostato a lui.

Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

con lui sicuramente il Cagliari ocuperebbe ben altra posizione in classifica,si segnerebbe di piu’…senza bidoni in campo..che nmon segnano neanche a porta vuota…

Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

Capozucca….torna a casa….che ti aspettiamo…

Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

Vorrei che quel filo rimasto con i tifosi si possa “riaggiustare” .anche con la società.

Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

Ho conosciuto il Capo ad Aritzo, si giocava una partita se nn erro contro la rappresentativa Barbagia, io ero con mia figlia allora aveva 10 anni che si sedette all’ombra in alto, mentre io scesi a tifare giù dagli spalti, durante la pausa decisi di salire da mia figlia e la vidi conversare con un’uomo che non conoscevo, mi allarmai e subito e mi sedetti accanto a lei cercando di capire chi fosse quest’ uomo, tra di me dicevo: io lo conosco pero non ricordo chi é , seguivo il loro discorso fatto di tante domande e di tanta cordialità… Leggi il resto »

Stefano Sciandra
Sottoscrittore
Stefano Sciandra

L’unico uomo di calcio da quando giulini è presidente. Senza di lui il dwstino,inevitabile, con questa dirigenza, si sarebbe già compiuto. Se giulini riuscirà a centrare la seconda retrocessione in 4 anni, sarà nella storia e personalmente spero finisca alla svelta questo ciclo pietoso!

Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

Sei un grande …. torna con noi.

Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

Sei un grande

Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

Ci manca tanto il suo balletto a Bari per la promozione in serie A.

Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

Ti aspettiamo convinci giulini a bogai dinai

Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

Magari!!

Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

Spero possa tornare. Lui gli errori nella campagna acquisti di gennaio non li avrebbe mai fatti.

Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

Grandissimo Capozucca

Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

Fate ritornare Capizzucca.

Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

Capozucca the best!!

Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

SPERO TANTO IN UNA RIFLESSIONE DEL PRESIDENTE. IL SIGNOR CAPOZUCCA È UNO CHE CI CAPISCE TANTO.

Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

Lui ha pianto all’addio, noi dall’addio non abbiamo ancora smesso di piangere

Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

Capozucca sempre.n1.complimenti.paolo.ristorante . Milano

Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

Magari

Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

Si speriamo….

Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

Io lancerei una petizione online CalcioCasteddu.it
#backtocapuzzucca

Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

Presidente,devi assolutamente far tornare il Capozza!!!

Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

Io mi auguro molto che il signor Capozucca torni al controllo della situazione perche r uno che capisce di calcio,Presidente ci deve ridare il signor Capozucca come ds.,tifosi se siete con me dite tutti.Si.

Advertisement

Daniele Conti

Ultimo commento: "Incrocio"

Enzo Francescoli

Ultimo commento: "Più che d'adattamento al campionato italiano, si trattava di microfrattura al perone(se non ricordo male)che lo perseguitò per gran parte del..."
zola

Gianfranco Zola

Ultimo commento: "Cosa c’entra ONNIS con la Sardegna? Nascita: 24 marzo 1948 (età 71 anni), Giuliano di Roma, Italia Naturalizzato Argentino"

David Suazo

Ultimo commento: "Oltretutto diventò pure tecnico e ha fatto parecchi bei gol"

Enrico Albertosi

Ultimo commento: "È stato il primo portiere a non usare il completo nero, usava la maglia rossa o blu...mitico"
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

Cerca con Pagine Sì!

Powered by Pagine Sì!

Altro da Esclusive